Le confezioni del futuro in mostra a Ipack-Ima

L’industria mondiale del packaging premia gli imballaggi più innovativi e creativi che aiuteranno i consumatori durante il salone del packaging che aprirà il 19 maggio nei padiglioni di Fiera Milano. Eccellenze italiane in un mercato da 800 miliardi di euro

Aprire una bustina di dolcificante con una mano sola è possibile, facile, e soprattutto aiuta anziani e disabili. Anche loro, ma non solo, vorrebbero confezioni del latte più semplici da usare e riciclare. Senza parlare della sicurezza: i farmaci vanno sempre tenuti lontano dai bambini, ma se ci mettono le mani, la confezione non si aprirà... Come dire, quando il packging dei prodotti conta e semplifica la vita.

A Milano, il 19 maggio queste tante altre confezioni innovative, provenienti da tutto il mondo saranno premiate con il World Star Packaging 2015 nel corso di Ipack-Ima e le fiere correlate che riunisce oltre 2.000 espositori internazionali e si terrà tre settimane dopo l’inaugurazione di Expo Milano 2015, il cui sito è a due passi da Fiera Milano Rho e ha un collegamento diretto.

"Abbiamo fortemente voluto che la World Packaging Organization, l’associazione mondiale dell’industria del settore, tenesse a Milano il suo premio internazionale - spiega Guido Corbella ad di Ipack-Ima spa -. In questo settore, in cui l’Italia detiene un primato tecnologico ed economico di primo piano, ci sono le risposte alle sfide dei prossimi anni, dalle risorse rinnovabili all’efficienza, dai diritti dei più deboli alle necessità delle Pmi".

Dei 265 candidati, già vincitori nelle rispettive nazioni di un premio, sono stati nominati con il World Star Packaging Award ben 148 prodotti che saranno premiati in occasione di Ipack-Ima, a cui aggiungono i premi del Presidente, per la Sostenibilità e per il Marketing. In attesa dell’evento, sfogliando il grande catalogo di novità mondiali, si scoprono confezioni intelligenti capaci di semplificarci la vita, di evitare sprechi, di rendere piacevole il momento del consumo alimentare.

ALIMENTARE: SI APRE E SI DOSA CON DUE DITA

Nel gruppo dei vincitori già designati e presenti all’evento, il miele turco Balparmak Snap & Squeeze (www.easysnap.com/video/katla-balla-balparnak/) che si avvale di una tecnologia tutta italiana. Si tratta di una piccola bustina semirigida, grande come un biglietto da visita, che contiene una monodose di miele. Basta piegare fra pollice e indice i due lati corti: la bustina si ripiega e si apre un piccolo foro. Il miele scivola nel tè o caffè, nella tisana, nella bevanda che si vuol rendere dolce. La magica bustina che si apre con una mano sola, che dosa quanto e come si vuole, è di un’azienda bolognese, specialista in macchine automatiche per l’imballaggio, un settore in cui l’Italia è leader e che fattura oltre 5 miliardi di euro, in gran parte destinati ai mercati esteri (85%).

SALAME SALVASPAZIO

Dalla Norvegia arriva il salame preaffettato in confezione salva-spazio: siamo abituati alla pratica vaschetta, ma che in frigo come a tavola occupa spazio in orizzontale. Ingombra e quasi mai si richiude. Invece il produttore Grilstad (http://player.vimeo.com/video/86898403) ha scelto un sistema molto comodo e compatto per confezionare le fette rotonde del salame: una coppetta di plastica col coperchio a vite.

CREMA GELATO BELLA DA VEDERE E DA MANGIARE

Dagli Stati Uniti arriverà sul tappeto rosso di Ipack-Ima Schwan’s Soft Serve, una busta a forma di coppetta contenente una crema gelato da tenere nel congelatore: basterà spremere il suo contenuto in una ciotola e grazie alla forma dell’erogatore una cremosa dose uscirà con tanto di volute sinuose; una divertente sac à poche monouso, per dare un tocco di eleganza al gelato in tavola.

IL BRANDY SI BEVE NEL SIGARO...

Un distillato è il protagonista del cofanetto-regalo del produttore spagnolo Miguel Torres. A vederlo da fuori sembra annunciare gli intensi aromi di tabacco dei sigari latino-americani. Invece, ecco apparire tre sigari di vetro: sono provette trasparenti ma abbigliate ad arte (dall'agenzia Savia Design) tali da sembrare, complice il colore ambrato del brandy, quel sigaro che spesso viene accompagnato nella degustazione da un pregiato liquore.

BEVANDE: CONFEZIONE ANTI-ROTTURA

Importante per il nostro comparto vitivinicolo impegnato sempre di più sul fronte dell'export è l’intelligente scatola anti-urto per prodotti fragili ideata dalla tedesca Klingele Papierwerke (www.klingele.com/wellpappe/produkte/innovationen/einzelversandverpackung-fuer flaschen) per le spedizioni postali e con corrieri. Si tratta di una confezione singola per l'e-commerce delle cantine che producono vini d'autore è l’ideale. Funziona così: immaginate una scatola lunga e stretta che può contenere una bottiglia, poi pensate a una seconda scatola, uguale alla prima e dentro di essa, ma ruotata di 45° lungo lo stesso asse. Ecco fatto! La bottiglia va nella seconda scatola. Può urtare quanto vuole sui quattro lati ma sbatterà sempre e soltanto su pareti di morbido cartone ondulato.

AMBIENTE: RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dall'Italia arriva un’altra soluzione intelligente premiata dall'Istituto Italiano Imballaggio e poi anche dalla WPO: si tratta di Tetra Top Separable (https://www.youtube.com/watch?v=NvJHHYhyKzY), cartone per latte e bevande in cui la parte alta in plastica col tappo a vite si può staccare per avviare alla raccolta differenziata plastica e cartone separatamente. Un gesto semplice, a prova anche di bambino, reso possibile da una modifica altrettanto semplice nella preparazione delle bobine di cartone dalle quali poi nascono le confezioni che un numero crescente di aziende nel mondo sta adottando. E’ un contributo ulteriore al recupero e al riciclo degli imballaggi in cartone per bevande, che in Italia ha oramai raggiunto oltre il 50% delle quantità immesse sul mercato.

SICUREZZA DEI FARMACI

E' dell’olandese Ecobliss l’idea Locked4Kids (www.youtube.com/watch?v=GMnMbfwS4rk), brevetto che trasforma un semplice astuccio di farmaci in un rompicapo irrisolvibile per i più piccoli, ma piuttosto semplice per gli adulti. I blister che contengono le pillole stanno in una vaschetta trasparente di plastica: l’aletta laterale della scatola si apre ma provate a tirare fuori la vaschetta. Non esce, perché non può scorrere dentro la scatola: i suoi bordi incontrano subito degli ostacoli, dei rilievi stampati nel cartone che funzionano come ganci, ma per sganciare bisogna premere sulla scatola, in due punti contemporaneamente e comunque troppo distanti fra loro per le manine dei bambini. Inoltre il cartone è anti-strappo. Niente da fare!

UN FUTURO GIOVANE

Sono queste soltanto alcune delle 148 confezioni che segnano lo stato dell’arte, le evoluzioni, le prestazioni e le tecnologie del futuro prossimo. Ma prototipi e progetti non mancheranno: alla premiazione in programma a Ipack-Ima si aggiungeranno quelle di tre giovani: riceveranno il World Star Student Award un ragazzo turco, uno cinese e uno sudafricano, scelti fra decine e decine di altri giovani inventori e creativi delle scuole di tutto il mondo. Menzioni speciali sono previste anche studenti provenienti perlopiù da paesi emergenti, Cina su tutti e poi Turchia, Medio Oriente, India, Brasile. Anche fra i 148 vincitori del WorldStar Packaging Award le confezioni asiatiche sono state numerosissime. Specchio dei tempi: degli 800 miliardi di euro di valore del mercato, la quota dell’Asia è 34,81% sul totale, seguita dal nord America (22,16%) e dall’Europa (19,84%). Quota 1.000 miliardi è vicina, sicuramente arriverà prima del 2020.