Bilderberg, lobby di "Fatto"

Tra i tanti bersagli del «Fatto quotidiano» ci sono da sempre i «lobbisti», intesi ovviamente come loschi faccendieri che tramano nell'ombra. Il Fatto vede lobby un po' ovunque: affari, politica, giornali, televisioni. Basta che due persone si incontrino per caso ed è subito lobby. Un'ossessione. Nel mondo dei complottisti però la lobby per eccellenza è una sola: il Club Bilderberg, il salotto che governerebbe le sorti del mondo, l'accolita di burattinai che guiderebbe dall'ombra economia e politica. Indovinate un po' chi hanno invitato quest'anno al super esclusivo Bilderberg? Stefano Feltri. Vicedirettore del Fatto. Sembra una lobby di Fatto.

Commenti

Blueray

Gio, 30/05/2019 - 08:42

Scrive Stefano Feltri, nel suo “Populismo Sovrano”:“I populismi alimentano un’illusione, che può essere pericolosa: il recupero della sovranità. Ma si tratta di una promessa che non si può mantenere, perché le leve del potere sono, ormai, inesorabilmente altrove”. Per forza che lo hanno invitato, anche se si guarda bene dal dire dove siano tali leve!

Ritratto di Walhall

Walhall

Gio, 30/05/2019 - 10:07

Redazione, non scrivete con la penna che trema dato che questo articolo non riporta la firma di un giornalista. Ci siete mai stati a una di queste riunioni? Al Bilderberg ci vanno i gradi inferiori, ossia gente che conta nel sociale ma che può essere controllata e censurata da organismi sovranazionali, persone che vengono convinte di impegnarsi verso un idele di pensiero apparentemente equo, democratico e solidale. Viene inoltre messo in preventivo la possibilità che qualche notizia possa essere divulgata, non sono sprovveduti. Il Bilderberg in sé è il male inferiore, una "kermesse" avulsa dal mistero e dalla curiosità per i profani; ciò che sta sopra al Bilderberg è il male mondiale, non per la segretezza dei contenuti, quella c'è pure in Vaticano, nei Governi, nei clubs o nelle logge, ma perché è tra una dozzina di individui che vi è volontà e ricchezza atte sancire la vita o la morte di un sistema, di una cultura, di una civiltà, di un pensiero, della libertà.

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Gio, 30/05/2019 - 10:36

Evidentemente, come per Lilli Gruber, quelli del Bilderberg hanno individuato un altro giornalista da utilizzare per i loro scopi in Italia! Il fatto che poi egli sostenga che il recupero della sovranità nazionale costituisca un pericolo (per chi?) definisce nettamente chi sia Stefano Feltri in realtà: un altro anti italiano.

nerinaneri

Gio, 30/05/2019 - 10:49

...si ma, il rito dell'ampolla, lo fanno?...

Una-mattina-mi-...

Gio, 30/05/2019 - 11:10

FORSE CHI SCRIVE NON SA CHE ESSERE "INVITATO" NON SIGNIFICA NULLA: GLI INCONTRI VERI SONO RISERVATI, VERI SALOTTINI MUTEVOLI E FRENETICI, IN CUI SOLO ALCUNI DEI PARTECIPANTI ALLE CHIACCHIERE UFFICIALI PARTECIPANO. QUELLI SI' SAREBBERO DISCORSI INTERESSANTI DA MANDARE IN MONDOVISIONE

dredd

Gio, 30/05/2019 - 11:25

Fatemi capire. Al "salotto che governerebbe le sorti del mondo, l'accolita di burattinai che guiderebbe dall'ombra economia e politica" parteciperebbe lilly gruber? Siete sicuri?

Giorgio Colomba

Gio, 30/05/2019 - 11:33

E' per caso lo stesso "Fatto Quotidiano" che nel 2015 definiva il Gruppo Bilderberg "grumi di potere che sono riusciti a mondializzare la propria influenza attraverso una sistematica distruzione degli apparati statali(...)tipico delle più nefaste dittature(...)darwinismo sociale, quel calvinismo che non è altro che il prevalere della legge del più forte sul più debole"?

idleproc

Gio, 30/05/2019 - 12:41

Walhall. Condivido le tue osservazioni ma tranquillizzati. In un sistema dinamico e contraddittorio, l'egonarcisismo anche intellettuale e le idee fisse legate alle proprie tasche e posizioni di un qualunque "think tank" anche con molti mezzi e poteri reali connessi, l'intervento soggettivo viene sempre sopravvalutato dagli interessati anche di vertice, può essere ininfluente o generare ulteriori problemi allargando oltre il punto di non ritorno le crepe strutturali. Meglio stare lontani dagli edifici in fase di crollo, e godersi lo spettacolo anche di quelli che gli sgambettano intorno o vanno su e giù per le scale.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Gio, 30/05/2019 - 12:54

Il Gruppo Bilderberg è solamente la punta dell'iceberg: le riunioni più importanti e segrete (e con pochissimi membri e sempre gli stessi) del Governo Ombra Mondiale si svolgono ogni anno a Ginevra (Svizzera) e all'interno della Città del Vaticano. Il Bilderberg è solamente un'interfaccia fra i membri del Governo Ombra Mondiale e il mondo della politica, del giornalismo, dell'industria e della finanza.

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Gio, 30/05/2019 - 13:23

E.Sassoon, apparentato con i Rothschild (i più ricchi e potenti del cosmo-Berlusconi-un clochard), governa la camera di commercio degli Stati Uniti d'America in Italia. AmCham: Standard & Poor’s, IBM,Microsoft,Jp Morgan,ENI, Enel, Intesa San Paolo,Sisal, Unicredit,Rcs Editori,Coca Cola,Esso,Bank of America,Philip Morris,Fiat,Fincantieri,Finmeccanica,Pfizer, Italcementi,Pfizer,Sky,Fiat… Enrico Sassoon, rilevante comproprietario della Casaleggio srl, si colloca a lato di certi soggetti dell’Aspen Institute Italia,da, Giulio Tremonti,Mario Monti,Romano Prodi,John Elkann,... del gruppo Bilderberg. ???? Casaleggio srl, Grillo e M5S, si avvale di un socio cosi potente dentro una fondazione gremita di soggetti che dovrebbero effettivamente risultare oppositori.Mah!! (M5S, Cavallo di Txxxa per trascinare il Paese al disastro).

Ritratto di Walhall

Walhall

Gio, 30/05/2019 - 13:44

@idleproc: bravissimo, ha riassunto perfettamente il pensiero con la metafora della crepa. Quella crepa c'è da sempre, è la gente che non lo sa e pensa ai sublimi maestri perfetti, come individui statici e onnipotenti. Quando si entra in un insieme, nell'insieme si creano molti sottoinsiemi, dove, per maggioranza, solo a un colore viene dato il diritto di azione, colore che col tempo sbiadisce, fintanto che gli altri, miscelandosi nuovamente, non si affermino con uno nuovo cangiante. Panta rei, "non c'è nulla di immutabile, tranne l'esigenza di cambiare", come insegna Eraclito.

massimo.augusto

Gio, 30/05/2019 - 14:08

Non sono affatto d'accordo con il tono di questo articolo. Che il Club Bilderberg sia stato spesso citato per implicazioni, vere o presunte, in losche faccende non è una novità. Basta ricordare in proposito le dichiarazioni rilasciate pubblicamente dal giudice Ferdinando Imposimato che non poteva certo essere definito un fanatico complottista. È evidente però che egli disponeva di un tale numero di indizi che gli erano sufficienti a fargli esprimere l'opinione che dietro a tanti fatti della nostra storia recente si celasse l'oscura presenza di una regia occulta e potente; talmente potente da avere diramazioni ovunque e persino all'interno dei servizi segreti di varie nazioni e non solo di quelli italiani. Perciò riderci sopra e minimizzare mi sembra estremamente stupido.