Parigi, il kamikaze e la vittima sepolti insieme? Così la città insorge

Lei è morta al Bataclan, lui si è fatto esplodere nella stessa sala. Nessuno li voleva nello stesso cimitero

Si è fatto saltare il 13 novembre, uno dei kamikaze in azione al Bataclan. Ma la salma di Ismail Mostefai, 29 anni al momento della sua morte, è ancora in un loculo dell'Istituto medico-legale di Parigi.

La questione della sua sepoltura è complicata, come spesso lo è in casi come questo: perché nessuno la vuole e perché la proposta avanzata dalle autorità ha scatenato un'insurrezione popolare. Mostefai poteva essere sepolto a Chartres, cittadina di 40 mila abitanti a meno di 100 chilometri dalla capitale, dove si ritiene abitasse prima dell'attacco.

Peccato che in quello stesso cimitero sia già stata accolta la salma di Marion Jouanneau, 24enne che al Bataclan ha perso la vita. E in città nessuna aveva intenzione di vedere la vittima e il carnefice a poca distanza l'una dall'altro. Jean-Pierre Gorges, il primo cittadino della città, che milita tra i repubblicani di Sarkò, ha detto "no" spiegando che ormai Mostefai non li si vedeva più a Chartres. Ma la questione è naturalmente più complessa.

"Marion, la nostra concittadina, chiedeva solo una cosa: vivere", ha aggiunto il sindaco. E per chi è ancora vivo, per esempio per lo zio della giovane o per il suo fidanzato, che vive ancora in città, "ci vuole rispetto". Un rispetto che con il kamikaze sepolto a poche tombe di distanza non sarebbe garantito.

Annunci
Commenti

roseg

Mer, 20/01/2016 - 11:54

Ma ho capito bene una bestia schifosa del genere in un nostro cimitero cristiano???Penso piuttosto a qualche allevatore di maiali disposto ad usarlo come mangime.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 20/01/2016 - 12:03

Semplice: Rivestire la salma di pura cotenna suina e buttarla al largo dell'isola di Port Cros ! Due piccioni con una fava !

Ritratto di kikina69

kikina69

Mer, 20/01/2016 - 14:11

Il Sindaco di Chartres ha perfettamente ragione. Sarebbe una gravissima mancanza di rispetto per i famigliari rimasti, sepellire la salma del kamikaze nello stesso cimitero della vittima. Evidentemente anche in Francia deve esistere l'ufficio complicazioni affari semplici...invece di dare un luogo ad un essere così spregevole, dando modo ad altri del suo clan di andare in quel posto, è così difficile bruciare la salma e gettare le ceneri da qualche parte? Ci sono tantissime persone che lo fanno per scelta e si eviterebbero gli effetti collaterali di cui parlavo poc'anzi

Opaline67

Mer, 20/01/2016 - 14:38

la salma del jihadista anzi, starebbe bene in pasto agli squali...ma che dico...non merita di rientrare nella catena alimentare...tirato dentro la bocca di un vulcano....ma che dico....povero vulcano e povero fumo che va a rarefarsi nell'atmosfera! meglio di tutti avvolto nella pelle putrefatta di un maiale o un cinghiale così Allah se lo dimenticherà per l'eternità (o almeno loro ne sono convinti)

joecivitanova

Gio, 21/01/2016 - 00:19

Perdonatemi se mi intrometto in una cosa così delicata e privata. Ma le autorità hanno innanzitutto chiesto il permesso di poter seppellire il carnefice vicino alla vittima, alla vittima? Data l'assoluta impossibilità della cosa, nessuno si dovrà azzardare minimamente, nemmeno il 'Padreterno', a fare o ad autorizzare una cosa del genere. VERGOGNA!! SOTTERRATEVI SOLO PER AVER AVUTO IL PENSIERO DI QUESTA COSA!! VERGOGNA!! SIETE IL NULLA!! G.