La natura reinterpretata con smalto, oro e mistero

«Ho sempre cercato d'interpretare la natura che mi circondava e che mi ha intrigato con i paesaggi e i luoghi da me visitati, le persone che ho incontrato, i loro volti, la loro interiorità, sapendo cogliere il particolare di poesia che mi emozionava in quel momento». Così Sylvia Giro, al secolo Silvia Maria Teresa Giro, racconta il suo modo d'essere pittrice, la passione di trasferire su tela emozioni ed esperienze che ha vissuto nella sua intensa vita. Autodidatta fino al 1968 e successivamente diplomata al Dipartimento di Arti Visive dell'Accademia di Brera, Sylvia Giro ha iniziato a dipingere ispirandosi all'Impressionismo francese ed è poi passata, lavorando solo con la spatola, al «Fauve» con colori molto vivaci. Successivamente i suoi lavori si sono orientati all'Espressionismo figurativo, ma nel 2008 è passata definitivamente all'Espressionismo astratto con «Action Painting», un dripping a smalto e oro dallo stile assolutamente unico e personale, in cui usa una tecnica mista e un materiale da lei ideato e la cui composizione è tuttora segreta. «La mia creatività - continua la pittrice che per anni ha affiancato alla sua passione la direzione dell'azienda di famiglia - trae ispirazione osservando la natura, i colori, il sole, la spiritualità delle persone nei ritratti, con una tecnica dripping che uso in modo del tutto personale e particolare con una materia segreta per la tecnica mista». Nella sua lunga attività artistica ha partecipato a importanti mostre e concorsi in Italia e all'estero, ottenendo ovunque ambiti riconoscimenti, tra i quali nel 2002 i «Bronzi di Riace» della Comunità Europea e il Premio Internazionale «Art Majeur Silver Award 2009».
Molte le esposizione che la pittrice Sylvia Giro ha in programma: «Dal 12 al 15 settembre sarò presente con un mio stand al Macef-Opere d'arti presso la Fiera di Milano-Rho e il 5 ottobre aprirò al pubblico il mio studio in viale Monza 294 per la 9ª Giornata del Contemporaneo. Concluderò il 2013 con una mostra personale, dal titolo «La Forza del segno, l'anima del colore», presso la Galleria La Telaccia by Malinpensa di Torino dal 15 al 24 ottobre».