Usa, twittò contro lo stop ai rifugiati siriani, sospesa giornalista

Elisa Lobott, corrispondente Cnn, aveva criticato un disegno di legge della Camera che avrebbe bloccato l’ingresso nel Paese di profughi siriani ed iracheni

La giornalista della Cnn Elisa Lobott è stata sospesa per due settimane a causa di un tweet. Ecco cosa aveva scritto la reporter: "La Camera approva il disegno di legge che potrebbe limitare i rifugiati siriani. La Statua della Libertà china la testa con angoscia". Dopo che ieri la Camera dei rappresentanti Usa ha approvato la legge che bloccherà l’ingresso nel Paese di profughi siriani ed iracheni che non hanno passato severissimi controlli delle agenzie di sicurezza, la giornalista ha pubblicato il post, allegando il link di un articolo della Cnn sull’argomento. Alcuni hanno criticato il commento della giornalista ritenendolo un pregiudizio. Alcune ore dopo, Labott ha comunque scritto un nuovo tweet scusandosi: "Il mio tweet era inadeguato e irrispettoso. Chiedo sinceramente scusa".

La Cnn sottolinea che la Lobott, come corrispondente e commentatrice, è tenuta a rispettare la neutralità, ribadendo che è "essenziale" che la rete mantenga la propria politica di neutralità nel giornalismo. Sui social media La Cnn ha una politica rigorosa per i suoi giornalisti: "Se si dichiara pubblicamente la vostra preferenza per problemi o candidati o da una parte o l'altra della politica pubblica - dice l'emittente - la vostra obiettività risulta compromessa".