Usa, altri due afroamericani ammazzati dalla polizia

Martedì gli agenti uccidono un uomo in Louisiana, mentre ieri un altro nero è stato ucciso in Minnesota: la comunità afroamericana in tensione

Gli Usa vengono attraversati da un'altra ondata di violenza che porta a due omicidi in poche ore. Ancora una volta, poliziotti che uccidono afroamericani.

Prima c'è stato l'omicidio del trentasettenne Alton Sterling, ucciso martedì a Baton Rouge, in Louisiana, durante una colluttazione con alcuni agenti di polizia che gli hanno sparato al petto e alla schiena ferendolo mortalmente mentre lo trattenevano a terra. L'uomo non avrebbe nemmeno cercato di mettere mano alla propria pistola, ma comunque sarebbe stato aggredito dai poliziotti prima con un taser e poi a colpi di pistola. La polizia sarebbe stata allertata dalle segnalazioni di alcuni residenti preoccupati per la presenza di un uomo armato che minacciava i passanti nei pressi di un negozio.

Usa scossi dalla violenza: un morto anche in Minnesota

Quindi, nella giornata di ieri, un altro caso analogo a Minneapolis, nello Stato del Minnesota: l'afroamericano trentaduenne Philando Castile è stato ucciso da un poliziotto con un'arma da fuoco mentre cercava la patente richiesta dagli agenti durante un controllo. L'uomo avrebbe detto agli agenti di essere in possesso di un'arma da fuoco regolarmente registrata.

I due episodi hanno portato all'esplosione di forti proteste nella comunità nera, con oltre duecento persone che si sono radunate a Baton Rouge per protestare contro la violenza della polizia. I due agenti coinvolti nell'incidente sono stati temporaneamente sospesi dal servizio per decisione del comando di polizia della città della Louisiana.

La condanna di Hillary Clinton

Sul caso è intervenuto anche il Segretario di Stato Usa e candidata democratica alla Casa Bianca Hillary Clinton: "Da Staten Island a Baltimore, da Ferguson a Baton Rouge, troppe famiglie americane piangono la perdita di loro cari in incidenti in cui è coinvolta la polizia - ha dichiarato la Clinton in una nota a proposito della tragedia di Baton Rouge - Le mie preghiere sono con la sua famiglia, con i suoi cinque figli. Qualcosa è profondamente sbagliato se così tanti americani hanno ragione di credere che il nostro Paese non li considera preziosi come altri a causa del colore della loro pelle."

Commenti

linoalo1

Gio, 07/07/2016 - 14:21

Basta!!!Non se ne può più!!!Cos'è,una crociata Pro Neri???A questo punto,voglio sapere quanti Bianchi e quanti Neri,mediamente,la Polizia Americana uccide ogni anno!!!Non credo proprio che,i Poliziotti Americani,abbiano come obiettivo primario,l'uccisione di Negri!!Non è che,per caso,i Negri delinquono di più dei Bianchi??

BlackMen

Gio, 07/07/2016 - 14:22

Che schifo incredibile!

zingozongo

Gio, 07/07/2016 - 15:01

sara un caso, sara una coincidenza, ma il poliziotto e sempre bianco e la vittima sempre nera? incredibile poi la vicenda del nero ucciso al suo posto in auto !!! cose da pazzi !

mariolino50

Gio, 07/07/2016 - 15:28

linoalo1 IO sono stato due volte negli Usa, e su tutte le guide cè scritto di stare molto attenti con la polizia, non è come in Europa, dove a volte hanno solo il manganello, al minimo soppesto sparano. Secondo me è anche mancanza di professionalità, se uno è già immobilizzato a terra che senso a sparargli, specialmente dopo che hai usato il taser, oppure sono più carogne dei delinquenti, e sanno di essere sempre protetti, la legge dice uguale per tutti, meno che per loro.

bruno.amoroso

Gio, 07/07/2016 - 15:47

in tutto il continente americano bisogna guardarsi MOLTO BENE dalla polizia

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Gio, 07/07/2016 - 15:52

Senza andare troppo lontano nel tempo, ma limitando l'analisi solo a ieri e magari anche ad oggi, sono sicuro che nel Mondo intero c'è stato almeno un poliziotto nero (negro) che ha ucciso un bianco. E questo è avvenuto senza che qualcuno si azzardasse a sproloquiare di 'razzismo'. Il razzismo sta solo nelle teste malate di quelli che vedono esso dappertutto: perfino nella minestra che stanno mangiando.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 07/07/2016 - 16:29

Gli USA li conosco da vicino, ho speso anni e vi assicuro che la polizia, spesso, sono criminali in divisa.

ziobeppe1951

Gio, 07/07/2016 - 19:12

Italia Nostra...16.29... Spesso non vuol dire sempre

blackbird

Gio, 07/07/2016 - 19:45

Ho fatto qualche viaggio negli USA e devo dire che i poliziotti che ho contattato sono sempre stati gentili e disponibili. Episodi confusi dove girano troppe armi capitano. I delinquenti sono al limite dell'idiozia e reagiscono in modo imprevedibile e violento. Basta fare un giretto su Youtube e vedere i filmati delle auto di servizio. Facile che qualche agente ci tenga alla propria incolumità e reagisca oltre le linee. Capita anche in Italia.

edo1969

Gio, 07/07/2016 - 20:13

Italia Nostra secondo me adesso fanno l'esame del DNA ai poliziotti, quindi gatta ci cova ah ah ah

edo1969

Gio, 07/07/2016 - 20:16

Italia Nostra hai conosciuto da vicino la polizia americana?, non vogliamo sapere il perchè, probabilmente ti sarai fatto qualche anno a sing sing ah ah ah

claudio63

Gio, 07/07/2016 - 20:37

IL COMMENTO DI LINOALO1 delle 14;21 e' superficiale e e di parte; linoalo non ricorda come negli anni 50 tutti gli italiani erano etichettati come mafiosi e gangster dai poliziotti di NYC, e ci voluto piu' di un Fiorello laguardia e Andrew Cuomo per convincerli del contrario. commenti come i suoi portano facilmente a risoluZIONI RAZZISTE e SUPERIFICIALI ...

claudio63

Gio, 07/07/2016 - 20:39

(2) che i neri siano piu' arrestati dei bianchi e' un fatto. debbo ricordare aLinolao quel lo studente bianco che si e beccato solo 6 mesi per aver abusato di una ragazza ad una festa, studente di primordine, e con la fortuna di esser bianco, e comunque il padre ha avuto ancora da dire che sei mesi peraggressione e violenxa carnale sono in fondo troppi. provate a pensarlo nero, poi ditemi se sei ANNI sembrano ancora pochi.

claudio63

Gio, 07/07/2016 - 20:42

3 AGGIUNGO INFINE che i poliziotti dell'ultimo decennio sono quasi tutti reduci di guerra e addestrati alla SOPPRESSIONE della minaccia con metodi militari, questo grazie anche al proliferare della circolazione di armi da assalto sui mercati civili. e' facile " esagerare " nella reazione quando non sai che cosa nasconde il tuo avversario in una confronto armato e potenzialmente letale.

routier

Gio, 07/07/2016 - 20:59

Ovvio che uccidere è sempre sbagliato (a parte la legittima difesa) ma sarebbe corretto chiedersi: perché quando la polizia USA ammazza un bianco (e succede più spesso di quanto non si creda) il tam tam mediatico è stranamente silenzioso mentre quando capita ad un negro si levano alti lai e si grida al razzismo ed alla violenza della polizia? Non sarà un atteggiamento un po strabico?

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Ven, 08/07/2016 - 01:08

@ Routier: Glie lo dico io il perche'. Perche' per i commentatori di questo e di altri giornali, se la vittima e' nera, un poliziotto americano e' colpevole, a prescindere. Si', anche se la vittima era armata, anche se la vittima stava sparando, anche se la vittima aveva appena scippato o rapinato qualcuno, anche se la vittima stava massacrando di botte il poliziotto. Il poliziotto e' SEMPRE E AUTOMATICAMENTE colpevole. Specialmente quando c'e' la prova lampante della sua fedele compagna che e' li' vicino e, di fronte a questa immane tragedia che sconvolgerebbe anche chi ha un cuore di pietra, ha la freddezza di filmare tutto, ma solo SUBITO DOPO gli spari. Non prima, ovviamente. Potrebbero sorgere dubbi sulle vere ragioni per cui quelle razziste forze dell'ordine hanno aperto il fuoco. Se la vittima e' bianca, invece, tutti i commentatori se ne stracatafotterebbero. ›

claudio63

Ven, 08/07/2016 - 04:50

ROUTIER, DOPO OLTRE 15 ANNI in Houston, posso assicurarti che io passo davanti alla polizia con il mio camion senza un faro di notte, e dietro il mio superintendente , messicano e ' brown' e'fermato per un " controllo causale" sucesse a me, ed il mio superintendente potrebbe ancora essere nei guai se non mi accorgevo del fatto, mi fermavo e spiegavo ai solerti poliziotti (tutti e due bianchi e biondissimi) che era un mio dipendente e che stavamo andando a casa. malgrado cio, ci lasciarono andare e non fecero il minimo cenno al mio faro mancante , alle 9;30 di sera! Mi creda, il pregiudizio c'e' eccome; e' latente e serpeggiante, ma esiste ancora, purtroppo.

claudio63

Ven, 08/07/2016 - 04:51

sara' anche che i neri sono sempre quelli che fanno notizia, tuttavia ci sono troppi neri in prigione e arrestati in relazione al corrispettivo della comunita' bianca. e le condanne dei giudici lo stanno a dimostrare.

Ritratto di robergug

robergug

Ven, 08/07/2016 - 10:19

@claudio63. Perchè negli Stati Uniti i neri delinquono 10 volte più dei bianchi. E si divertono a farlo, come i nostri zingari si dievrtono a rubare perchè è ciò che gli riesce meglio. E per favore, prima di darmi del razzista, cercatevi le statistiche.

mariolino50

Sab, 09/07/2016 - 16:56

robergug Se Caludio 63 abita a Houstom credo ne sappia più di lei, le statisitche dicono anche che Roma è una delle capitali più sicure al mondo, lei è d'accordo. In galera in America ci sono quasi esclusivamente negri e bianchi poveri, se hai soldi per gli avvocati famosi stai fuori, oltre 2 milioni di carcerati, oltre sette volte l'Europa, di più che nei gulag sovietici, sono tutti assassini o invece dei morti di fame.

Knokout

Dom, 24/07/2016 - 16:50

Galera a vita ai poliziotti. E la colpa piu grave è delle giurie che assolvono questi assassini in divisa che uccidono senza motivo.