Più sicurezza al volante grazie alla community più vasta d'Europa

Massimiliano Finzi

Informazioni sul traffico in tempo reale per le flotte aziendali, variazioni dei limiti di velocità, localizzazione di Autovelox, ingorghi, incidenti e imprevisti per mezzo di scambi di informazioni inserite dagli utenti, grazie all'utilizzo congiunto della tecnologia Gps e Gprs, semplicemente premendo un tasto. Nell'era digitale e dell'interconnessione di strumenti e tecnologie, l'assistente alla guida Coyote, già inserito di serie da molte Case, conquista anche le flotte aziendali, permettendo di ricevere segnalazioni su limiti di velocità, Autovelox fissi e mobili, Tutor (con velocità media da porta a porta), telecamere al semaforo, Ztl, auto civetta, incidenti, rallentamenti, code, traffico, pericoli e imprevisti sulla strada. Molte delle informazioni visualizzate su Coyote provengono dalle segnalazioni degli utenti che stanno utilizzando il dispositivo sulla propria vettura: la più grande community d'Europa con oltre 4.791.000 persone. La società francese fondata nel 2006 da Fabien Pierlot è oggi il primo sistema europeo di informazione geolocalizzata al servizio dell'automobilista e della sua sicurezza.

«La sicurezza stradale è al centro della nuova strategia - spiega Maurizio Izzo, responsabile per l'Italia di Coyote - che aggiunge nuove funzioni sui prodotti e lancia un'aapp completamente rivista. La nostra sfida è far comprendere agli italiani l'importanza di avere un'assistente copilota in grado di informarli sulle difficoltà e le insidie delle nostre strade e di disporre di un sistema che li possa aiutare a non sentirsi più soli, aumentando la sicurezza».