Brexit, chiusi 6 ristoranti italiani Lo chef Oliver: "Costi alle stelle"

Il crollo della sterlina post-Brexit affonda il super-chef britannico. Jamie Oliver, uno dei cuochi-imprenditori più noti nel Regno Unito, ha deciso di chiudere sei dei suoi 42

ristoranti «Jamies Italian», messi in crisi dai maggiori costi e dalle incertezze sorte dopo il referendum che ha decretato l'uscita dalla Ue. In particolare, i prezzi degli ingredienti acquistati in Italia sono saliti a causa della perdita di valore della sterlina rispetto all'euro, ma hanno pesato anche gli alti costi di formazione dello staff e un calo della frequentazione. Chiuderanno presto i battenti i ristoranti di Aberdeen, Exeter, Cheltenham, Tunbridge Wells e, a Londra, Richmond e Ludgate Hill. L'iniziativa colpirà 120 dipendenti della società che cercherà di trasferirli in altre parti della catena di ristoranti. «Come ogni ristoratore sa, il mercato è difficile e le pressioni e le incertezze post-Brexit lo hanno reso ancora più difficile», ha spiegato Simon Blagden, ceo della Jamie Oliver Restaurant Group.

Commenti

Klotz1960

Sab, 07/01/2017 - 10:27

La Brexit non c entra niente, casomai la svalutazione del pound.

cgf

Sab, 07/01/2017 - 10:28

Stanno chiudendo anche tanti, molti di più, ristoranti e pub inglesi, in compenso di ristoranti etnici...

mzee3

Sab, 07/01/2017 - 11:47

Ditelo a Salvini che auspica l'uscita dell'Italia dalla moneta europea.

Zizzigo

Sab, 07/01/2017 - 12:55

O è una bufala o questo qui è uno che ci capisce poco e si spaventa vedendo la sua ombra.

Ritratto di Svevus

Svevus

Sab, 07/01/2017 - 13:00

E' fallimentare il suo business non la Brexit !

Libertà75

Sab, 07/01/2017 - 13:09

anche in Italia chiudono i ristoranti, sarà ancora colpa della brexit? o che so, di Berlusconi? ma perfavore!!! se il tuo business non funziona, la colpa non è mica della moneta... andate in un ristorante svizzero e fatevi un'idea

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 07/01/2017 - 13:26

Il "Regno Unito",è ormai irriconoscibile!!!Si salvano ancora le cittadine,i paesi di campagna,ed anche questi, entro 50 anni,saranno completamente trasformati...Che fine!!In un contesto simile,"ristoranti italiani",suonano quasi ridicoli!!!

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 07/01/2017 - 14:11

Gli inglesi possono stare sereni infatti chiudono pub e ristoranti ma aprono tantissimi kebab e caffè turchi e pakistani..ed a cominciare da londonistan sarà una nuova mecca!! pan senza salam!

giovanni951

Sab, 07/01/2017 - 15:21

quando qualcuno ci perde un altro ci guadagna. Tutto qui.

Ritratto di vaipino

vaipino

Sab, 07/01/2017 - 15:38

da londra sono rientrato ieri non c'è nessuna emergenza riguardo costi e svalutazione , i media e i pennivendoli tentanto di far passare la brexit come una tragedia ma vi garseantisco che gli inglesi non ritorneranno sulla loro sacrosanta decisione. Riguardo Oliver i problemi sono altri...

ioiome

Sab, 07/01/2017 - 15:53

La brexi non c entra niente....

DuralexItalia

Sab, 07/01/2017 - 15:59

Secondo invio: che cosa c'entra Brexit? La GB sarà l'economia guida tra tutte quelle presenti in Europa. La grande bugia del disastro Brexit è stata fatta circolare dai soliti noti. Ora siamo al punto che se chiude un ristorante la colpa è del referendum sulla Brexit... ridicolo.

pilandi

Sab, 07/01/2017 - 16:30

Libertà75 Si Berlusconi ne ha colpa in parte quando aprì le porte senza riserve alla cina...

jenab

Sab, 07/01/2017 - 17:48

ecco meglio se si mangiano la zuppa del giorno

cgf

Dom, 08/01/2017 - 10:59

@pilandi guardi che di viaggi in cina Prodi e Padoa-Schioppa ne hanno fatti tanti, ANCHE DOPO, quando non avevano più nessun incarico Governativo.