Tunisi, sulla Costa Fascinosa stesso pianista della Concordia

Antonello Tonna, pianista della nave Fascinosa, ormeggiata a Tunisi, era in servizio anche sulla Costa Concordia. Fu uno dei superstiti del naufragio in Toscana

"È un tragico destino il mio: essere chiamato da giornalisti per dei drammi di cui sono testimone". Prova a sdrammatizzare Antonello Tonna, pianista della nave Fascinosa, ormeggiata a Tunisi, che era in servizio anche il 13 gennaio del 2012 sulla Costa Concordia. Fu uno dei superstiti del naufragio in Toscana. Al telefono la sua voce è sempre la stessa, come invariata è la sua voglia di andare avanti. Ma, confessa, il ricordo è andato inevitabilmente subito al Giglio. "Sto rivivendo - dice il pianista catanese - le stesse sensazioni del naufragio della Concordia". E parla di un’altra coincidenza: "È il mio primo viaggio su una nave Costa dopo la tragedia della Concordia: mi sono imbarcato il 12 dicembre scorso, per finire il prossimo 31 marzo".

"Ero in un villaggio poco distante da Tunisi - ricostruisce Tonna - quando mia moglie mi ha inviato un Sms per avvertirmi dell’attentato e per informarsi su come stavo. Sono subito rientrato a bordo: sulla nave c’era apprensione, con i passeggeri attaccati ai cellulari per avere notizie". "Le uniche notizie che abbiamo - aggiunge - sono quelle che arrivano dalla televisione italiana. Sappiamo per certo che tre bus della Costa erano sul posto, speriamo che tutti rientrino presto sani e salvi". La tensione sulla Costa Fascinosa è tanta. I passeggeri si tranquillizzano parzialmente dopo un primo messaggio del comandante, Ignazio Giardina, in cui parla di "nave fuori pericolo, messa in sicurezza". Poi un secondo annuncio dall’altoparlante che arriva durante la telefonata: "La compagnia è in stretto contatto e con il ministero degli Affari esteri per il pronto rientro a bordo dei passeggeri, le misure di sicurezza sono state prese per dare maggiore tranquillità a tutti: la partenza è posticipata a domani".

Alcuni mesi dopo la tragedia il pianista catanese, insieme a un’altra superstite, la cantante olandese Justine Pelmelay, che era in vacanza col compagno Ronald Van Driel, ha inciso una canzone sul naufragio della Costa Concordia. Si intitola Il tempo si è fermato, È stata incisa in Olanda e parlava di "mani che raccolgono un abbraccio" e di un naufragio che "per sempre ci parlerà". Ma Tonna non crede ci sia spazio per un’altra canzone per l’attentato in Tunisia. Almeno per il momento.

Commenti
Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Gio, 19/03/2015 - 13:09

ORA NON BUTTIAMOGLI ADDOSSO LAFAMA DI PORTASFIGA, POVERACCIO

Ritratto di Attila51

Attila51

Gio, 19/03/2015 - 13:59

A pensare male si fa peccato....ma a volte ci si .....

Ritratto di Attila51

Attila51

Gio, 19/03/2015 - 13:59

A pensare male si fa peccato....

Raoul Pontalti

Gio, 19/03/2015 - 14:00

Dopo la crociera da brivido con inchino e affondamento, dopo la crociera con visita museale guidata da ISIS e sparatoria compresa nel prezzo, quando sarà la prossima avventura per mare? Basta chiedere al pianista...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 19/03/2015 - 14:16

Cribbio! se non è FAR WEST questo: sopra il pianista del saloon vi era sempre scritto: PLEASE! DON'T SHOOT MY I'M ONLY THE PIANO PLAYER.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 19/03/2015 - 14:21

La prossima volta per chi si avvicina al "Regno di Allah", alias la fascia nord africana e il vicino Medio Oriente, invece di andare in crociera sarà più salutare andare in CROCIATA.