A confronto: Honda Forza 300 Suzuki Burgman 400

Taglia M; comfort XL: è questo che accomuna i due scooter giapponesi che abbiamo testato, per il resto molto diversi nel carattere, nell’equipaggiamento e nel prezzo di acquisto

Qual è la cilindrata giusta per uno scooter? Le risposte possono essere ovviamente infinite, a seconda dei gusti e delle esigenze.
Parallelamente alla corsa a costruire scooter sempre più potenti e prestazionali, come Yamaha T-Max, Suzuki Burgman 650, Aprilia SRV 850 o BMW C600 e GT650, le Case hanno cominciato a sviluppare e migliorare anche gli scooter di media cilindrata, meno prestazionali ma sicuramente più leggeri e maneggevoli e con una personalità ben definita.
Eccone due esempi che abbiamo provato di recente, diversi da molti punti di vista ma innegabilmente votati al comfort.

Suzuki Burgman 400 Lux.
È stato il primo scooter 400 cc della storia, oltre che uno dei più venduti. Ora, con la versione Lux, Burgman 400 si rinnova nel look, sottolineando comunque sempre le sue caratteristiche distintive di eleganza e confermandosi come uno scooter confortevole.

Gli interventi estetici hanno interessato la sella, che ora presenta doppie impunture rosse, adesivi rossi sui cerchi, il fanale anteriore con riflesso blu, così come blu è anche la retroilluminazione del cruscotto.

Il cuore del Burgman 400 Lux rimane il collaudato monocilindrico a quattro tempi da 400 cm3 raffreddato a liquido che, grazie agli ultimi sviluppi, è in grado di erogare ben 33 cv di potenza massima a 7.000 giri/min, e di spingere il Burgman fino a velocità che vanno ben oltre i limiti imposti dal codice della strada.
Il telaio è a traliccio con forcella telescopica all’anteriore e monoammortizzatore con regolazione del pre-carico della molla posteriore. Come sulla maggior parte degli scooter il motore è solidale con la sospensione posteriore e questo causa alcuni ondeggiamenti nelle curve affrontate a velocità allegra, accentuati inoltre dall’interasse piuttosto lungo.

Insomma il Burgman 400 si è dimostrato uno scooter più votato al comfort che alla sportività ma pur sempre stabile, sicuro e preciso nella guida.
Comfort non solo nel comportamento stradale ma anche nelle dotazioni, che vanno dall’ampio e ricco cruscotto ai numerosi vani presenti nel sottosella illuminato e nel retroscudo, senza dimenticare la pratica presa 12V per ricaricare alla guida il cellulare o la macchina fotografica.
Disponibile in grigio MAT, nero MAT metallizzato e bianco perla, Suzuki Burgman 400 Lux costa 6.390 euro in versione standard e 6.990 nella versione dotata ABS.


Honda Forza 300
Mini plexiglass fumé, sella rasoterra e interasse chilometrico: si presenta così Forza 300, il nuovo scooter Honda che segue la moda custom che impazza da qualche tempo in Giappone.

Cresce innanzitutto la cilindrata, che da 250 cc del modello precedente passa a 279 cc, la stessa dell'SH300i ma l’unità presenta nuovi bilancieri a rullo, cuscinetti di banco e carter sigillati, oltre a condotti di aspirazione e scarico ridisegnati, in modo da ottimizzare i consumi, che nel ciclo WMTC si attestano su 30,8 km/l.
Sono 25,8 i cavalli di potenza massima erogati a 8.250 giri, mentre la coppia si attesta a 25,7 Nm a 6.000 giri. Cresce anche il diametro dei cerchi, che dai 13” e 12” del modello precedente, diventano rispettivamente di 14” davanti e 13” dietro.

Honda Forza 300 è dotato di un sottosella smisurato, capace di accogliere ben due caschi integrali; offre inoltre di serie l'ABS combinato e il sistema antifurto elettronico HISS (Honda Ignition Security System). Tra gli optional figurano il parabrezza maggiorato (quello di serie lascia quasi completamente esposti all’aria), il top box da 45 o da 35 litri con piastra, le manopole riscaldabili e il sistema di allarme Averto.

Il motore è silenziosissimo e praticamente non vibra. Al momento dello stacco si mostra molto dolce ma poi non brilla per vigore nonostante la potenza (25,8 cv) non sia affatto male.

Il Forza 300 è molto confortevole e la guida lungo i percorsi tortuosi è molto gradevole, grazie all’ottimo bilanciamento dei pesi e alla grande stabilità dimostrata, merito anche della gommatura generosa. La frenata si dimostra potente e sicura, anche se l’intervento dell'ABS non è immediato e nella frenata di emergenza la ruota anteriore tende a bloccarsi.

La forcella lavora bene e contribuisce a dare stabilità al Forza, mentre gli ammortizzatori risultano un po’ secchi nella risposta e sui fondi sconnessi fanno perdere comfort e stabilità al Forza.

Il prezzo? 5.100 euro franco concessionario.

Vuoi sapere tutto sul mondo di auto e moto? Approfondisci su RED Live

Commenti

utonto

Sab, 03/08/2013 - 09:33

il futuro sono i bicilindrici... Honda e Yamaha han capito... cambia tutto!!! uTonto