Le piazze italiane si tingono di verde con il primo tour del green village

Al via il primo tour a emissioni zero

Partira' ad inizio 2011 e fara' tappa in alcune delle piu' importanti citta' dell'Italia settentrionale e centrale per promuovere beni e servizi ecosostenibili e per consentire alle aziende che investono in questo settore di incontrare direttamente i consumatori. Si tratta del "Green Village", la prima manifestazione itinerante ad emissioni zero che portera' nelle piazze italiane il meglio dei prodotti e dei servizi pensati in un'ottica di rispetto dell'ambiente. Una vera e propria esigenza per fare fronte ad uno scenario nuovo, ma che secondo il rapporto Eurispes del 2010 "vale" ben 10 miliardi di Euro. E se numerose ricerche evidenziano la propensione dei consumatori ad acquistare beni e servizi con una forte "reputazione verde", e' altrettanto vero che su questo mercato non mancano dubbi e poca conoscenza.
Da cio' e' nata l'idea della IPS Promotions, societa' milanese di marketing e comunicazione, di creare un villaggio itinerante che porti nelle piazze prodotti e cultura "green". Il Green Village (www.greenvillagetour.it) sara' strutturato in aree tematiche, dall'Ecomobilita', all'Energia, passando per Qualita' della vita e Ambiente e costituira' il primo esempio di evento energicamente autosufficiente e ad impatto zero: tutta l'energia necessaria sara' prodotta attraverso sistemi fotovoltaici e per compensare il co2 prodotto negli spostamenti tra le differenti tappe, nelle citta' dove fara' tappa, in accordo con le amministrazioni locali verranno piantati degli alberi.
"Si parla moltissimo di eco sostenibilita', di bio, di ambiente - sottolinea Lorenzo Butturi, direttore generale della IPS - ma troppo spesso per i consumatori tutto questo rimane un'astrazione o, ancora peggio, si pensa che si tratti di tematiche che devono riguardare "gli altri". Da questa considerazione e' nata l'idea di creare un villaggio che rappresenti idealmente la comunita' del futuro, dove l'uomo, il progresso, la tecnologia vivono in armonia con l'ambiente, attraverso un utilizzo equilibrato delle risorse, che sia ad un tempo una vetrina per le aziende e un'occasione di eco-cultura per tutti coloro che lo visiteranno".
In concreto il Green Village sara' una sorta di agora' verde dove le aziende potranno dialogare direttamente con i consumatori, spiegando in concreto e in maniera semplice e diretta quali siano i vantaggi, non solo per l'ambiente, ma anche dal punto di vista economico, di uno stile di vita e di consumi che privilegi la tutela del mondo in cui viviamo. Ma il tour non rappresentera' solo un importante palcoscenico per le aziende del settore, da quello dell'energia, all'edilizia, passando per l'automotive per arrivare agli oggetti di uso comune, che potranno far conoscere i propri prodotti di punta. Il Green Village sara' infatti una vera e propria "palestra di eco sostenibilita'", dove ampio spazio sara' dedicato all'educational: in un divertente tour interattivo, verra' spiegato come vivere in modo ecosostenibile, il tutto attraverso un percorso didattico pensato ad hoc per i bambini delle scuole, ma non solo. Nella sua prima edizione il Green Village tocchera' alcune delle maggiori citta' del centro nord portando nelle piazze le principali e piu' interessanti novita' "green", facendo toccare con mano tutte le innovazioni che oggi consentono di risparmiare e di contribuire attivamente alla salvaguardia e al miglioramento del mondo in cui viviamo. Non una semplice fiera, statica e lontana dal quotidiano della gente comune, insomma, ma un'esperienza concreta, che va ad incontrare la gente davanti alla porta di casa, nella propria specifica realta' quotidiana.
"Abbiamo voluto creare un modello differente, che privilegi un contatto diretto con le persone, nella realta' dei singoli, un modello che sembra piacere alle aziende, tanto che sono gia' numerose quelle che hanno espresso la volonta' di prendervi parte, - dice Massimiliano Morgante, marketing manager IPS -, ora stiamo verificando la disponibilita' delle amministrazioni locali dove vorremmo fare tappa e con cui vorremmo creare importanti sinergie".