Con il nuovo iPhone di Apple posta e musica sul cellulare

da Milano

L’iPhone è da poco diventato realtà e rischia di avere sul mondo della telefonia lo stesso impatto, almeno così si augurano in casa Apple, che l’iPod, il lettore musicale, ha avuto nel mondo degli Mp3. Ma per capire le funzionalità di questo nuovo prodotto vale la pena di scendere un po' nel dettaglio. Innanzitutto si tratta di un telefono con connettività quadri band Gsm, Edge (non umts), per il trasferimento dati ad alta velocità con supporto del collegamento a reti internet senza fili (Wi-Fi).Già da queste specifiche si intuisce che l’iPhone come posizionamento sul mercato rischia di fare concorrenza ai palmari e smartphone di ultima generazione come Treo o Blackberry.
Infatti, con iPhone è possibile gestire la posta elettronica con sistema push mail, ovvero con la ricezione automatica e continua dal server di posta come avviene sui normali computer, senza la necessità di attivare funzioni particolari, ovvero quella che è la prerogativa che ha portato al successo il Blackberry: la possibilità di leggere la posta elettronica ovunque con la massima semplicità. Inoltre, iPhone dispone di una versione personalizzata di Safari, il browser di casa Apple, e, laddove sia disponibile una rete wi-fi o edge consente quindi di navigare in rete con la possibilità di zoomare a piacimento le sezioni delle pagine web per facilitarne la lettura. Un altro fiore all’occhiello è il display da 3,5 pollici su cui è possibile gustare filmati e vedere la tv attraverso la rete veloce, nonchè visualizzare foto e documenti (ha un disco rigido da 4 o 8 Gb) avendo a disposizione una superficie di visualizzazione degna di un palmare di ultima generazione. Buona la fotocamera in dotazione da 2 megapixel. Anche se sul mercato ormai sono presenti modelli di cellulari che superano abbondantemente questa risoluzione, tuttavia si tratta probabilmente di uno standard più che sufficiente per gestire al meglio le funzionalità multimediali di iPhone, come, ad esempio, scattare una buona foto e inviarla subito via mail. Viene poi, tuttaltro che in secondo piano, il tema delle sinergie, molto strette con il mondo Apple. Così iPhone può collegarsi al Mac (ma anche al Pc) per sincronizzare e scambiare i dati, ma anche a servizi come come Yahoo o Google, può scambiare contenuti con l'iPod, può, inoltre, sincronizzarsi con le librerie di iTunes e altro ancora.
Tuttavia, al di la di queste caratteristiche tecniche di primo piano, sono due gli elementi che fin da subito sembrano aver catturato l’attenzione del pubblico e che, con ogni probabilità decreteranno il successo dell’iPhone: il design molto ricercato e il touch screen. Con quest’ultimo è sufficiente sfiorare il display per attivare le funzioni più disparate senza pulsanti a interrompere l'uniforme superficie levigata del cellulare che sembra scolpita in un unico armonico blocco. Se poi tutto questo si traduca in una vera rivoluzione tecnologica è difficile dirlo, certo l'iPhone sembra racchiudere in un unico supporto il meglio di quella già disponibile. A decidere sarà come al solito il mercato. Per il momento Apple ha reso noto i prezzi: 499 dollari per il modello da 4 Gb e 599 per quello da 8 Gb. Il lancio è previsto a giugno negli Stati Uniti e nella seconda metà dell’anno nel vecchio continente.