La Lufthansa getta la spugna: "L'incidente è inspiegabile"

Cosa è successo tra le 10.30 di ieri, quando si sono interrotte le comunicazioni, e l'impatto sul Mont Estrop? La dinamica e le cause dell'incidente restano oscure. Ma la Lufthansa assicura: "L'aereo non aveva problemi tecnici e il pilota era esperto e addestrato"

Cosa è successo tra le 10.30 di ieri, quando si sono interrotte le comunicazioni con l'Airbus A320 della compagnia Germanwings, e l'impatto sul Mont Estrop? La verità sul disastro aereo nelle Alpi francesi potrà arrivare solo dalle scatole nere, una delle quali è stata trovata tra i rottami e i corpi senza vita del volo 4U9525. È questa, insieme alla morte delle 150 persone che si trovavano a bordo dell'aereo, la sola certezza del giorno nero dell’aviazione europea. Per il resto la dinamica e le cause dell'incidente restano oscure.

"L'incidente è inspiegabile - ha affermato il ceo di Lufthansa, Carsten Spohr - l’aereo non aveva problemi tecnici, era in perfette condizioni e il pilota era esperto e addestrato". Il volo era decollato alle 10.01, con 26 minuti di ritardo, da Barcellona alla volta di Dusseldorf, un tratto di volo relativamente breve. A un certo punto, qualcosa non ha funzionato: l’aereo è disceso improvvisamente per almeno 8 minuti a una quota di 6.000 piedi (1.800 metri) piedi. Il contatto con la torre di controllo si è interrotto alle 10.53. Un segnale di distress (soccorso) era stato lanciato da un centro di controllo dopo che erano stati persi i contatti radio con l’Airbus ma dalla compagnia aerea non arrivano conferme su questo particolare: la Germanwings ha fatto sapere che dalla torre di controllo sono arrivate "informazioni contraddittorie" a questo proposito. I computer di bordo "erano stati sostituiti", sull’Airbus c’era "l’ultimissima versione" e l’ultimo controllo capillare "era stato effettuato nell'estate del 2013". L’Airbus aveva 24 anni di età ma aveva superato i check di controllo. Il pilota contava dieci anni di esperienza con Lufthansa e Germanwings e alle spalle aveva 6.000 ore di volo.

Ieri l’aereo era rimasto a terra per un problema tecnico a uno sportello nella fusoliera. "Ma - ha spiegato un portavoce della compagnia - era stato completamente risolto". L’aereo è scomparso dai radar alle 11,15 mentre sorvolava le Alpi dell’Alta Provenza, nei pressi di Bercelonette. Il sito che monitora il traffico aereo AirlLive.net ha accertato che lo stesso volo ieri aveva percorso esattamente la stessa rotta, smentendo quindi notizie secondo le quali l’aereo aveva percorso "una rotta anomala". Cosa ha causato, dunque, lo schianto? Escludendo la pista del terrorismo, la Lufthansa ha parlato di un incidente. Ma niente di più. Una delle scatole nere dell'aereo - quella con le voci dei piloti - è stata recuperata. Purtroppo è rimasta danneggiata dallo schianto ma il ministro dell'Interno francese, Bernard Cazeneuve, è fiducioso: "Può comunque fornire informazioni utili".

Mappa

Commenti

vince50

Mer, 25/03/2015 - 10:03

A prescindere da tutte le possibili anomalie,mi chiedo perchè in quei 8 minuti si sono interrotte la comunicazioni con i controllori?.Temo che la verità(vera) verrà inesorabilmente nascosta,e questo per molte ragioni.

magnum357

Mer, 25/03/2015 - 10:13

Esprimo le mie condoglianze ai parenti delle vittime di questa tragedia. Faccio tre ipotesi: a.problema molto grave al sistema di pressurizzazione b.problema molto grave al sistema elettrico c.Stallo motori dovuto a problema elettrico o a mancanza carburante !!!

salentos

Mer, 25/03/2015 - 10:55

Ma io mi domando e dico: siamo tutti (chi piu' chi meno) sempre collegati ad un cloud , ma è davvero cosa improponibile/ realizzabile by passare le scatole nere che si danneggiano o si perdono immancabilmente??? registrazioni che resterebbero lo stretto indispensabile sul cloud !!!!!

blackbird

Mer, 25/03/2015 - 11:32

Tenderei a escludere un problema di pressurizzazione: la pressione in cabina è quella dei 3-4.000 metri, la mancanza d'ossigeno verrebbe risolta con le maschere individuali, quindi perché scendere a 1.800 metri? Perché la radio tacque? Probabile gravissimo problema elettrico (taleda mandare fuori uso la redio e i motori). Ma in 8 minuti nessuno dei passeggeri telefono? 8 minuti in caduta libera sono un tempo lunghissimo (soggettivamente) e almeno uno dei 150 a bordo avrebbe telefonato a qualcuno. Infine pare che una trentina diequipaggi della compagnia sisianorifiutati di volare oggi, sanno qualcosa cheviene tenuta nascosta? Hanno dovuto risolvere altri "problemi" durante i voli? Temo che anche in questo caso non sapremo mai la verità vera: troppi interessi stravolgeranno tutto. Ormai ci trattano da limoni da spremere e ci fanno giocare ai loro giochi, ci piaccia o non ci piaccia.

agosvac

Mer, 25/03/2015 - 13:00

Ma che c'entra la Lufthansa??? Oppure questa compagnia lowcost faceva parte della sua struttura??? In questo caso sarebbe bene che Lufthansa desse ai suoi associati degli aerei in grado di volare non vecchi ruderi di 24 anni. Ad una certa età, si sa, ci sono piccole magagne che sfuggono anche ai controlli più accurati.

Raoul Pontalti

Mer, 25/03/2015 - 13:03

I complottisti non mancano mai (altrimenti grillini e legaioli dove pescherebbero consensi?) e hanno la formula magica per giustificare le loro teorie strampalate: la verità, quale essa sia, sarà invariabilmente tenuta nascosta...In realtà a causare la maggior parte dei disastri in cielo, in mare e in terra è la disattenzione umana, magari in fase di assemblaggio di apparecchiature elettroniche con sensori che non sentono o funzionano poi a capocchia. Immaginiamo, come è già accaduto, che il sensore del combustibile non funzioni e che per risparmiare sul peso e quindi sui consumi non si siano riempiti se non parzialmente i serbatoi del velivolo: l'esito può ben essere la planata descritta dai grafici mostrati ieri, ossia a motori spenti. La riprova può venire dalla mancanza di segni di incendio al suolo.

simone64

Mer, 25/03/2015 - 13:04

Ogni volta che succede una tragedia tutti pronti a tirare in ballo il terrorismo islamico. Ma piantatela !!!!!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Mer, 25/03/2015 - 13:07

Se l’incidente non ha una spiegazione logica si rafforza il sospetto che possa essere accaduto qualcosa di “straordinario” a cui ancora non si è pensato come un sabotaggio, un’esplosione, un atto terroristico.

alberto.rossattini

Mer, 25/03/2015 - 13:14

Anche se da più parti è stato escluso l'attentato terroristico, secondo me l'unica spiegazione che ha portato i piloti a non comunicare per 8 minuti è che potrebbero essere stati costretti. Una anomalia tecnica li avrebbe sollecitati e chiedere aiuto.

Ettore41

Mer, 25/03/2015 - 13:22

8 minuti di silenzio radio sono tanti e non sono neanche spiegabili con una avaria elettrica. La radio e' sulla barra batteria e dovrebbe essere sempre operativa. Un incidente aereo non e' mai inspiegabile, le ragioni si trovano sempre, se si vuole. Meno male che non e' caduto in Italia altrimenti avremmo Ustica N.2 con la sinistra che grida al complotto e mette sotto accusa l'Aeronautica Miltare con motivazioni risibili e pretestuose.

Ettore41

Mer, 25/03/2015 - 13:27

Mi stavo preoccupando, ma finalmente Raoul Pontalti ha sentenziato sparando la sua ca@@ata quotidiana. Bravo Raoul ora puoi tornare a cuccia.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 25/03/2015 - 13:35

@blackbird:...sono d'accordo con lei!....Lista passeggeri?...il CEO della Lufthansa,che si affretta a dire subito "inspiegabile"....Troppe stanezze da nascondere!

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 25/03/2015 - 13:51

Invece di fare tante supposizioni e lavorare di fantasia sarebbe più serio aspettare l'esito dell'esame della scatola nera. Potrebbe trattarsi anche di un attentato terroristico, al momento non si può escludere, e fa specie che il moretto americano lo abbia precipitevolissimevolmente escluso, come ad allontanare i sospetti sui suoi amichetti islamici. Il silenzio radio durante la caduta fa pensare ad una costrizione o all'improvvisa perdita di coscienza di tutti, compresi i piloti. Potrebbe trattarsi anche di sabotaggio. E' soltanto una delle possibili ipotesi. Di certo al momento ci sono le 150 vittime del disastro.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 25/03/2015 - 13:53

Come scrissi commentando l'articolo della tragedia, l'anomalia della rotta=attentato.Si può discernere da chi,il perchè e le modalità ma non sulla tipologia dell'accadimento.Condoglianze alle famiglie di chi,repentinamente è stato strappato alla vita.

Tuthankamon

Mer, 25/03/2015 - 13:59

Potete star tranquilli che nessuno getta la spugna in queste cose. Le inchieste sugli incidenti aerei richiedono una lunga serie di analisi e di esami. Anche perche' e' essenziale che qualsiasi elemento di prevenzione di situazioni analoghe, venga portato a conoscenza di tutto il settore. Se si pensa di poter avere delle risposte in 2 o 3 giorni, e' materialmente impossibile. In generale, fuori dell'Italia, la magistratura resta fuori (per fortuna) dalle inchieste finche' non emergono delle responsabilita' rilevanti. Altrimenti le indagini non finirebbero mai e si trascinerebbero per decenni ...

Ritratto di danutaki

danutaki

Mer, 25/03/2015 - 13:59

@ agosvac....Germanwings é la low cost di proprietá di Lufthansa, come Hop lo é di Air France....Lufthansa Technik, cura la manutenzione di tutti i velivoli...e le assicuro che nella manutenzione aeronautica non ci sono piccole magagne che sfuggono....errori umani si purtroppo !!

Ettore41

Mer, 25/03/2015 - 14:00

@blackbird..... Dica la verita' lei ha letto e visto molti film di John Le Carre'. Guardi, pero' che la realta' e la fiction non sono la stessa cosa.

Ritratto di Sniper

Sniper

Mer, 25/03/2015 - 14:03

Quel blackout di 8 minuti tra l'ultimo contatto e l'impatto, e l'assenza di telefonate dei passeggeri, si spiegherebbe con una rapida perdita di coscienza di tutti, probabilmente per depressurizzazione improvvisa, e lenta perdita di quota dell'aereo. E` successo in un paio di occasioni negli ultimi anni con piccoli aerei privati in America. Se ci fosse stata una depressurizzazione con spiegamento delle maschere a ossigeno e conseguente discesa in quota di salvezza da parte del pilota cosciente, questa sarebbe stata piu` rapida, non sarebbe durata 8 minuti. Lo so perche' mi e` capitato. Quanto alle cause, non credo che potranno essere occultate, non siamo a Ustica, e ci vorrebbero troppe manovre politiche di troppi Paesi per gestire un segreto scomodo.

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 25/03/2015 - 14:06

In otto/nove minuti quante centinaia di Mayday avrebbero potuto lanciare se i piloti non fossero stati impossibilitati a farlo? E della scia nera che l'aereo lasciava dietro di sè che i valligiani hanno visto che cosa dire?

Raoul Pontalti

Mer, 25/03/2015 - 14:18

Ettore41 meccanico di precisione con il filo di ferro: a te non è mai capitato ovviamente di applicare apparecchiature elettroniche che non funzionavano perché non te le lasciavano in mano...Sulle planate senza carburante vi è tutta una letteratura, basta consultarla, così come sui voli con poco combustibile per risparmiare sui consumi (aereo che pesa meno) nonché sui sensori che non funzionano e sulle apparecchiature elettroniche di bordo che vanno in "tilt" e per riprendere il controllo del velivolo vengono spente. Ma come l'ingegnere progettista di aerei di carta in altro commento è meglio immaginare il jihadista con pistola alla tempia del pilota... In ogni caso i tempi della planata sono compatibili con un tentativo di atterraggio a motori spenti (cfr volo Air Transat 236 ad es.) solo che non sembra essersi cercato aeroporto cambiando rotta.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 14:19

Onestamente mi pare un po' presto per fare ipotesi di qualsiasi genere. Ok, ci sta che uno azzardi analisi tecniche, soprattutto quelli che hanno un minimo di competenza. Però onestamente mi pare che alcuni abbiamo fretta di infilarci l'ipotesi terrorismo. E la sensazione è che resterebbero anche un po' delusi, se saltasse fuori che è stato un banale guasto tecnico. Ma c'è sempre un'ottima via d'uscita, che è quella di mettere in dubbio le risultanze ufficiali. Possiamo sempre dire che i francesi e i tedeschi nascondono la verità. Che invece molti qui conoscono già, anche se è difficile capire in base a quale competenza....

COSIMODEBARI

Mer, 25/03/2015 - 14:27

La compagnia aerea tedesca deve pararsi il doppio deretano, quello delle quotazioni in borsa e quello di gran parte dei loro equipaggi che ieri hanno incrociato le braccia rinunciando ai voli. Questi ultimi così facendo, per tutto il resto della giornata, hanno messo un brutto pensiero a tutti, quello sulla efficienza degli aerei in dotazione. Allora quale migliore risposta da dare all'opinione pubblica e quindi anche al mondo finanziario, se non che è un mistero? Laddove la parola mistero, a brevissimo, sarà rimossa e sostituita con quella dell'errore umano, e le assicurazioni non pagheranno oppure pagheranno miserie ai parenti delle vittime. E poi neppure una delle 150 persone hanno più voce, neppure un filo di voce.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Mer, 25/03/2015 - 14:28

Caro Raul, sarai molto informato su tanti argomenti ma la tua ipotesi è molto discutibile. In caso di carico combustibile non sufficiente, i motori ovviamente si spengono, e fino qui siamo entrambi d'accordo. Ti invito ad informarti sull'aliante di Gimli, volo Air Canada 143. Riassumendo: visto che sono i motori a fornire la pressione idraulica dei circuiti di manovra e la tensione nell'aereo in caso di mancanza combustibile esiste una turbina d'emergenza RAT che serve per l'alimentazione dei sistemi di bordo e idraulici. L'aereo in assenza di combustibile poteva manovrare e comunicare l'emergenza, cosa che non è avvenuta. Che poi solo uno, il capitano Pearson, fu in grado di atterrare con un 767 come un aliante senza vittime, questo è un altro paio di maniche...

ORCHIDEABLU

Mer, 25/03/2015 - 14:29

snipers non siamo a ustica,ma in francia dopo piu' di 30 anni.Quando la controparte e' troppo offensiva tutti diventano ustica,questo sentirvi sempre superiori alla media vi rende poco credibili a tutti i livelli.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 14:37

@mina2612, se i piloti fossero stati coscienti ovviamente la prima cosa sarebbe stata quella di inserire nel trasponder il codice di emergenza 7700 o di atti illegali 7500. E poi, potendo, avrebbero dato il Mayday via radio. Se non l'hanno fatto le ipotesi sono tante, dalla depressurizzazione rapida all'atto violento, più qualche altra ipotesi intermedia. Una cosa è certa, qui molte persone SPERANO che sia stato un atto terroristico. Questo darebbe loro l'opportunità di lanciarsi nelle solite filippiche contro immigrati, islamici ecc ecc. Ma non sarebbe meglio aspettare di avere qualche informazione in più? Così, giusto per evitare di far brutte figure poi....

Ritratto di enniodorissa

enniodorissa

Mer, 25/03/2015 - 14:39

le ipotesi:1-un musulmano sunnita uccide i piloti portando il velivolo in picchiata e uccidendo tutte le persone a bordo compresi due neonati,ma questo x un musulmano sunnita è motivo di orgoglio 2-l'aereo,esattamente come quello della malaysian ha seguito inizialmente una rotta anolmala,gli americani della base di Aviano o di qualche portaerei nel mediterraneo si sono cagati addosso e lo hanno abbattuto: un giro di telefonate ai primi ministri e ecco che la pagliacciata di Culona holland &co ha inizio, i merdecani si cambiano le mutande ed ecco un altro disastro inspiegabile 3-collasso strutturale: da escludere in quanto 2 piloti avrebbero almeno mandato un sos dato che non erano li x giocare al cubodirubik o lavorare all'uncinetto vorrei ricordare che un disastro come quello della TWA in atlantico è stato chiarito causa difetto impianto condizionamento: se vogliono chiariscono qualsiasi disastro, se non vogliono MURODIGOMMAcome dicono i magistrati ITAVIA del 1980

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 14:53

Comunque è triste constatare come tanti commentatori, pur in presenza di tante vittime, siano divorati dalla foia di dare la colpa a questo o a quello (senza competenza alcuna) o quanto meno di irridere la "controparte". Gente tipo l'egregio Ettore41, il cui primo riflesso è quello di irridere la sinistra.

Raoul Pontalti

Mer, 25/03/2015 - 14:53

#gabriele74-cina: hai ragione e ad essere tuttologi si finisce talvolta con lo smarronare anche di brutto. Ma sono tuttologo di professione (pur astenendomi rigorosamente da materie donnesche come il taglio e cucito...) e come tale so fare la sanguisuga degli esperti. Nella fattispecie mi sono divertito a leggere ciò che dicono gli esperti svizzeri (in genere abbastanza precisi...) e di ipotesi ne hanno sciorinate molte, ma giammai quella terroristica. Sul combustibile: non caricato a sufficienza (improbabile), guasto alle pompe (difficile per l'alimentazione incrociata), svuotamento serbatoi per guasto o manovra errata del sistema di svuotamento d'emergenza, etc. In ogni caso ammettono come possibile l'arresto dei motori e conseguente planata. Sulla "scia nera" di un lettrice: eventualmente "bianca" in carattere di svuotamento d'emergenza dei serbatoi (che allora avevano invece del combustibile)?

blackbird

Mer, 25/03/2015 - 14:55

Ci sono stati casi di esaurimento del carburante. Perché i pilotistavano assistendo a una partita e si sono persi o perché si sono addormentati o perché l'aereo ha trovato fori venti contrari o perché i sensori indicavano un errato livelo neiserbatoi o perché hanno volato per ore in attesa di atterrare. Ma qui ci troviamo di fronte ad un volo di routine, con una rotta breve e verso un aeroporto importante dove l'aereo avrebbe potuto essere messo in lista d'attesa o dirottato su uno scalo alternativo. L'incidente è avvenuto a pochi minuti dal decollo, non alla fine del viaggio. Per quanto riguarda le inchieste poi... che fine ha fatto quella sull'aereo abbattuto sui cieli dell'Ucraina?

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 14:59

@enniodorissa, ma non le sembra un po' presto per tutte queste sue ipotesi? Fra l'altro si tratta di ipotesi con scarsa baste tecnica, mi pare. La discesa a velocità costante non mi pare compatibile con l'ipotesi della picchiata sunnita. La regolarità della discesa quanto meno fa pensare all'autopilota. Stesso discorso riguardo all'ipotesi dell'abbattimento da parte degli americani o al cendimento strutturale. Mi pare che Lei abbia più che altro voglia di far polemica, più che analizzare con competenza i pochi dati disponibili.

Raoul Pontalti

Mer, 25/03/2015 - 15:11

Bravo enniodorissa! E l'aereo in mano agli islamici è stato abbattuto con il telecomando...E perché poi sulle montagne e non sopra il mare? E come mai non risultano voli di aerei non riconoscibili (transponder ovviamente spenti come usano i militari) sui tracciati radar? Ti faccio notare che gli Svizzeri non sono servi NATO e da Ginevra stavano apprestandosi a prendere in cura l'aereo.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 15:12

@Raoul Pontalti 14:53 - Mi fa strano che nelle varie ipotesi i piloti non abbiano inserito i codici di emergenza 7500 o 7700 nel transponder e non abbiano dato alcun allarme radio. Il tipo di discesa, rapida ma a velocità controllata, fa più pensare ad un autopilota inserito prima di perdere conoscenza. Perché se ci fosse stato un dirottatore, come pacatamente suggeriscono alcuni, non credo che questi avrebbe scelto la strada della discesa controllata sulle Alpi. Un dirottatore avrebbe cercato la distruzione più veloce, cadendo possibilmente su una città o comunque su un obiettivo più "utile" per i suoi fini deliranti. Fermo restando che non abbiamo ancora elementi di giudizio validi, come lei tenderei ad escludere l'atto terroristico. Mentre invece non escluderei la perdita di conoscenza più o meno improvvisa.

mister_B

Mer, 25/03/2015 - 15:16

grande Sergio Rame ti leggo sempre volentieri, tuttologo smascheratore di complotti. Hanno proprio gettato la spugna, si si si....

Ritratto di enniodorissa

enniodorissa

Mer, 25/03/2015 - 15:16

un aereo di quel tipo, portato in picchiata, non si comporta come in un fumetto di Flash Gordon, ma avanza con velocità costante

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 25/03/2015 - 15:16

Poco fa,il Ministro degli Interni tedesco,Thomas de Maiziere ha dichiarato che:“non ci sono concrete evidenze che coinvolgano terze persone nella causa del disastro,e ha concluso dicendo che le investigazioni,vaglieranno comunque tutte le possibili cause.".....Stiamo a vedere!

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 15:21

@blackbird, se si fosse trattato di esaurimento carburante, i piloti avrebbero comunicato lo stato d'emergenza mediante codice transponder e/o mayday radio. Per quanto la situazione d'emergenza possa impegnare i piloti, durante i lunghissimi 8 minuti di discesa il tempo ci sarebbe stato di sicuro. Le inchieste vengono sempre fatte, quando possibile, con estrema cura, perché i dati che emergono dalle inchieste sono essenziali per le compagnie aeree e per i costruttori, per evitare altri incidenti. Certo, quando si vola in zona di guerra, come nel caso MH17, tutto diventa più complicato. Anche perché i dati che possono emergere dall'inchiesta non interessano compagnie e costruttori, perché la causa è evidente, non si tratta di un guasto tecnico.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 25/03/2015 - 15:24

Nessuna spiegazione? Mai sentito parlare in Lufthansa e dintorni di metodo 8D (e 5 why?)?? Mi sembra davvero un tentativo di insabbiamento...

eloi

Mer, 25/03/2015 - 15:27

Il CEO di Lufthansa dichiara: L'incidente è inspiegabile. Per caso non vorra dire. Non sarà mai spiegato?

Ritratto di enniodorissa

enniodorissa

Mer, 25/03/2015 - 15:32

è da stupidi pensare che i "martiri" debbano per forza dirottare su un obiettivo quando oggi si parla anche di "cani sciolti" e quindi di semisprovveduti che possono tranquillamente abbassare una cloche il problema è il seguente: non possiamo trascurare l'unica prova e cioè l'aereo seguiva una rotta anomala, e le merdecani considerano una minaccia un aereo civile fuori rotta, azzardo l'ipotesi che ci sia una convenzione internazionale dopo l'11/9 per proteggere le città questo, logicamente, se non viene fatta piena luce sul disatstro a me personalmente dispiace soprattutto per i due neonati, per il resto nn me ne frega nulla visto che in europa nn frega nulla dei 6000 morti in ucraina

Ritratto di danutaki

danutaki

Mer, 25/03/2015 - 15:37

@ salrandazzo...ritiene che la sinistra abbia bisogno di essere "irrisa" ?? A me sembra che si "irrida" quotidianamente da sola .....suscitando, questo si, smaccate risate !!!

Ritratto di enniodorissa

enniodorissa

Mer, 25/03/2015 - 15:38

è poi singolare una scatola nera danneggiata: sono costruite apposta per uscire indenni da un disatro aereo e vengono persino recuperate indenni da parecchi metri di profondità mah!

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 15:40

@enniodorissa, secondo lei un dirottatore non avrebbe cercato di fare qualcosa di meno banale che schiantarsi con rotta rettilinea contro una montagna? Senza neanche tentare di virare a destra verso Nizza, verso Cannes, o di tornare indietro verso Marsiglia. Una rotta così regolare, così, tranquilla, davvero le fa venire in mente un dirottatore?

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 15:54

@enniodorissa, sono uno degli stupidi che pensano che un dirottatore debba avere un minimo di preparazione per fare un'azione di questo tipo. Ed anche un minimo di strategia, ossia fare il maggior danno possibile ed ottenere la maggior risonanza possibile. Qui manca la rivendicazione. Un dirottatore avrebbe come minimo fatto trasmettere il mayday, per far sapere a tutto il mondo che era in atto un'azione terroristica. Altra sua ipotesi, l'aereo dirottato abbattuto dagli americani. Beh, capirà anche lei che un aereo abbattuto non scende con una rotta così regolare. C'è qualcosa che non torna nel suo "ragionamento", se posso usare questa iperbole.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mer, 25/03/2015 - 15:57

un'altra Ustica? Anche allora nessuno sapeva niente, soprattutto francesi e americani, e sembrava tutto regolare.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 16:00

@mvasconi, il metodo 8D è codificato dal 1987 ed è universalmente conosciuto. Le ricordo rispettosamente che qui stiamo parlando sulla base di valutazioni giornalistiche, ossia valutazioni da parte di giornalisti ignoranti e che hanno solo fretta di fare sensazione. Non si può ragionevolmente pretendere di avere delle risposte serie a poche ore dall'accaduto. Stiamo solo sparando sciocchezze basate su zero informazioni.

onurb

Mer, 25/03/2015 - 16:08

blackbird. Quando l'aereo è in volo al livello di crociera, 35.000 ft, la pressione all'interno dell'aereo è più o meno quella di una quota di 1.500 metri, perché il sistema di condizionamento e pressurizzazione dell'aereo la mantiene a quel valore. Ma se la struttura dell'aereo ha un cedimento di qualsiasi natura che lo mette in contatto con l'esterno, la pressione interna diventa immediatamente quella esterna. Si parla addirittura di decompressione esplosiva che ha conseguenze gravi sull'organismo, se non si interviene rapidamente.

grandeoceano

Mer, 25/03/2015 - 16:12

Forse nella cabina di pilotaggio erano già tutti morti. Un gas?

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 16:14

@enniodorissa, il FDR è progettato per resistere ad un urto a 270 knots (310 mph) con una decelerazione in 450cm. Se per qualsiasi motivo le condizioni di impatto superano queste specifiche, il FDR si danneggia. Comunque mi pare che, sia pure in queste condizioni di informazioni assolutamente parziali, hanno detto "FDR danneggiato ma leggibile", quindi direi che il dolo sembra da escludere, altrimenti avrebbero finto di non averla trovata o magari avrebbero detto "danneggiata, illegibile".

onurb

Mer, 25/03/2015 - 16:15

Raoul Pontalti. Lei chiama planata la discesa dell'aereo precipitato. Errore: la planata è una fase di volo in cui la rata di discesa non supera i 500-600 ft al minuto. I grafici dell'incidente mostrano che l'aereo aveva una rata di discesa superiore a 3.000 ft al minuto. L'atterraggio di un aereo avviene al termine di una planata. Provi a mettere le ruote sulla pista avendo una rata di discesa di 3.000 ft al minuto. Lo potrebbe fare, ma non lo potrebbe raccontare a nessuno.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 25/03/2015 - 16:23

Inviato h. 13,50 - Conoscendo la Kultur tedesca, per cui solo un popolo puro può e deve avere sempre ragione, questa uscita mi puzza di mani messe avanti per giustificare in futuro possibili mancanze che un buon krukko non deve mai accettare ma solo far pesare ad altri. Chi vivrà vedrà Inviato ore 13,55 - Cito: ""I complottisti non mancano mai (altrimenti grillini e legaioli dove pescherebbero consensi?)"" Gli americani non sono mai arrivati sulla luna, le riprese sono farlocche. Le torri gemelle sono state abbattute dalla CIA. Oswald non era succube dei comunisti, agi per conto della mafia. Berlusconi non fu infamato su mandato dell'aspirante zar, cadde per una trombata di troppo. Come si vede, complottismo puro di stampo grillino o leghista. O no ! Ma per piacere !

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 16:29

@enniodorissa 15.38: dia un'occhiata su Google Image, cercando "Damaged Flight Recorder". Vedrà che non è poi così raro che un FDR si danneggi, anche senza ipotizzare scenari di disinformazione.

Blueray

Mer, 25/03/2015 - 16:37

A mio avviso vi sono probabilità che il velivolo per cause esterne (oggetto volante sconosciuto, scarsamente probabile) o più probabilmente interne (mini esplosione a bordo o guasto strutturale), forse proprio in cabina, abbia subito una devastante quanto improvvisa depressurizzazione che, a 38000 piedi, ha dato tempo ai piloti di effettuare la sola manovra dell'inserimento del pilota automatico per la discesa veloce. Probabilmente hanno perso conoscenza in tempi brevissimi, non compatibili con la predisposizione delle mascherine ad ossigeno, e questo spiega perchè non hanno fatto comunicazioni radio né la cosa più ovvia da fare, sapendo di avere le Alpi davanti, una virata di 180° per evitare di dover volare sopra le montagne ad un'altezza non compatibile con la depressurizzazione. In sostanza l'aereo ha volato per 8 minuti da solo perché a bordo non era sopravvissuto nessuno.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mer, 25/03/2015 - 17:19

Perché continuate a dire che l'aereo era fuori rotta? I voli da Barcellona verso la Germania passano da li. Sto seguendo il volo DLH42K per Francoforte che segue esattamente la rotta dello sfortunato volo di ieri. Chi dice che era fuori rotta?

briegel70

Mer, 25/03/2015 - 17:25

In Francia, l'aereo ha cominciato a scendere con rateo pari a quello di una normale fase di avvicinamento. Infine si è schiantato contro le Alpi. L'aereo non è precipitato, nè sceso in picchiata. Perchè è sceso nonostante non era neanche a metà rotta ? Perchè è andato dritto contro le alpi senza virare per evitarle ? Perchè è sceso sotto la "Minimum Enroute Altitude" ? Ossia, l'altitudine minima sotto la quale non deve scendere per evitare gli ostacoli in un raggio di circa 10Km. Si può pensare che sia sceso per problemi di pressurizzazione. Per fornire aria respirabile alle alte altitudini, gli aerei sono pressurizzati. Se insorgono problemi di pressurizzazione, le procedure dicono di indossare le maschere dell'ossigeno e di scendere a una altitudine dove l'aria è respirabile. Tempestivamente. Sennò, si sviene in pochi secondi per carenza di ossigeno. PRIMA DI TUTTO, E' VITALE indossare le maschere! Se anche le maschere sono fuori uso, la situazione è critica !

Klotz1960

Mer, 25/03/2015 - 20:47

Quindi sugli aerei tedeschi accadono "incidenti inspiegabili". Buono a sapersi, direi.