Turchia, tracce radar collegano gli Stati Uniti ai caccia dei golpisti

Sale la tensione tra la Turchia e gli Stati Uniti. Ci sono tracce radar che collegano la base di Incirlik alla rotta dei caccia dei golpisti

Ci sono tracce radar che collegano la base di Incirlik alla rotta dei caccia dei golpisti turchi. Secondo indiscrezioni riportate da Repubblica, la rete di comunicazione della Nato sarebbe stata usata per coordinare i movimenti del golpe sfuggendo così alla sorveglianza dell'intelligence governativa. A confermare queste accuse, che se confermate inchioderebbero l'amministrazione Obama, ci sarebbe il decollo dalla pista di Incirlik di almeno un aereo cisterna che avrebbe rifornito di carburante gli F-16 golpisti impegnati a bombardare i palazzi governativi nel tentativo di uccidere Recep Tayyip Erdogan.

Le tracce radar di Incirlik

Le accuse di Ankara sono state lanciate non appena il golpe era stato sventato. Erdogan non ci ha pensato su più di tanto e ha incolpato Washington puntando il dito contro Barack Obama. Col passare delle ore sembra che dietro al blitz di venerdì notte ci sia effetticamente la longa manus degli Stati Uniti. A confermare questa tesi ci sarebbero appunto le tracce radar che partono da Incirlik. In realtà nella base della Nato non ci sono solo i rifornitori americani ma anche quelli turchi. Il modello è identico. E, come fa notare Repubblica, tutti i velivoli turchi "dipendono dall'ufficiale anatolico che guida il Decimo Tanker Group, il generale Bekir Ercan Van, arrestato domenica insieme ad altri undici militari". Stando alla versione fornita dal Pentagono, infatti, l'aereo cisterna sarebbe infatti partito dalla zona turca dell'aeroporto. Una tesi che, però, regge fino a un certo punto se si considera che "i reparti statunitensi sono integrati nel comando turco".

Il fallimento del golpe

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il fallimento del golpe va ricercato proprio nel braccio di ferro che venerdì notte si è consumato nei cieli turchi. Quando i caccia F-16, che sorvolavano Ankara e Istanbul, non sono riusciti ad abbattere il bireattore di Erdogan, il putsch era pressoché perso. Secondo numerosi analisti, il mancato abbattimento del velivolo presidenziale da parte dei generali ribelli resta un mistero, ma secondo la ricostruzione fornita dal sito Flightradar Erdogan sarebbe stato difeso dagli F-16 del Sesto stormo caccia che si sono subito alzati in volo dall'aeroporto di Bandirma. I caccia governativi hanno, infatti, aperto la strada di Erdogan a Istanbul abbattendo prima un elicottero golpista che volava su Ankara e bombardando poi i carriarmati che assediavano il parlamento.

Commenti

abocca55

Mar, 19/07/2016 - 11:05

Se sono stati gli Americani, bisogna dire che sono veramente scarsi. Poi non si capisce la posizione della CNN. Gli USA sono allo sbando come tutto l'occidente. Vi è il terreno fertile per i populismi neo-fascisti. In Europa basterebbero tre o quattro uomini forti e decisi per creare un nucleo economico e politico di vera e forte Europa Unita. Ma tutti si vogliono miopamente farsi i conti in tasca. Bisognerebbe unire i debiti pubblici, e poi unire la politica estera e unificare gli eserciti. Risparmi immensi che compenserebbero le condizione di debito pubblico. Ma non si fa niente perché vi è idiozia, paura, indecisione, prevaricazione, mancanza di lungimiranza.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 19/07/2016 - 11:09

---------lo avevamo detto ieri che c'era la manina degli stati uniti---ma gli illuminati mi si sono rivoltati contro come un branco di lupi famelici-----quelli che credono alle barzellette del NWO --quelli si credono si sapere tutto.....intortati da teorie fantasiose..........hasta siempre

giovanni PERINCIOLO

Mar, 19/07/2016 - 11:26

Se confermata, la matrice USA nel golpe sarebbe solo l'ennesima prova della assoluta incapacità e pressapochismo dell'abbronzato di Washington e la sua!

Ritratto di MLF

MLF

Mar, 19/07/2016 - 11:38

Resto dell'idea che il "golpe" sia stato organizzato da Erdogan. Il fatto stesso che l'aereo presidenziale non sia stato abbattuto, la dice tutta... Ci ha guadagnato troppo il sultano, con questa storia. Troppo.

meloni.bruno@ya...

Mar, 19/07/2016 - 11:44

Lo avevo intuito subito in un mio precedente commento, che gli usa avevano fatto una mezza marcia indietro,se fosse confermato il loro coinvolgimento,andrà ad aggiungersi,alle altre quelle del Vietnam,Iraq,Libia,Siria,ecc..ecc..

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mar, 19/07/2016 - 11:49

Ci fu un tempo in cui gli Americani scatenavano, con successo, colpi di stato in ogni angolo del pianeta. Questa volta il tentativo di golpe da loro sponsorizzato è durato meno di cinque ore. Si è così avverata la profezia del presidente Mao: gli USA sono diventati una tigre di carta!

aitanhouse

Mar, 19/07/2016 - 12:02

non ci crediamo e non vogliamo crederci: da sempre gli americani hanno organizzato golpe e difeso poi i golpisti; il fallimento in turchia sarebbe la dimostrazione che solo un uomo come trump potrebbe rimettere in piedi un paese indebolito e drogato da logiche di sinistra.

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 19/07/2016 - 12:20

A me semmai sembrerebbe strano il contrario ovvero se gli USA evessero ignorato quanto avveniva visto che in Turchia hanno una Base.

ghorio

Mar, 19/07/2016 - 12:37

Il golpe è stato organizzato da Erdogan. Infatti non mi risulta che sia stato bombardato il palazzo del sultano . Sarebbe ora che l'Occidente richiamasse all'ordine questo dittatore strisciante che sta portando la Turchia nel caos e in regime di stampo religioso.

ernestorebolledo

Mar, 19/07/2016 - 12:51

Obama è un genio per tradire i buoni amici degli Stati Uniti (Gheddafi , Erdogan)

ernestorebolledo

Mar, 19/07/2016 - 12:55

è ben dimostrato che non avete bisogno di nemici quando si ha come amico gli Stati Uniti

Basedifference

Mar, 19/07/2016 - 13:00

che cagata tutti gli aerei sono ditati di transponder che li identifica che aveebbero da nascondersi dei caccia turchi in territorio turco ma per piacere

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 19/07/2016 - 14:31

Se davvero è un golpe del regno del Caos, l'ennesimo, Erdogan fa bene ad ammazzare tutti i venduti

antipifferaio

Mar, 19/07/2016 - 15:14

L'abbronzato di Washington per l'occidente è stato peggio dell'influenza spagnola del 1918......

PEPPINO255

Mar, 19/07/2016 - 15:22

E tutto questo trambusto in neanche tre ore? Ma chi volete che ci creda...??!?!?

Ritratto di combirio

combirio

Mar, 19/07/2016 - 15:35

Ho sempre pensato che solo noi potevamo avere dei politici fai da te. Ma se fosse vero dello zampino degli Americani batterebbero nell' universo i politici principianti alla riscossa. Considerando che nella loro base hanno un dettaglio! solo 50 bombe atomiche.

VittorioMar

Mar, 19/07/2016 - 16:01

...considerazioni politiche dall'ONU??....silenzio ...non pervenute!

Trifus

Mar, 19/07/2016 - 18:36

VittorioMar, cos'è l'ONU? Non si sforzi di rispondere, lo so cosa è l'ONU. E' un'organizzazione sparaminchiate, terzomondista, mangiasoldi, quello che non so è a che cosa serve.

onurb

Mar, 19/07/2016 - 19:03

Nel racconto manca un particolare: gli F16 dei golpisti dove stavano? Se hanno tentato di abbattere l'aereo su cui volava Erdogan e se questo era difeso da altri F16, una battaglia aerea, sia pur minima, dovrebbe esserci stata e aver lasciato tracce radar come quelle dell'aereo cisterna che riforniva gli F16 dei golpisti.

onurb

Mar, 19/07/2016 - 19:06

In ogni caso la storia del golpe è tutta da scrivere. In 3 ore il governo turco è riuscito non solo a far fallire il golpe, ma anche a preparare le liste di proscrizione e a far arrestare tutti gli oppositori: una dimostrazione di efficienza incredibile.

Clericus

Mar, 19/07/2016 - 19:18

Insomma il golpe è stato organizzato da Erdogan con la complicità di Barack Hussein Obama. I caccia turchi NON hanno bombardato l'hotel dov'era alloggiato Erdogan e NON anno abattuto l'aereo che lo tasportava, mentre hanno colpito dei palazzi governativi che di notte erano ovviamente vuoti...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 19/07/2016 - 19:36

onurb - Ogni stato serio ha una lista di nemici interni. In Turchia poi sono abituati a golpe e hanno visto quanto successo in Siria, Ucraina e come operano le ONG di Soros e soci. Normale che abbiano una lista di proscrizione.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Mar, 19/07/2016 - 19:39

Anche quì, nessuna traccia di luigipiso e raoulpontalti... Abbiamo bisogno di SAPERE... Fatevi vivi, senza le vostre pillole di saggezza, siamo tristi e avremmo tanta necessità di RIDERE ! Coraggio !

paolonardi

Mar, 19/07/2016 - 22:53

Solita dietrologia anche se col minus habens alla casa bianca e' tutto possibile.

diegom13

Mar, 19/07/2016 - 23:42

Kerry aveva appena incontrato Putin. USA e Russia avevano trovato l'accordo per aggiungere due gruppi alla lista dei bersagli in Siria. Uno è appoggiato dai turchi. Erdogan sta solo cercando di costringere gli USA a dargli Gülen e a non riavvicinarsi alla Russia. Che poi i turchi usino le tracce radar come fa loro comodo è cosa già vista. In quanto al fatto che "i reparti statunitensi sono integrati nel comando turco": sai che ovvietà, visto che la caserma è turca. E che c'entra? Se i turchi decidono di far partire un loro aereo cisterna, mica devono chiedere il permesso agli americani.

mila

Mer, 20/07/2016 - 06:29

@ abocca55 -Non si fa niente perche' la Germania pensa che non sia nel suo interesse.

umberto nordio

Mer, 20/07/2016 - 08:01

Poveri USA ,che decadenza ,non riescono più ad organizzare un golpe come si deve!