Il Palermo frena l'Inter La Roma crolla nel derby

L'Inter non riesce a conservare il doppio vantaggio col Palermo: 2 a 2. La Lazio affonda la Roma: 4 a 2. Tafferugli fra tifosi. Seedorf regala al Milan la vittoria sul Chievo

L'Inter non riesce a conservare il doppio vantaggio con cui aveva chiuso il primo tempo contro il Palermo e subisce il ritorno dei rosanero. Al Meazza finisce 2-2 e la Juventus (stasera in casa del Genoa) giocherà per portarsi a -7, con sette giornate davanti e lo scontro diretto a Torino, sabato prossimo.

La 31/a giornata in serie A è caratterizzata da una grande partecipazione per il dramma dell'Abruzzo colpito dal terremoto - con tanti striscioni di solidarietà - ma anche dal nervosismo su diversi campi. Come all'Olimpico, dove la Roma cade pesantemente nel derby. Giallorossi sconfitti 4-2 e fischiati dal proprio pubblico. Tre espulsi in campo (Panucci, Mexes e Matuzalem) e due negli spogliatoi tra il primo e secondo tempo(l'allenatore della Roma Spalletti ed il dirigente laziale Tare per un battibecco). All'uscita tafferugli tra tifosi. La Lazio rialza la testa dopo tre ko consecutivi. Il tonfo di Totti e compagni (fermi a quota 49) sembra restringere la lotta al quarto posto a Fiorentina e Genoa.

Tranquilla la terza piazza del Milan, che passa a fatica in casa del Chievo grazie alla quinta rete in campionato di Clarence Seedorf. I veneti protestano per un presunto fallo da rigore su Luciano, non rilevato dall'arbitro Saccani. I viola (55 punti) soffrono fino agli ultimi secondi per avere la meglio su un bel Cagliari. Il portiere Frey alla fine sarà il migliore. Primo tempo incolore, con i giocatori di Prandelli incapaci di approfittare delle notizie che arrivano dall'Olimpico. Nella ripresa Pasqual sblocca il risultato, Frey salva almeno tre volte l'1-0, Vargas in contropiede realizza il 2-0 e Ragatz (17 anni) a 3' dal termine accorcia. Intanto il Cagliari rimane prima in dieci e poi in nove per le espulsioni di Agostini e Canini. Il tecnico dei sardi Allegri, a Sky, parla di una sospetta aggressione nel tunnel, con un pugno al suo giocatore Lopez.

Poche emozioni e nessuna rete tra Napoli ed Atalanta. 'Mister X' Donadoni infila il quarto pari di fila e nessuno dei protagonisti in campo fa gran che per ripagare il pubblico del San Paolo. L'occasione migliore è dell'atalantino Doni, entrato al 20' della ripresa. In chiave salvezza, vittoria importante del Torino ai danni del Catania (2-1). I granata (27 punti) salgono al quart'ultimo posto, scavalcando il Bologna (26) travolto a domicilio dal Siena. Crolla in casa anche il Lecce (24) per mano della Sampdoria. A segno i nuovi 'gemelli del gol' Pazzini e Cassano. Domani Reggina-Udinese chiude la giornata.