A Parma il «Gotha» dell'antiquariato

Attesa per l'apertura della fiera d'Antiquariato nota per la selezione dei suoi espositori

Grande attesa per l'apertura di Gotha 2010, mostra internazionale d'antiquariato che si apre il 6 novembre al Palacassa Fiere di Parma. Con cadenza biennale, dal 1994 Gotha ospita le proposte più esclusive dei migliori antiquari italiani e stranieri ed è considerata punto di riferimento per curatori museali, appassionati d'arte e antiquariato, collezionisti colti e raffinati.
L'esposizione, che riunisce oltre sessanta antiquari e gallerie d'arte, si tiene alle Fiere di Parma, all'interno di Palacassa, uno spazio moderno e razionale elegantemente decorato da Pier Luigi Pizzi. Per gli interni, il grande scenografo si è ispirato al rigore neoclassico dell'architetto francese Ennemond Alexandre Petitot, che nella città ducale ha lasciato un'importante impronta.
Mostra di grande tradizione, Gotha offre una notevole varietà di proposte, d'incroci di periodi e discipline culturali: oggetti d'arte, arredi, pittura, scultura, tappeti, argenti, gioielli, libri, arte orientale ed etnica che si snodano dal primitivo al '900.
Tra le importanti riconferme segnaliamo alcuni espositori storici quali Maurizio Nobile con dipinti e oggetti d'arte di grande pregio dal Seicento all'Ottocento, la Galleria Antiquaria Camellini con mobili e arredi dal XVI al XVIII secolo, Antichità Delfa Loqui e le sue prestigiose porcellane di Meissen, la galleria Cecchetto Prior che propone un elegante cassone da viaggio veneziano in lacca di china della prima metà del '700 ; Phidias Antiques, con gli storici arredi di stile neoclassico, Roberto Centrella con una prestigiosa selezione di vetri e lampade Gallé, Robertaebasta con mobili e oggetti d'arte del '900 e, Tornabuoni Arte con le sue notevoli collezioni d'arte moderna. Ritorna, dopo qualche anno d'assenza, Alessandro Cesati con le sue importanti e preziose collezioni di oggetti d'arte e ferri antichi.
Ad arricchire il panorama espositivo internazionale di Gotha segnaliamo la galleria Boccara Design di Parigi, specializzata in arazzi e tappeti dal XVI al XX secolo, Artemisia Antichità di Madrid, con arredi, dipinti e sculture e un gruppo di galleristi antiquari provenienti dal Principato di Monaco, quali Toninelli/Art Modern, GAM, Maison d'Art,Accademia Fine Art e Montecarlo Art Collection. Una new entry degna di nota è la Galleria Centro Steccata di Parma che, per celebrare il suo cinquantesimo anno di attività, propone una selezione di dipinti e sculture dell'artista Antonio Ligabue, assieme a una retrospettiva di opere dei maggiori artisti del '900.
La qualità degli oggetti d'arte presenti negli stand di Gotha è assicurata da un severo sistema di vetting. Un comitato scientifico cui fa capo una ventina tra studiosi, specialisti, storici dell'arte e critici di fama internazionale, verifica e controlla precedentemente tutte le opere che andranno in mostra, certificando qualità, autenticità e provenienza. Se un'opera d'arte non incontra lo standard qualitativo stabilito da Gotha, non potrà essere messa in vendita. L'opera sarà custodita in un centro di sicurezza, e sarà accessibile all'espositore che ne è proprietario soltanto a fine fiera. Questa rigorosa procedura di vetting, che caratterizza le manifestazioni di prestigio, offre al compratore la più grande garanzia nell'acquisto.
Per tale ragione tra i compratori figurano non solo esperti collezionisti, curatori di musei, consulenti d'arte, decoratori d'interni e mercanti d'arte, ma anche giovani appassionati che, pur non disponendo di un budget importante, desiderano iniziare una collezione d'oggetti d'arte dal valore intrinseco garantito. Anche per loro Gotha è un vero viaggio alla scoperta del mondo dell'arte e dell'antiquariato.