Renzi e le riforme millantate

Nello stesso momento in cui si profila un'altra ondata di tasse, il presidente del Consiglio annuncia che, nel 2016, diminuiranno

Nello stesso momento in cui si profila un'altra ondata di tasse - questa volta locali, e il governo centrale entra in conflitto con i sindaci di mezza Italia cui ha delegato l'incombenza dopo aver loro ridotto la capacità di spesa - il presidente del Consiglio annuncia che, nel 2016, le tasse diminuiranno. Si rivela quello che è: un imbroglioncello, tanto cinico da credersi il più furbo di tutti e di poterla mettere nel sacco a chiunque, ma che ha incominciato a perdere consensi. Non si può ingannare tutti e sempre...

Vado scrivendo da tempo che siamo nelle mani – come si direbbe in America - di un venditore di auto usate dal quale sarebbe sconsigliabile, per evitare fregature, comprarne una. Non è il riformista che dice di essere, bensì un trasformista e un propagandista di se stesso che perpetua la politica di sempre della sinistra alleata ad una Pubblica amministrazione parassitaria, inefficiente e avida; una sinistra che non fa le riforme delle quali c'è bisogno, e che lo stesso capo del governo millanta e propaganda come fossero già state fatte; provvedimenti che servono solo ad accrescere il potere personale dell'inquilino di Palazzo Chigi. Ma la parte degli italiani che ancora crede in lui associa la scomparsa dalla scena politica di Rosy Bindi a un cambiamento abilmente reclamizzato. Contemporaneamente, non è evidentemente neppure un caso sia in cantiere una ristrutturazione della Rai che, per il modo col quale la si prospetta e l'importanza che riveste nella formazione dell'opinione pubblica, minaccia di trasformarsi in una sorta di ufficio pubblicità del capo del governo. Del resto, basta già sfogliare qualche giornale e seguire i telegiornali per capire come andrà a finire. Il Paese non sta uscendo dalla recessione e, se ne uscirà, sarà per fattori esterni, di certo non per il governo. Il debito pubblico e la disoccupazione aumentano, ma, a giudicare da giornali e telegiornali, «tutto va per il meglio»; paghiamo tasse sempre più elevate, ma siamo felici perché abbiamo comprato l'auto usata, dando credito al piazzista che ce l'ha venduta, raccontandoci che ne pagheremo di meno. Il presidente del Consiglio gira l'Italia, ostentando la sicumera del ragazzo del bar che ha appena raccontato agli amici di essersi portato a letto la cassiera del negozio di fronte... Se tutto ciò non fosse ridicolo, sarebbe tragico. Da tempo vado scrivendo che Matteo Renzi è un pericolo per la democrazia. Ora, anche Corriere e Repubblica , che pur lo hanno sostenuto e ancora languidamente lo sostengono, pare se ne siano finalmente accorti e lo scrivono, ancorché con prudente cautela. Ma se una stampa libera, che eserciti la sua funzione critica nei confronti del potere politico, è il fondamento della moderna democrazia, la nostra è tutt'altro che in buona salute.

piero.ostellino@ilgiornale.it

Commenti
Ritratto di alejob

alejob

Gio, 09/04/2015 - 16:42

Io proporrei che entro il 2015 questo signore venga RIFORMATO e VADA IN PENSIONE.

Zizzigo

Gio, 09/04/2015 - 16:56

Usciti dalla democrazia, per il noto colpo di stato, stiamo sempre più scivolando in un pericoloso autoritarismo... e ci rubano anche il DIRITTO di lamentarci!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 09/04/2015 - 17:01

Un articolo lucido da condividere in toto. Ma purtroppo il paese è in totale disfacimento morale e il popolo bue non conta e non vuole contare nulla. Siamo nelle mani di Renzi e del PD ex PCI, il peggio del peggio: non ci sono speranze.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 09/04/2015 - 17:01

abbiamo dovuto attendere 20anni berlusconi con il ritornello che bisognava dare fiducia e tempo,risultato un disastro.Di certo non si puo' ripetere lo stesso errore ne con Renzi ne con altri,ma visto che questi governa da un annetto scarso e visto il 40% che gli italiani gli hanno tributato nell'unica occasione elettorale in cui il paede tutto ha votato,ebbene allora credo che almeno un altro anno gli vada concesso sempre che abbia i numeri in parlamento per governare.Ostellino,agli italiani piacciono i piazzisti,piaceva silvio,piacciono i due metteo,e se hanno un tratto in comune e' quello di sapersi vendere e di saper dire cio' che la gente vuol sentirsi dire,che e' cosa diversa dal governare.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 09/04/2015 - 17:07

è da un'anno al potere..ma sembra un secolo..è pesante non lo reggo più..

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 09/04/2015 - 17:24

Un'altro anno col Cazzaro e facciamo la fine della Grecia..Agrippona che minkia dici?

paolo1944

Gio, 09/04/2015 - 18:22

Perfetto come sempre, Ostellino. Condivido in toto, però il pericolo peggiore che si profila è la riforma elettorale truffa che vuole il Ciarlatano, già propiziata purtroppo anche da F.I. Una prova in più della cialtronaggine di Renzi, che fino a gennaio spergiurava che le riforme istituzionali si dovevano fare insieme , ed ora sembra addirittura voler porre la fiducia alla camera per blindare il testo disastroso uscito dal senato. Col premio al partito il PD(S) governerà per i prossimi 30 anni, portando l'Italia a picco e fuori dall'occidente.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 09/04/2015 - 19:11

Renzi non patirà il martirio per non aver fatto le mitiche riforme che nessuno ha mai saputo cosa siano perché ognuno ne ha delle sue. Molto speciali e personali. Basta leggere questo divertente sfogatoio. No, patirà molto più che il martirio, il rogo credo, perché i suoi compagni di partito che lui ha ormai buggerato, molto prima di tutti noi, si stanno accorgendo che il ragazzo fiorentino, pur senza volerlo, li spaccia per socialdemocratici. Da autentici trinariciuti che ancora sono. Se qualcosa andrà storto, eccome se andrà, ho scritto da mesi che lo attende la Loggia dei lanzi, a Firenze , dove fu messo al rogo un chiacchierone come lui: Domenico Savonarola, prete, fanatico gran bugiardo e millantatore. Occhio Renzi.

luigi1947

Gio, 09/04/2015 - 19:17

Ottima analisi del Dott. Ostellino, fermiamo renzi fin che siamo ancora in tempo. Anche con un colpo di Stato delle Forze Armate, dopo un bel ripulisti di questi buffoni e ladri, tra 5 anni si torni al voto.

ClaudioSaggini

Gio, 09/04/2015 - 19:23

C'è da condividere quello che scrive Ostellino, però sono convinto che il nostro ragazzo fiorentino ha ben compreso che l'Italia non è più una Nazione, ma una "Provincia dell'Europa" e che in politica estera come "Vassallo dell'impero" deve andare sempre in soccorso dell'imperatore pro-tempore. Inoltre da buon democristiano ha ben compreso il disfacimento e il fallimento di tutta la sinistra Social-Comunista e quindi ritiene, forse a ragione, di essere l'unico in grado di fare quelle riforme richieste dai "piani alti" che non erano permesse a Berlusconi come a qualsiasi governo di Centro-destra. Certo da molto fastidio vedere quell'atteggiamento Mussoliniano, "ridurre l'aule parlamentari sorde e grigie", ma come disse il vecchio Giolitti, presente al discorso di Mussolini, forse è l'uomo che ci meritiamo di avere come capo del governo. ClaudioSaggini

MarcoE

Ven, 10/04/2015 - 09:57

Analisi lucidissima! Più che imbroglioncello lo definirei un buffone! E' sufficiente visionare un vecchio filmato in cui imita in una festicciola parrocchiale il Berlusca.

beowulfagate

Ven, 10/04/2015 - 10:31

Agrippina.Per favore può spiegarmi-coi dati alla mano e non con le chiacchiere-dove ha visto Berlusconi governare 20 anni ? I numeri in mio possesso dicono che è arrivato si e no a 9,con i peggiori assilli e bastoni tra le ruote immaginabili e inimmaginabili.C'è una bella differenza.Definire piazzista chi ha messo su un impero mi sembra superficiale,ma attendo con ansia di abbeverarmi al suo pozzo di scienza,in umile attesa delle spiegazioni che lei non mancherà di darmi.

Vero_liberista

Ven, 10/04/2015 - 12:36

OK, Ostellino, Renzi viene considerato ormai da quasi tutti un parolaio inconcludente e arrogante. Poi però guardi i sondaggi e vedi che il 70% dell’elettorato lo sostiene (PD+ democristianeria varia, inclusa FI + sinistra mascherata di molti grillini). Allora ecco il vero problema: tutto il Centro Italia è prorenziano perché se li se non sei di sinistra non campi. Il Sud Italia va verso Renzi per mezzo della democristianeria poltronista, scuola De Mita (nomi a caso: Alfano, Mattarella, Mastella, Schifani ecc..) Il Nord si sta renzizzando per gli interessi della grande impresa (e dei sindacati) che vive di lobbismo statale (v. Confindustria di Montezemolo, Marcegaglia, Squinzi; committenti delle grandi opere ecc.). E il resto dell’Italia lavora, paga, sostiene suo malgrado quell’altra Italia e alla fine va in malora. Spetta quindi solo agli Italiani avere finalmente il coraggio di ribaltare la situazione mandando il renzismo dal 70% al 20-30%...Altrimenti tacciano.

albertzanna

Ven, 10/04/2015 - 14:30

Caro Ostellino, concordo con quanto lei ha scritto cui aggiungo un particolare, che quì negli Stati Uniti ha ormai assunto la valenza delle cose chiare e lampanti: Obama è da quando entrò nell'Oval Office che declama e proclama se stesso come il risanatore dell'economia americana, ma non è vero, perché Obama ne sa poco un pò di tutto, ma di economia e lavoro non conosce indirizzo o località in cui risiedono. Ho sempre sostenuto, fin dalla sua vittoria nel 2008, che il suo intento è e resta di affossare gli Stati Uniti, che lui personalmente ha sempre odiati, e che l'economia americana sarebbe ripartita per merito della capacità degli americani di sapere lavorare e innovare. Lo stesso accadrà anche in Italia, nonostante Renzi stia tentando di svendere il paese, saranno gli italiani che lavorano che la porteranno fuori dalla palude, e che la faranno uscire dell'Euro, perché per sperare d’avere ancora un futuro come paese, è una condizione imprescindibile.

tzilighelta

Sab, 11/04/2015 - 09:53

Non ho capito cosa spinge Ostellino a scrivere queste cose, Renzi chiacchiera certo, ma al governo nel recente passato (venti anni) abbiamo visto di peggio, Renzi è sostenuto da l'elettorato di destra e sinistra per ora non si vedono leader capaci di usurparlo, quindi mettetevi l'anima in pace e soprattutto cercate di non essere ridicoli nel rimpiangere il vostro eroe smarrito, S.B. non tornerà a governare questo paese (per fortuna) ma anzi supporterà ancora Renzi finché gli farà comodo! Ostellino ha trasformato questa stanza in uno sfogatoio di berluscones delusi e frustrati, si leggono commenti che sembrano scritti da ricoverati per trauma psichico, prendiamo per esempio il caso del paziente albertzanna che dice di scrivere dagli usa e blatera sciocchezze sul conto di Obama, lui non lo sa ma sta rischiando di finire in vacanza a Cuba con la tuta arancione addosso!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 11/04/2015 - 11:49

Tzilighelta, voglio farti solo una domanda.Tu sei favorevole a 'Mare nostrum'o comunque quest'operazione si chiami? Vorrei estendere la domanda anche ad @Agrippina.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Dom, 12/04/2015 - 12:50

Là stampa o la democratic?

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Dom, 12/04/2015 - 12:56

Tzilighelta Ben ritrovato sono completamente d'accordo con la tua analisi! Tra I pazienti trova anche voci che pensato sempre alle stesse problematiche dimenticando che siamo tutti esseri umani. ...da sempre!

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Dom, 12/04/2015 - 12:59

Agrippina quorum tu sono felice dì rileggerla, certo Ostellino berlusconizzato mi convince proprio poco! Un saluta.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Dom, 12/04/2015 - 13:01

Agriippina. quoque tu. Non nel senso di Brutus

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Dom, 12/04/2015 - 13:05

albertzanna ma dI've vivi? In Alaska? Un saluta da Boston!

tzilighelta

Dom, 12/04/2015 - 18:09

Ciao Patchonki e ciao Euterpe, di mare nostrum penso la stessa cosa di triton, non vedo molte differenze, e uguale a quando c'era Gheddafi, solo che gli sbarchi sono aumentati causa guerre di varia natura, esportazione di democrazia da parte nostra e fanatismo dittatoriale misto a uso improprio di religione anacronistica da parte di sciammanati islamici alla ricerca di una ragione di vita, segaioli repressi dominano la scena! Noi subiamo gli effetti negativi. La rotta per Lampedusa deve essere chiusa, ma il problema va risolto alla radice, la saracinesca di chiusura mandata è fuori sede, e noi non abbiamo manutentori capaci di risolvere il problema, salumieri come Salvini non sono in grado neanche di riparare un rubinetto, urge politica efficace condotta da uomini capaci, bando ai chiacchieroni e santoni con la croce in mano, di scimuniti ne abbiamo anche troppi ai posti di comando! Saluti

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 13/04/2015 - 18:58

@tzilighelta- Perché vorresti la soluzione da Salvini, che secondo te è un incapace? Perché non ti rivolgi a renzi ed alfano? O pensi che sia giusto che l'Italia , essa sola, debba farsi carico dei problemi dell'Africa? Non credi che intorno al commercio di carne umana ci siano interessi economici da parte di chi 'dirige il traffico'? E chi dirige il traffico?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 13/04/2015 - 21:59

@Patchonki- Non faccia l'amerikano alla Alberto Sordi. Che siamo essere umani da sempre sembra una frase degna di Lapalisse.