Da Pandolfini anche i «gioielli» su 4 e 2 ruote

Il supporto qualificato ai collezionisti allo scopo di proporre investimenti affidabili e sicuri

Piero Evangelisti

Le auto d'epoca? Un investimento sicuro, lo conferma il fiorente mercato di vintage car che non conosce confini. Pandolfini è una grande Casa d'aste italiana attiva dal 1924 e divenuta da tempo leader indiscussa del mercato nazionale (tra i suoi record la vendita di un vaso Qing a 7,5 milioni). La tradizione si consolida anche creando nuove esperienze, come il nuovo Dipartimento Auto Classiche dove confluiranno non soltanto vetture ma anche moto, memorabilia, documenti e cimeli. «Nel portafoglio di chi investe in antiquariato sono da tempo entrate le automobili spiega Marco Makaus, che Pandolfini ha chiamato a dirigere il nuovo dipartimento : l'auto è considerata alla stregua di un'opera d'arte ed è già entrata a far parte di molte collezioni. In più, una vintage car non è soltanto da ammirare come una prestigiosa tela, ma può essere usata e guidata per esperienze uniche». Negli ultimi anni la situazione economica ha stressato molti investimenti, ma la popolarità dell'investimento in classic car ha continuato a crescere, «anche perché aggiunge Makaus dietro a un'auto d'epoca ci sono spesso sogni, quelli che abbiamo fatto intorno a vetture inarrivabili quando avevamo 15 o 20 anni». La storia dell'automobile, ci ricordano alla Casa d'aste Pandolfini, si intreccia profondamente con la storia e la società dell'ultimo secolo, e ha molti punti di contatto con le «arti», basta pensare allo straordinario lavoro di designer e carrozzieri che hanno creato capolavori in movimento. Opere d'arte a supporto delle quali Pandolfini metterà tutta la sua esperienza offrendo opportunità di contatto tra venditori e acquirenti che finora non si erano avvicinati al mercato delle auto d'epoca.

«È un'opportunità che molti appassionati aspettavano da tempo in ogni parte del mondo conclude Makaus basti pensare che ci sono investitori australiani che non aspettano altro che poter acquistare un'auto che hanno visto nei film italiani, dal Neorealismo in poi: la passione è fortissima». Il nuovo dipartimento è in grado di offrire un supporto qualificato ai collezionisti, con una particolare attenzione a quelli che non si sono mai avvicinati alle auto classiche, con la stessa competenza che Pandolfini ha dimostrato in tutti i settori del collezionismo d'arte, mettendo a disposizione un pool di specialisti di grande e provata esperienza, persone in grado di proporre investimenti sicuri e affidabili per poter anche guidare in sicurezza un'opera d'arte su quattro ruote.