Venezuela, gruppo di militari annuncia rivolta anti-Maduro

Un gruppo di militari di Valencia ha annunciato la rivolta. Ma un deputato chavista assicura: "L'esercito ha riportato l'ordine"

Mentre non calano le tensioni, con Nicolas Maduro che ieri ha fatto circondare la procura Generale della Repubblica e rimuovere la giudice che si era opposta all'insediamento della Costituente imposta dal presidente stesso, un gruppo di una ventina di militari tenta la rivolta.

In un video (guarda) la "Brigada 41" di Valencia (città venezuelana) guidata dal capitano - Juan Caguaripano che si identifica come comandante dell'operazione "David Carabobo" - si dichiara "in legittima ribellione, uniti più che mai al coraggioso popolo del Venezuela, per disconoscere la tirannia assassina di Nicolas Maduro".

"Questo non è un colpo di stato", dicono i militari, "È una azione civica e militare per ripristinare l'ordine costituzionale. Per salvare il Paese dalla totale distruzione, per fermare gli omicidi dei nostri giovani e familiari. Esigiamo la formazione subito di un governo di transizione ed elezioni generali libere". Secondo i media locali Caguaripano è ricercato dal 2014 per aver appoggiato un gruppo dissidente

Il deputato chavista venezuelano Diosdado Cabello ha però asssicurato che "situazione irregolare" definita prima "attacco terroristico" a Valencia è stata messa sotto controllo dall'esercito. Cabello ha affermato che un gruppo di "terroristi è entrato nel Fuerte Paramacay, a Valencia" e "vari terroristi sono stati arrestati".

Commenti
Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Dom, 06/08/2017 - 16:11

Speriamo che tutto l'Esercito si unisca alla Brigada 41!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 06/08/2017 - 16:12

Solito copione alla Maidan. Uno degli indizi che prova il coinvolgimento USA (a parte la prova che capriles è un fantoccio di wall street) è la scesa in campo di tutti i media di regime occidentali. All'unisono suonano la solita grancassa propagandistica. Abbiam già visto questo atteggiamento al tempo dell'aggressione a Iraq, Libia, Afganistan, Ucraina, ecc.

ItaliaSvegliati

Dom, 06/08/2017 - 16:16

Ci fanno vedere cosa succederà se osiamo ribellarci da questa dittatura bolscevica?

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 06/08/2017 - 16:42

Maddai! Non facciamo ridere! Una ventina di militari? Ci vuol altro!

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Dom, 06/08/2017 - 16:42

Maidan un accidente! Nel Venezuela di Maduro sta nascendo una dittatura comunista sullo stile di Cuba e Corea del Nord. Poco c’è mancato che anche il Brasile di Lula-Dilma (paese che conosco come le mie tasche) seguisse la stessa strada e se non è accaduto lo dobbiamo alla determinazione ed al coraggio di milioni di cittadini che sono scesi in piazza contro la cleptocrazia del PT, i cui quadri sono formati da (ex) guerriglieri marxisti-leninisti dediti alla rapina e alla violenza.

investigator13

Dom, 06/08/2017 - 16:57

l'esercito contro Maduro. Finito con la Siria adesso si passa nel Venezuela, sempre gli americani dietro. Adesso si fa strada la dittatura con Maduro che vuole prendere in mano le sorti del proprio Paese senta interferenze americane, magari forse con l'aiuto di un altro partner che non siano gli Usa. Perché impedirglielo? La dittatura a volte è meglio dell'aggressione di forze esterne al proprio Paese. E' giusto provarci, poter contare sulle proprie forze senza render conto a nessuno.

paolonardi

Dom, 06/08/2017 - 17:00

@Ausonio: il caldo unito a qualche fiasco di vino fanno brutti scherzi alle capacita' raziocinanti. Abbia pazienza passera'.

Emanmanf

Dom, 06/08/2017 - 17:12

Ho appena finito di parlare al telefono con mio cognato di Caracas e leggere certi commenti idioti da vetero-comunisti anti americani mifa venire il voltastomaco. A meno che si voglia far vedere ai lettori del Giornale a quale livello di imbecillità possono arrivare i Pidioti e i loro simpatizzanti !!

Ritratto di cape code

cape code

Dom, 06/08/2017 - 17:31

Speriamo che i nostri prendano spunto.

Ritratto di Tora

Tora

Dom, 06/08/2017 - 17:40

Questi episodi raccontano come a seconda di chi detenga il potere e il controllo dei media si possa passare da patrioti a "terroristi" nell'arco di un centesimo di secondo.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 06/08/2017 - 18:04

@ Ausonio GLI UNICI CHE DIFENDONO IL REGIME CRIMINALE DEL TRAMVIERE COLOMBIANO NARCOTRAFFICANTE MADUROM E DEL MAIALE DIOSDATO CABELLO SONO COMUNISTI IMBECILLI E MENTECATTI

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Dom, 06/08/2017 - 18:35

Ma noi, in Italia, militari con gli attributi non ne abbiamo?

Ritratto di Drakeseventysix

Drakeseventysix

Dom, 06/08/2017 - 18:43

Ausonio è unico ad avere chiara la situazione.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 06/08/2017 - 19:42

Le nazioni devono scegliere le loro dirigenze in maniera indipendente. Non ricorrendo ad "aiuti" esterni. Chi fa questo diventa come l'Italia, da secoli colonia, vassallo dello straniero di turno.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 06/08/2017 - 20:06

VENEZUELANI ARMATEVI E COMBATTETE FINO ALLA DISTRUZIONE DEL REGIME CASTRISTA DI TRAFFICANTI DI COCAINA.!

diegom13

Dom, 06/08/2017 - 22:38

@ausonio: difficile metter sullo stesso piano cose così lontane: da una parte c'era una strategia d'accerchiamento della Russia (almeno nella percezione russa), fino alla decisione di far saltare un governo fantoccio dei russi e metterne uno fantoccio USA/UE. Qui, a dar liquidità a Maduro (che controlla l'esercito fino a quando riesce a pagarne gli stipendi) son stati proprio gli americani. Gli USA poi non sempre intervengono direttamente: certe situazioni, come quella venezuelana, le monitorano e scelgono volta per volta il campo più utile ai loro interessi. Come tutti, puntano sul cavallo che sembra vincente, anche a costo di cambiar cavallo in corsa. In Venezuela comunque tutti accusano tutti di essere al soldo degli americani.