«Nessuno ci toglierà la A»

Giovanni Porcella

Telefonini in mano e sguardi interrogativi. Anche nel fresco del tirolo, tra le montagne di Heidi, il conto alla rovescia per il processo a carico del Genoa sulla presunta combine con il Venezia, si fa sentire, eccome. Francesco Guidolin, continua comprensibilmente a glissare sulle domande sul suo futuro diverso dal Genoa, se questo non fosse serie A, ma c’è anche chi, come i giocatori della vecchia guardia Caccia e Tedesco su tutti, che pensano positivo. Il bomber napoletano, nella hall del confortevole «Happy Stubai» dice: «Ci vuole pazienza, ma sono convinto che tutta questa brutta storia finirà bene. Come vogliono i tifosi», mentre il capitano, dato ormai in partenza parla ancora da cuore della Nord: «Ho fiducia nei giudici che si occupano di questo processo. Sono sicuro che nessuno ci potrà togliere una promozione che abbiamo meritato sul campo. La partita con il venezia l’hanno vista tutti e so che Preziosi ha agito con lealtà». Tedesco vive questo momento un pò in disparte ed ammette che le voci su un suo cambio di maglia un pò lo intristiscono: «Ho ancora un anno di contratto e onestamente spero di restare qui. Vedo che l’affetto dei tifosi nei miei confronti resta altissimo e questo mi dà la spinta per continuare ad allenarmi con serietà».
E poi ecco un giudizio lusinghiero su Guidolin, lui che è stato un fedelissimo di Cosmi: «E’ un tecnico che insegna calcio, sa lavorare, anche con i giovani e questo è un pregio non indifferente». A Neustift il capo delegazione è Matteo Preziosi che assiste in disparte e quasi in silenzio alle consuete doppie sedute di allenamento sprofondato sulla panchina del piccolo impianto tirolese: «Preferisco non rilasciare dichiarazioni ma bisogna essere ottimisti. Per il resto è davvero tutto ok».
In fondo l’iniezione di fiducia per tutti arriva dalle colonie di tifosi che ora dopo ora oltrepassano il Brennero per stare vicino al Grifo. E domani per la prima uscita contro i dilettanti dello Stubai (arbitrerà Konrad Blatz, principe dei fischietti austriaci) nella vallata sono attesi quasi mille tifosi. Chi è atteso è anche l’olandese Oojier che, terminata la sua tournee in Asia con il Psv, dovrebbe davvero giungere alla corte di Guidolin nelle prossime ore.
Forse proprio domani potrebbe finalmente far la conoscenza con la sua nuova squadra e suoi nuovi compagni.
Per quanto riguarda il mercato, sempre aperta la caccia al regista ma la pista greca che porta a Basinas e al difensore Kyrgiakos è tramontata.
Marco Carparelli, invece, ieri ha rifiutato il trasferimento all’Ascoli e all’Arezzo. Vorrebbe andare alla Cremonese ma il Genoa dovrebbe venire incontro al club neopromosso in B per l’ingaggio.