Ma il nostro re non ha avuto degni successori

Caro Direttore, nella sua risposta del giugno scorso ad un Lettore filomonarchico, ha detto che «non mi facevo molte illusioni su Umberto II». Mi permetta di dissentire. Umberto II fu uno statista di alto livello: nei 2 anni come Luogotenente e Re al Quirinale, e nei 37 lunghi anni di esilio fu un Capo di Stato impeccabile. Fu apprezzato anche da non pochi repubblicani: non mi pare poco... Se lo paragoniamo ai presidenti che abbiamo avuto, li surclassa senza alcun dubbio. Compreso l'incensato e sopravvalutato Pertini! Senza brogli, sarebbe rimasto al Quirinale e l'Italia sarebbe stata nettamente migliore di quella attuale. Solo alla morte non c'è rimedio. Perciò anche la repubblica non è eterna. Pensiamoci, se abbiamo a cuore il futuro del Paese disastrato dal settantennio repubblicano.

Pietro Pisu

e mail

Dissenso lecito, anche perché non mi picco di essere uno storico. Ha ragione quando dice che la repubblica è stata figlia di una truffa elettorale a sua volta figlia del fatto che avendo perso la guerra eravamo un protettorato delle potenze vincitrici che dei Savoia non avevano grande considerazione (a differenza di quanto avvenne per il Giappone dove gli americani diedero il via libera alla permanenza dell'imperatore come garante dell'unità nazionale e della pacificazione). Per quel che conta, io avrei votato monarchia, pur sapendo che le dinastie non offrono garanzie di qualità di generazione in generazione. Lo insegna la storia, lo conferma la genetica: di figli che non siano non all'altezza dei padri è zeppo il mondo imprenditoriale, non vedo perché le real casa dovrebbero fare eccezione. Lei si sarebbe sentito al sicuro con Vittorio Emanuele IV o con suo figlio Emanuele Filiberto, bravissimo ragazzo mi dicono che ha però portato i Savoia sul palco di Ballando con le stelle e più di recente a vendere patatine per le strade americane? Almeno di Napolitano, a fatica, ce ne siamo liberati.