Vietnam, 4mila cattolici ​manganellati da polizia

Violenze contro i manifestanti che protestavano per l'avvelenamento delle falde acquifere da parte del colosso dell'acciaio Formosa Plastic Group SOSTIENI QUI

Ad Hanoi, in Vietnam, 4mila cattolici sono stati brutalmente manganellati dalla polizia. A scatenare la violenta reazione delle forze dell’ordine, secondo quanto racconta AsiaNews, sarebbe stata la manifestazione pacifica con cui gli abitanti delle province centrali del Vietnam hanno denunciato l’immobilismo del governo di fronte all’avvelenamento delle falde acquifere causato dalla Formosa Plastic Group. Il colosso dell’acciaio, da aprile, avrebbe causato la moria di 70 tonnellate di pesci scaricando indisturbato i rifiuti della produzione in acqua.

Phuong, una delle manifestanti bersaglio della brutalità poliziesca, racconta ad AsiaNews: “Il 15 agosto abbiamo deciso di marciare verso gli uffici del comune ma la polizia aveva già bloccato tutti gli accessi all’autostrada”. Per l’occasione sono più di 200 gli agenti mobilitati dal governo per costruire barricate e fermare la folla. “Alcuni manifestanti hanno provato a scalare le barricate – continua la donna – ma non ce l’hanno fatta. La polizia ha usato i manganelli per picchiare la gente e una donna è rimasta ferita”. Nguyen Thanh Lang, amministratore della parrocchia di Quy Hoa, conferma il racconto della donna. “Una persona anziana – racconta il sacerdote – ha un braccio rotto a causa delle violenze della polizia. Altri sono ricoverati in ospedale”. La polizia ha tuttavia negato d’aver usato violenza nei confronti degli attivisti che, secondo la versione ufficiale, si sarebbero contusi e feriti nella calca.

Un epilogo molto triste, quello che segna l’ennesimo buco nell’acqua per il vastissimo fronte popolare che sta cercando – senza successo – di arginare il drammatico disastro ambientale causato dallo sversamento illecito delle sostanze chimiche che ha messo in ginocchio migliaia di pescatori.

A sollevare i primi sospetti è la stampa locale, indicando l’acciaieria taiwanese – che si trova nella Vung Ang Economic Zone – come la responsabile del disastro. Secondo il Ministero dell’Ambiente vietnamita, la compagnia avrebbe pulito le proprie condotte fognarie con prodotti chimici tossici.

Dai primi di luglio, quando il caso è venuto a galla insieme alle tonnellate di pesci avvelenati dagli scoli nocivi, la situazione non è migliorata. “Per più di un mese – denuncia Paul Nguyen Thai Hop, vescovo di Vinh e presidente della Commissione episcopale di giustizia e pace – le autorità hanno evitato di scoprire le cause e i colpevoli di questa catastrofe. Inoltre, hanno incoraggiato la gente a consumare il pescato delle aree colpite senza nessun controllo sanitario”.

CRISTIANI SOTTO TIRO: SOSTIENI IL REPORTAGE
Vogliamo continuare a raccontare con gli Occhi della guerra le drammatiche storie dei cristiani sotto attacco nel mondo. In Africa e nel Medio Oriente, ma anche nelle nostre città e ovunque i cristiani siano un bersaglio. Abbiamo bisogno anche di te. www.occhidellaguerra.it/projects/cristiani-sotto-tiro/​
www.gliocchidellaguerra.it

Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 18/08/2016 - 00:46

E meno male che hanno combattuto per liberare il popolo vietnamita dalla oppressione capitalista. Chissà che HO CHI MIN non si stia rivoltando nella tomba.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 18/08/2016 - 13:28

3° invio - Beh? Cosa c'è che non va? In fin dei conti la polizia vietnamita ha avuto "mano libera" nel mantenere l'ordine e la disciplina. Quindi, dopo gli attestati di ammirazione nei confronti della dittatura di Kim Jong-un adesso il "felpato" ha un nuovo modello dal quale prendere spunto. P.S. La manifestazione repressa dalle manganellate era stata indetta per protestare contro l'inquinamento da parte della Formosa Plastic Group. Che ci azzeccano "i cattolici"??? Hanno manganellato solo quelli che recitavano il Padre Nostro? Buddisti e atei invece si lasciano avvelenare tranquillamente?

ILpiciul

Gio, 18/08/2016 - 13:46

Toc toc, Francisco ci sei? Mi pare di vederti, con le mani in tasca che guardi le nuvole e fischierelli motivetti ecumenici.

Dako

Gio, 18/08/2016 - 13:46

Per Franceschino tutto normale, anzi non ne è a conoscenza sicuramente, perchè è troppo occupato con l`ISLAM visitar moschee e predicare accoglienza sempre e comunque (in primis monsulmana) tanto quando lui non ci sarà più che si arrangino gli altri.