Spari in strada a Washington: "Almeno un morto e 5 feriti"

È giallo sulla sorte dell’autore della sparatoria, poiché la polizia di Washington si è limitata a dire che questi non costituirebbe più un problema

Nella zona occidentale di Washington D.C. si è appena consumata una sparatoria, che avrebbe provocato la morte di un uomo e il ferimento di altre cinque persone, tra cui una donna.

Il fatto di sangue sarebbe avvenuto, in base all’orario della West Coast, nella tarda notte di giovedì. I colpi di arma da fuoco sarebbero stati esplosi in una zona ubicata a 3,5 chilometri dalla Casa Bianca, al numero 1300 di Columbia Heights, in un quartiere residenziale situato nel settore nord-occidentale della capitale federale. Secondo l’emittente WJLA-TV, appartenente al gruppo Abc, i feriti sarebbero stati immediatamente trasportati in ospedale e, stando ai primi bollettini medici, due dei soggetti ricoverati sarebbero in gravi condizioni, anche se non in pericolo di vita.

Sempre a detta del network Usa, le forze dell’ordine di Washington si starebbero concentrando in massa lungo la 14esima strada, mentre il responsabile della sparatoria, ha comunicato il locale dipartimento di polizia, sarebbe stato messo in condizioni di non nuocere. Non è stata però ancora rivelata l’identità dell’omicida né le motivazioni del folle gesto, così come non è stato affatto precisato se costui sia stato semplicemente arrestato o ucciso in un conflitto a fuoco con gli agenti.

Oltre a comunicare ai media che l’assassino non rappresenterebbe più un problema, le forze dell’ordine hanno anche revocato l’allarme da loro diramato in precedenza, relativo alla presenza di una vettura Nissan berlina di colore chiaro "occupata da due uomini con fucili d'assalto AK-47". Nonostante l’allerta iniziale sia stata fatta rientrare, la polizia di Washington D.C. continua a interdire al traffico veicolare e a presidiare tutte le strade ubicate intorno al teatro del sanguinoso evento.