In volo per Mosca, costretti a viaggiare accanto a un cadavere

Disavventura per i passeggeri del volo Azur Air. Una passeggera è morta in volo

Era malata di diabete una donna russa di 50 anni che è morta su un volo diretto a Mosca, dopo che il suo cuore ha ceduto a soli 45 minuti dal decollo dalla Turchia, su un aereo della Azur Air.

Una fatalità avvenuta quando l'aereo era già decollato e che - secondo quanto racconta Ren Tv - ha costretto gli altri passeggeri a volare accanto al cadavere, steso nel corridoio del Boeing, con un lenzuolo a coprirlo.

Secondo una fonte citata dall'emittente il capitano dell'aereo ha deciso di non effettuare un atterraggio d'emergenza. Il corpo della donna è rimasto nel corridoio per circa tre ore, prima dell'arrivo nella capitale russa.

A bordo c'era anche il marito della donna, che ha spiegato che la moglie aveva lasciato l'insulina nel bagaglio caricato in stiva. Ha anche aggiunto che la donna si era fatta un'iniezione appena un'ora prima di partire e aveva quindi pensato che fosse sufficiente per il viaggio.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 13/10/2016 - 09:31

triste vicenda..

Raoul Pontalti

Gio, 13/10/2016 - 17:04

Riposi in pace questa donna sfortunata che di certo non voleva recare disturbo né da viva né tantomeno da morta ai suoi occasionali compagni di viaggio. Un'osservazione: la donna era solo morta, non salma e tentomeno cadavere e ciò per una questione di successione temporale dei fenomeni postmortali che portano il corpo a ritornare ad essere ciò che era ab initio: polvere.