Il vescovo ortodosso: "La Grecia brucia perché Tsipras è ateo"

Le dichiarazioni di un vescovo ortodosso del Peloponneso suscitano un'ondata di polemiche mentre il Paese brucia. Condanna anche dalla stessa chiesa

Gli incendi che da giorni devastano la regione dell'Attica, in Grecia? Secondo il vescovo Amvrosios, di Kalavryta, sono da attribuire al fatto che il primo ministro della repubblica ellenica, Alexis Tsipras, sia ateo.

L'alto prelato della chiesa greco-ortotodossa lo ha scritto ieri sul proprio blog, suscitando un'ondata di polemiche. Dalla sua sede nel Peloponneso il vescovo Amvrosios spiega che "il premier ateo Alexis Tsipras attira l'ira di Dio" sul Paese: "Questi atei di Syriza (il partito del premier, ndr) sono le cause del disastro", prosegue il religioso.

Al coro di dichiarazioni di condanna, va detto, si sono aggiunte immediatamente le voci di molti esponenti della chiesa ortodossa che dissentono radicalmente dalle dichiarazioni del vescovo di Kalavryta. Le sue parole hanno suscitato un clamore tale che già ieri il vescovo Amvrosios ha dovuto specificare che esse non esprimono il punto di vista della chiesa greco-ortodossa ma solamente "il suo punto di vista personale".

L'ateismo o almeno il profondo laicismo di Tsipras, peraltro, sono un fatto. Anni fa, al momento del suo insediamento alla guida del governo della Grecia, il primo ministro di estrema sinistra rifiutò di giurare sulla Bibbia come da tradizione. In Grecia la religione svolge un ruolo fondamentale per l'identità nazionale sin dai lunghi secoli dell'occupazione ottomana, quando alla chiesa ortodossa era affidato il delicato compito di preservare la cultura ellenica, dal punto di vista religioso ma non solo.

Commenti

dagoleo

Mer, 25/07/2018 - 10:57

Grande Chiesa quella Ortodossa. Chiesa combattente e tutelatrice della identità dei popoli. E senza bisogno di alcun Papa.

d_amod1

Mer, 25/07/2018 - 11:16

Ma anche dopo l'incendio la Grecia continuerà a bruciare alimentata dall'euro e questa volta con vera colpa di Tsipras!

zingozongo

Mer, 25/07/2018 - 12:34

ma se ci sono incendi anche in svezia e lapponia, e colpa del caldo altro che colpa di trsipras, e poi pure i morti sono crepati perche atei?? temo che qualche credente ortodosso tra i morti ci fosse...ma taci barbone del menga

Valvo Vittorio

Mer, 25/07/2018 - 15:32

Credo che la Grecia, avviata da decenni alla cultura comunista, sia giunta al capolinea e le altre nazioni della comunità europea nulla abbia fatto per invitarla a imboccare la corretta via del liberismo. Alcuni asseriscono che il popolo greco non abbia ambizioni e pertanto si contentino del poco e per tutti! La comunità europea ha commesso un errore madornale a inserirla nell'EURO.

killkoms

Mer, 25/07/2018 - 22:04

dillo alla cei!

Baryton

Gio, 26/07/2018 - 12:17

Il terremoto in Umbria ? Castigo divino per le unioni civili. I roghi in Grecia? Punizione perché il premier è ateo. Preoccupante deriva animista di cui sono vittime (consapevoli?) alcuni esponenti della Chiesa Cattolica e Ortodossa. Ci si augura che il contagio non si diffonda.