Oro, pietre e tutù Quando sono i balletti a ispirare i preziosi

Pochi giorni dopo la presentazione di una stupefacente collezione, la «Bouton d'or» in diamanti, oro, madreperla e pietre dure, pezzi di straordinario virtuosismo, Van Cleef & Arpels conferma il supporto al premio Fedora per il balletto. Stasera al teatro della Scala di Milano va in scena la prima assoluta del balletto «Il giardino degli amanti», apertura delle celebrazioni per il 225° anniversario dalla scomparsa di Mozart. Protagonista, il grande Roberto Bolle. Il Premio Fedora (vinto da Christian Rizzo, coreografo di Le Syndrome Ian e direttore di Centre Chorégraphique National de Montpellier) è stato voluto da un circolo filantropico che si dedica a riunire le eccellenze del balletto europeo e creato per sostenere il futuro del balletto cui è molto sensibile anche la maison francese. Infatti, la prima clips è stata creata nel 1940 ma il dialogo tra la grande firma della gioielleria e e la danza è stato suggellato dall'incontro con George Balanchine che nel 1967 ideò la coreografia per Jewels, il balletto dedicato ai diamanti, agli smeraldi e ai rubini ammirati nella boutique di Van Cleef & Arpels sulla 5th Avenue di New York. LuSer