Toyota ME.WE

Ecologico, leggero, funzionale: è il prototipo dell'auto del futuro secondo Toyota. Trazione elettrica e modularità sono i suoi cardini, per un ritorno alle origini dell'automobilismo

La sfida è filosofica più ancora che progettuale: il prototipo ME.WE nasce, infatti, per proporre una nuova via, lontana dagli eccessi del presente, più attenta ai reali bisogni di chi guida. Frutto della partnership tra Toyota European Design & Development (ED2) e il designer Jean-Marie Massaud, la ME.WE evidenzia già nel nome - ME per sottolineare l'attenzione al soggetto, WE alla collettività - la sua carica innovativa, che si traduce poi nelle scelte progettuali e di design. Ma ripartiamo dall'idea: "Perdendo di vista la realtà, e quindi procedendo con un approccio idealizzato al'utilizzo dell'auto, questa è diventata un insieme di vincoli piuttosto che una fonte di libertà. Tutto questo mentre, al contrario, la nostra vita richiede maggiore flessibilità, semplicità e leggerezza. L'auto di oggi deve essere vista come una soluzione di trasporto personale capace di offrire maggiori stimoli".

L'auto deve dunque essere: leggera e resistente, personalizzabile e standardizzabile, frutto di scelte libere e responsabili. La tecnologia attinge ad altri modelli Toyota: i motori elettrici nelle ruote arrivano dalla i-ROAD, il futuristico mezzo a tre ruote presentato a Ginevra, le batterie sotto il pianale dalla iQ EV. Il telaio in tubi di alluminio contribuisce a ridurre il peso complessivo, favorito anche dalla scelta di realizzare la scocca non in acciaio ma in polipropilene espanso, un materiale che a certe condizioni è anche completamente riciclabile; il peso dichiarato di 750 kg è del 20% inferiore a veicoli del segmento B con scocca in acciaio.

I motori nelle ruote permettono di scegliere tra la trazione a due o quattro ruote, mentre la versatilità degli allestimenti è garantita, ad esempio, dai sedili posteriori montati su guide e ripiegabili. Essenziale la strumentazione, che si integra con lo smartphone; il climatizzatore dispone di una pompa dell'aria a basso consumo, mentre i sedili riscaldabili sono a basso assorbimento di energia.

Vuoi sapere tutto su auto e moto? Leggi RED Live