"Navigare modello da export"

L’IMPRIMATUR UCINA Si conclude domani il 25° salone nautico di Baia (Napoli), oltre 100 barche e villaggio ospitalità con 44 stand, la rassegna più prestigiosa del territorio flegreo impreziosita da alcuni marchi storici della nautica internazionale: Fiart, Apreamare, Gagliotta, Salpa, Rio Yachts e altri ancora

Si conclude domani il 25° salone nautico Navigare di Baia (Napoli) - oltre 100 barche e un villaggio ospitalità con 44 stand - la rassegna più prestigiosa del territorio flegreo impreziosita da alcuni marchi storici della nautica internazionale, quali Fiart, Apreamare, Gagliotta, Salpa, Rio Yachts e altri ancora. E dall’imprimatur della massima associazione di categoria, Ucina-Confindustria Nautica.

"Navigare è la dimostrazione di come può rinascere il mercato della nautica - ha detto il presidente Anton Francesco Albertoni, accompagnato per l’occasione dal direttore generale di Ucina, Marina Stella - Questa è la maniera moderna di fare esposizione e di rilanciare la nautica. Le prove in mare e il modello associativo sono le leve per la ripresa del segmento che più di tutti ha subito la flessione economica globale. Non devono esistere più i sistemi fieristici a interesse personale, presenti in questa regione, ma solo quelli che fanno sistema. Ucina vede nell’Expo Navigare, al quale ha concesso il patrocinio, il format da esportare per fare sistema. Faccio i complimenti all’organizzazione. Diventi il punto di riferimento della nautica del basso Mediterraneo".

Perfetta padrona di casa, Annalaura di Luggo, managing director - sales & marketing manager dell’azienda di famiglia fondata 51 anni fa, Fiart Mare, quartier generale proprio a Baia: "Siamo qui con Epica 58’, vale a dire l’ammiraglia del cantiere che ha già ottenuto importanti nomination al Salone Internazionale di Genova dello scorso ottobre. Ma quest’anno ci presentiamo con un’altra novità, prettamente strutturale. Infatti abbiamo costituito 'Fiart Rent', una società per il noleggio-locazione di tutta la flotta nuova del gruppo, ma anche pacchetti vacanza con servizi high level".

Non da meno Giovanni Aprea, ultima generazione di Apreamare, orgoglioso di Smeraldo 45’che riprende gli stilemi del gozzo sorrentino degli anni Cinquanta. "Solo un lavoro di équipe ci ha consentito di raddoppiare il villaggio ospitalità e con tante barche a mare", ha detto infine Marco Monsurrò, presidente dell’Associazione nautica regione Campania.