A Perugia il giornalismo riflette su se stesso

Fino a domenica a Perugia si svolgerà la terza edizione del Festival internazionale del giornalismo che ospiterà oltre duecento protagonisti ed esperti del settore

Milano - Un contratto annoso in via di approvazione, la crisi che, declinata in termini editoriali, assume tonalità ancora più fosche. Non basta: le nuove tecnologie, la miniaturizzazione dei supporti di lettura, internet, il web 2.0 e il citizen journalism. Sono solo alcuni delle onde che muovono il mare del giornalismo.
Si discute anche di tutto questo a Perugia  per la terza edizione del Festival internazionale del giornalismo che fino a domenica prossima ospiterà oltre 200 protagonisti ed esperti del settore e un centinaio di eventi.

Le migliori penne di tutto il mondo A Perugia sfileranno alcune fra le firme più prestigiose del panorama giornalistico italiano. Fra gli altri anche Seymour Hersh, giornalista investigativo di The New Yorker (lo scoop su Abu Grahib porta la sua firma) e Eric Ulken del Los Angeles Time, tra i massimi referenti del nuovo giornalismo digitale, Jean Francois Juillard, segretario generale di Reporters sans frontieres, ed il videomaker Benjamin Reece, oltre a molti beni noti in ambito nazionale.

Vanguard journalist Al centro dei cinque giorni della manifestazione, i giornalismi contro le mafie, il giornalismo in Europa, i new media e le nuove frontiere dell’informazione, i Vanguard journalist (la nuova generazione di giornalisti sul campo nata dall’esperienza di Current Us), diritti umani e libertà di stampa, ed anche una open session del Master in giornalismo internazionale della City University di Londra.

In diretta sulla tv dello Iulm Le copie calano, il direttore del New York Times ipotizza di chiudere le rotative e conmprare server e banda larga e l'informazione si moltiplica. Un Festival in cui, per qualche giorno, i giornalisti lasciano mouse e tastiera e riflettono sugli scenari futuribili della professione. Accanto ai giornalisti più blasonati non mancano neppure le nuove leve del mondo della comunicazione. Tutto il festival verrà trasmesso sul canale Mogulus degli studenti della scuola di giornalismo dell'università Iulm di Milano.

Guarda la diretta