Nell’Africa meridionale il sottosuolo è un tesoro

Per la cristallizzazione del carbonio sotto forma di diamante sono necessarie pressioni elevatissime (dell'ordine delle 300.000 atmosfere), quali, ad esempio, si sono realizzate in passato nei camini kimberlitici di Kimberly nel Transvaal (Sudafrica). Le kimberliti sono una varietà di peridotite e all'elevato interesse commerciale si unisce un vivissimo interesse scientifico, poiché la loro genesi profonda (circa 150 km) ci offre una straordinaria testimonianza sulla natura del mantello che altrimenti sarebbe sconosciuta (vedi figura a lato). È a questa profondità che si raggiungono le pressioni necessarie per la costituzione dei diamanti. I camini kimberlitici sono tra i più cospicui giacimenti mondiali, di scoperta relativamente recente (1867), e forniscono la massima parte della produzione mondiale di diamante (2.902.416 carati nel 1917).
La maggior parte dei giacimenti del diamante si trovano in Sudafrica, Namibia e Botswana (tutti Stati dell’Africa meridionale). I giacimenti sono di natura secondaria detritica; in queste alluvioni diamantifere, in parte cementate e sepolte sotto strati più recenti, proprio per la natura inattaccabile della gemma, si possono trovare grosse quantità di diamanti. I più anticamente noti, oggi di scarsa importanza, sono i giacimenti alluvionali dell'India, che hanno fornito parecchie tra le pietre più grosse e più celebri, per purezza d'acqua e splendore di fuoco. Di origine secondaria sono anche i giacimenti brasiliani, tra i quali importantissimi quelli del territorio di Diamantina (stato di Minas Geraes), dove la gemma è accompagnata da quarzo, topazio, cianite, tormalina e rutilo.
La più grossa pietra conosciuta finora è il così detto «Cullinan», trovato nel 1905 in una miniera presso Pretoria (Sud Africa); greggio aveva un peso di 3106 carati, ma per lavorarlo si dovette dividerlo in più pezzi, il maggiore dei quali, dopo la sfaccettatura, pesa 516 carati.
Oltre come gemma, il diamante è molto richiesto per usi industriali, a causa della sua straordinaria durezza che lo rende indispensabile per la costruzione di seghe circolari, punte di perforatrici, e componenti elettronici. Ma quando sono stati scoperti i diamanti? I primi diamanti furono scoperti dall'uomo circa 4000 anni fa e la loro formazione risale a 2,5 miliardi di anni fa.