"Se non ferma immigrati ed islam, l'Europa esploderà come l'Urss"

Parla l'avanguardia giovanile di Pegida: "Vogliamo un'Europa delle patrie, per preservare la nostra identità etno-culturale. Nel 2050 gli europei saranno una minoranza tra le tante"

Alexander Markovics è un ragazzo biondo dall’aspetto pacioso, tutto il contrario di quello che potresti aspettarti da un estremista di destra, come spesso sono descritti dalla stampa italiana gli attivisti di Pegida, il movimento tedesco anti-islamico. È a Milano per un convegno delle destre antieuropeiste e, come si definiscono loro stessi, “identitarie”. Eppure Alexander di Pegida è attivista: ha partecipato a diverse manifestazioni ed è presidente del movimento di giovani “patrioti austriaci” di Identitaere Bewegung. Che con Pegida ha molte affinità, al punto da esserne considerato, quasi, una costola giovanile. Con gli anti-islamisti tedeschi condivide l’attenzione per molti temi d’attualità, “a partire dall’avversione per l’immigrazione e per l’islamizzazione della società”, come ci spiega Alexander.

Per cosa combatte Pegida?

Il contrasto all’immigrazione di massa verso la Germania; la necessità di leggi più severe contro gli islamisti. Il tema della sicurezza: ci sono alcune zone completamente controllate da bande criminali o da gruppi islamisti radicali. Città come Berlino, con quartieri come NeuKolln (la cosiddetta Little Istanbul, ndr) dove lo Stato ha perso la propria autorità. Quartiei dove dettano legge bande criminali a rischio di radicalizzazione da parte dei salafiti. È anche la polizia a non funzionare come dovrebbe. La gente protesta anche contro questa mancanza di sicurezza.

Pegida è davvero un movimento di estrema destra, collegato ai neonazisti, come viene detto da più parti?

Pegida non è legato all’estrema destra o ai neonazisti. Il nucleo principale viene dalle classi medie, soprattutto dalla borghesia colta… è difficile che esprimano posizioni estremistiche. Eppure i tedeschi prendono parte con regolarità a queste manifestazioni, perché non si sentono più rappresentati dalla politica. Ci sono problemi come l’immigrazione di massa, l’islamizzazione, l’emergenza demografica Alcuni giornalisti hanno cercato di infiltrarsi nelle nostre manifestazioni ed attribuirci dichiarazioni razziste, per metterci in cattiva luce e presentarci come neonazisti. Quando il pubblico ha scoperto queste cose, ha iniziato a parlare di “Lugenpresse”, stampa bugiarda, e ha seguirci con sempre maggior interesse

Cos’è invece Movimento Identitario?

Un movimento giovanile: ci occupiamo della difesa della nostra identità etnico-culturale. Immigrazione di massa ed islamizzazione sono solo i sintomi di un processo più ampio: la sostituzione della popolazione europea con mediorientali ed africani. Questo per due fattori: uno economico, manovrato dal capitalismo liberista in cerca di forza lavoro a poco prezzo; uno politico, dato dal multiculturalismo egemone. Nel giro di cinquanta o cento anni non ci saranno più europei indigeni per come li conosciamo. Entro il 2050, in Austria gli austriaci saranno solo una minoranza tra le altre. Le frontiere austriache, di fatto, non sono più sorvegliate.

Ma l’identità europea stessa non è fatta di pluralismo e tolleranza?

Quando si parla di multiculturalismo ti fanno vedere le figurine che si tengono per mano, tutte uguali ma con colori diversi. Vogliono trasformarci in tante “persone-Smarties” e cambiare l’Europa in un’enorme Disneyland. Diventiamo sempre più simili agli Usa, con quella mentalità da melting-pot. Noi invece vogliamo preservare le diversità: uno dei nostri slogan del Movimento Identitario è “100%, 0% razzismo”. L’unico razzismo che c’è in Europa è quello dei politici verso gli europei indigeni.

Da un lato ci sono i movimenti popolari, dall’altro i filoeuropei. Qual è la vostra opinione sulle responsabilità dell’Europa?

L’unità europea è una buona idea tradotta malissimo in pratica. Gli ultimi 20 anni sono stati una catastrofe, lo puoi vedere in economia, basti vedere la disoccupazione in Grecia. Gli Stati occidentali sono influenzati dall’America nella politica estera: il rapporto non è quello tra partner alla pari, ma tra feudatario e vassallo. La Ue conta troppo sugli Usa e ne è troppo dipendente. Questo porta a conseguenze molto pericolose, e lo si può vedere dalla crisi ucraina.

Come?

Mentre gli Usa fomentavano l’odio tra russi e ucraini, l’Europa avrebbe dovuto contenere l’escalation e promuovere la pace, ma in realtà ha solo prodotto l’effetto contrario. Le sanzioni alla Russia causano un danno economico all’Europa ma favoriscono invece gli Usa, che hanno interesse a creare un solco tra Russia ed Europa. Così abbiamo una nuova guerra fredda che rischia di diventare calda. Senza poter difendere i confini, questo è molto pericoloso.

Come giudica la politica di Putin? È davvero così aggressivo come dicono?

Con la dissoluzione dell’unione sovietica nel 1991 gli Usa hanno sfruttato il momento per guadagnare più influenza a discapito della Russia, con l’espansione della Nato a est.

Le nazioni dell’Europa orientale non hanno diritto a preservare le proprie identità nazionali?

Assolutamente sì. Tuttavia la Russia non sta aggredendo nessuno, è essa stessa a sentirsi in pericolo. Per l’Europa sarebbe meglio sbarazzarsi dell’egemonia americana e delle truppe Usa. Inoltre bisognerebbe dotarsi di un esercito in grado di difendere le frontiere.

Quindi non c’è futuro per la Ue nella sua forma attuale?

La Ue può sopravvivere solo se diventa più democratica e rispetta gli interessi dei suoi stessi cittadini, senza più essere solo espressione della classe dirigente di alcuni Paesi. Se la gente non partecipa alla politica in forma diretta e su una base larga, non ci sarà futuro per la Ue, e finiremo come l’Unione Sovietica del 1991.

Ultima domanda: che ne pensa della situazione italiana?

La Lega è un’espressione parlamentare di questi movimenti popolari come Pegida, sin dalla sua fondazione. Mi fa piacere che questi cambiamenti stiano avvenendo anche in Italia.

In Italia però la partecipazione politica è ancora bassa...

"È naturale: non avete un premier eletto dal popolo da sette anni, grazie a Bruxelles. Berlusconi non si inseriva al 100% nel programma di riforme immaginato dalla Ue per l’Italia e per questo è stato “sostituito”. Quando togli ai cittadini il diritto di scegliersi i propri rappresentanti, la gente vuole uscire dalla Ue, semplicemente. Come si può vedere in Grecia."

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 13/04/2015 - 08:49

I paesi occidentali,si stanno trasformando come gli USA,sostanzialmente in un enorme albergo,con stanze a da una a cinque stelle,dove l'obbiettivo di tutti,è procurarsi con ogni mezzo,il denaro,per pagare il conto!Questa è la prospettiva!!

linoalo1

Lun, 13/04/2015 - 08:58

Finalmente qualcuno che usa il Cervello!!

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 13/04/2015 - 09:18

La sola differenza tra Italia e Germania, è che il parlamento Tedesco ascolta anche la popolazione, mentre quello Italiano, la deruba e la descrimina.

gianni.g699

Lun, 13/04/2015 - 09:35

Presto se ne sono accorti !!! ... leggere unione paneuropea ovvero piano KALERGI ...

Ritratto di ilmax

ilmax

Lun, 13/04/2015 - 10:20

complimenti ai giovani in Germania che scendono in piazza per difendere la loro nazionalità in primis evidenziando che è un problema Europeo, il problema in Italia è che i nostri giovani vengono infarciti di m......te e scendono in piazza per difendere gli invasori!! speriamo che questo movimento aprano le meningi anche ai giovani Italiani. Ultima cosa, vedo che la strumentalizzazione dei media di questi movimenti non è un problema tutto Italiano!!! portate avanti questa protesta e scenderemo in piazza tutti!!!

Rossana Rossi

Lun, 13/04/2015 - 10:40

Plauso ai giovano tedeschi che scendono in piazza a difendere i propri valori e identità. Ha ragione Ilmax...........

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Lun, 13/04/2015 - 11:03

Alexander Markovics: razionale.

eureka

Lun, 13/04/2015 - 11:06

Giovani che contestano per la propria identità nazionale in Germania, giovani che contestano per il proprio personale modo di vivere a spese altrui in Italia. Dove è finito l'orgoglio nazionale dei giovani in Italia?

Luigi Farinelli

Lun, 13/04/2015 - 11:17

Naturalmente, per la sinistra del pensiero unico e omologato, quanto affermato da Markovics sarà, senza nemmeno un istante di riflessione,frutto di "pericolose derive fasciste e razziste...". I "buonisti" e i "politicamente corretti" pompati a pensiero debole non porteranno mai sul tavolo, una volta che sia una, i dati veri dei vari fenomeni che ormai attanagliano l'Occidente tout court per poterli analizzare da un punto di vista oggettivo, razionale, di buon-senso. L'ideologia non ammette uso del cervello. I capi della sinistra europeista, servi del mondialismo massonico ultra-mercantilista e nichilista (quello che si è impossessato del portafoglio e delle anime dei cittadini) spingono i loro adepti a non usarlo proprio il cervello: basta il loro, indice di una "superiorità morale e culturale" che non deve mai essere messa in discussione. Se lo venisse, balzerebbe subito evidente il vuoto pneumatico che vi si cela.

giagir36

Lun, 13/04/2015 - 11:19

Non ci basta un rafforzamento di Pegida. La politica di accoglimento di immigrati e zingari non dipende dalla Germania e dall’Europa ma dalla stupidità dei nostri governanti. L’Europa è disposta ad accogliere gli immigrati, il nostro governo vuole fare di più: va a prenderli in Africa. Ci sono dei barconi in difficoltà a 55 chilometri dalla costa libica (30 miglia) e 350 chilometri dalla Sicilia. Logica vorrebbe che le navi inviate in soccorso trainassero i barconi indietro, sulla costa da cui erano partiti. Invece no. Gli immigranti VOGLIONO venire in Italia. E le navi della nostra Guardia costiera devono accontentarli: così si vuole in alto. Ma che Guardia costiera ci dà sto governo di non eletti: invece di difendere le nostre coste aiuta gli invasori. Mi chiedo: dicono che non c’è benzina sufficiente per le auto della polizia. Mai che manchi la benzina alla guardia costiera?...

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 13/04/2015 - 11:28

poveri i nostri figli....

opinione-critica

Lun, 13/04/2015 - 11:40

Giovanni Masini preparati a ricevere querele da Boldrini, Kyenge &C,preparati a pagare i danni alle organizzazioni islamiche, preparati a ricevere scomuniche dal vaticano. Non bisogna essere critici (islamofobici)con l'Islam e coi clandestini, bisogna essere islamofili, bisogna aiutare economicamente le coop rosse, caritas, migrantes &C che si occupano di mantenere coi nostri soldi i clandestini. Le cose girano così.

filder

Lun, 13/04/2015 - 11:52

Ho l'impressione che i nostri politici da 4 soldi se non la smettono di fare i finti buonisti per salvaguardare il loro cu@o, ci stanno mettendo gli uni contro gli altri e ci stanno facendo diventare razzisti con il pericolo che in tutta Europa fra non molto succederà qualche cosa di inevitabile.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 13/04/2015 - 11:54

mettiamo al bando la canzone di Morandi Ruggeri Tozzi:< Si può dare di più.> Basta!!! Abbiamo già dato, ora basta.

VittorioMar

Lun, 13/04/2015 - 12:04

La Storia ha già emessa la sua sentenza!!!Saremo travolti ed annientati,per incapacità e scarsa lungimiranza!!!Non abbiamo il coraggio di reagire,andiamo avanti vigliaccamente!!

Iacobellig

Lun, 13/04/2015 - 12:08

Pensiero condivisibile...chissà se non sia già tardi!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 13/04/2015 - 12:19

Ma qualcuno, in Italia, continua a fare il sordo. Non c'è peggior sordo di chi non vuole intendere. Compito dell'elettorato sarà quello di stappare energicamente, in occasione della prossima convocazione elettorale, le orecchie a questa classe di politici venduti. Non c'è più spazio per astensionismo. A meno che non si voglia vivere, nei prossimi anni, secondo standard africani.

19gig50

Lun, 13/04/2015 - 12:37

Ci vuole gente così che contrasti la demenza dei falsi buonisti che speculano su questi disgraziati. Aiutarli possibilmente nei loro paesi ma, vietare nel modo più assoluto questa invasione quotidiana.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 13/04/2015 - 12:48

Ormai non ci dovrebbe porre il problema di votare solo gli onesti, perché non c'è ne sono. Ma di sicuro di non votare a prescindere chiunque sostenga l'immigrazione selvaggia.

Maver

Lun, 13/04/2015 - 13:08

Islamizzazione dell'Europa, melting-pot, globalizzazione selvaggia, denatalità. Questi sono le problematiche che annullano ogni possibilità di futuro per gli europei (autoctoni) se non verranno risolte. Tutto il resto, compresa la gravissima crisi economica che ci attanaglia non avrebbero il potere di precluderci la speranza nel domani.

mtolover

Lun, 13/04/2015 - 13:27

Gli Africani vogliono l'Europa per il benessere e la sicurezza che offre, benissimo, portiamo l'Europa in Africa. Un nuovo colonialismo economico, poi culturale e istituzionale, è l'unica risposta per evitare il disastro. Sicuramente sarebbe un nuovo boom economico. Dubito che il nostro o altri governi avranno mai la forza per una risposta simile, ma non vedo altre possibilità per la tenuta dell'Europa.

kayak65

Lun, 13/04/2015 - 13:28

in italia invece abbiamo I caproni rossi che scendono in piazza a favore dei clandestini che vivono a sbafo e mantenuti dagli italiani costretti a lavorare fino a 70 anni e sentirsi pure chiamati razzisti.

little hawks

Lun, 13/04/2015 - 13:48

Se abdichiamo al controllo del territorio ed evitiamo di contrastare chi ci vuole morti (leggete il Corano!) saremo presto finiti. Finalmente qualcuno comincia ad usare il cervello, ma non basta occorrono idee chiare e determinazione. Bisogna cominciare a denunciare per tentato omicidio gli imam salafiti ed i loro discepoli e togliere la cittadinanza europea ai mussulmani.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 13/04/2015 - 13:58

Finalmente sta crescendo nel nostro continente europeo una coscienza critica e lucida, un pensiero coerente che capisce, rispetta e difende la nostra cultura, le nostre tradizioni, la nostra religione. Non possiamo e non dobbiamo più accettare e farci imporre le porcate di certi nostri politicanti komunistoidi che difendono, evidentemente solo per interessi sia politici che economici, culture che sono contrarie ed ostili a noi, anzi dichiarano apertamente che ci vogliono distruggere.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 13/04/2015 - 13:58

I TEDESCHI SONO GENTE CON LE PALLE! MENTRE IN ITALIA CI SONO SOLO DEI QUARAQUAQUA TIPO BOLDRINI CHE VORREBBE AVERE IL 50% DELLA POPOLAZIONE ITALIANA MUSSULMANA! ED IO APPOGGERÓ SEMPRE LA POLITICA DI MATTEO SALVINI CHE VUOLE SALVARE IL NOSTRO PAESE É LE NOSTRE TRADIZIONI GIUDAICHE- CRISTIANE; É CHI CRITICA LA GERMANIA DOVREBBE RICORDARSI CHE NOI ITALIANI ABBIAMO LEGAMI STRETTI CON LA GERMANIA É 700.000 ITALIANI HANNO TROVATO PANE É LAVORO IN QUESTO PAESE; E UN EXPORT-IMPORT DI 100IA DI MILIARDI DI EURO; É PER ULTIMO LA GERMANIA É UN PAESE CHE HA TRADIZIONI GIUDAICHE- CRISTIANE COME NOI; MENTRE NOI CRISTIANI NON ABBIAMO NIENTE IN COMUNE CON MUSSSULMANI!.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/04/2015 - 14:04

Ma che esploda l'UE, una dittatura impostaci dagli Stati Uniti.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/04/2015 - 14:08

I popoli asiatici non accettano la deriva distruttiva del globalismo. Difendono fieramente la propria razza e cultura.

umbro80

Lun, 13/04/2015 - 14:13

Tutti discorsi sacrosanti ma finchè il 40% degli italiani sta con Renzi/Boldrini e compagnia la vedo dura.

geronimo1

Lun, 13/04/2015 - 14:17

Complimenti ragazzi, mi fate pensare che a questo modo c'e' ancora qualcuno che porta avanti le idee...!!!! E ricordate: SOLO VOI fate politica!!!!! Perdente, controcorrente, contro tutto e tutti, ma POLITICA vera!!!!! Gli altri sono solo dei ladri, e quando non ladri, opportunisti attratti solo da stipendi, vitalizi e potere!!!!!!!!! Voi probabilmente sarete sconfitti, ma soprattutto perseguitati (Preparatevi alla "sacra inquisizione" dei benpensanti: vi sguinzaglieranno dietro decine di giudici: dalla manifestazione non autorizzata alla sede con l' impianto elettrico non a norma, alla pubblicazione inneggiante la supercazzula!!!!! Le useranno e proveranno tutte per "uccidervi"!!!! Ma VOI tenete duro, siete tra le poche fiammelle accese nel buio totale!!!!

vince50_19

Lun, 13/04/2015 - 14:27

Luigi Farinelli - D'accordissimo con lei.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/04/2015 - 14:27

E' un genocidio accuratamente studiato... e nulla di nuovo. Anche Stalin e gli Inglesi mescolavano i popoli per imbastardirli e dominarli.

lamwolf

Lun, 13/04/2015 - 15:07

Io la mia famiglia e molte altre ancora vogliono solo tornare all'Italia prima di questa UE che non è servita a nulla se non ad impoverirci e fare i comodi dei germanici. Torniamo alle origini, ai confini di stato, alle monete ognuno la sua e a ripristinare giustizia e sicurezza e chi rompe le p@lle galera o ritorna al suo paesuccio. Ci siamo rotti le p@lle.

buri

Lun, 13/04/2015 - 15:14

i burpcrati di bruxelles se ne frefabo altamente di quello che vuole la gente, amzi vogliono proprio il contrario, , abolizione dell'identità nazionale, cristianofobia, porte aperte ecc., ma forse un giorno la gente si ribellerà e sarò la fine dell'IE

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 13/04/2015 - 15:23

IO CONTINUERò AD ESSERE CRISTIANO FINO ALLA MORTE...PIUTTOSTO CHE DIVENTARE MUSSULAMNO MI SUICIDIO...non peraltro ma solo per dispetto!

Ritratto di alejob

alejob

Mer, 01/07/2015 - 12:46

E'gioà previsto dalla SENSITIVA Bulgara THELMA, L'Italia dal 2016 passerà TEMPI BUI. Cosa significano questi TEMPI BUI, ancora non lo sappiamo, ma sicuramente niente di BUONO e i nostri (Coxxxoni) politici se ne SBATTONO

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Dom, 19/07/2015 - 12:31

Alexander Markovics dice: "Questo per due fattori: uno economico, manovrato dal capitalismo liberista in cerca di forza lavoro a poco prezzo; uno politico, dato dal multiculturalismo egemone. Nel giro di cinquanta o cento anni non ci saranno più europei indigeni per come li conosciamo." E il terzo lo dimentica! Ovvero quello più importante: ANCHE I TEDESCHI NON FANNO PIU FIGLI. Essenzialmente per questo tra 50 anni non ci saranno più!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Dom, 19/07/2015 - 12:33

WIR SIND DAS VOLK! Noi siamo il popolo FORSE. Ma sicuramente un popolo in via di estinzione.