Catalogna, la sfida in piazza e l'Ue si schiera con Madrid

Dopo i 13 arresti ancora sit-in contro gli 800 agenti della Guardia civil

La mattina dopo la lunga giornata di perquisizioni, arresti e proteste, la disobbediente Catalogna si è svegliata ancora più agguerrita. Durante la notte le proteste a macchia di leopardo hanno animato tutta la Comunità autonoma che vuole essere una Repubblica. A Barcellona gli indipendentisti in 60mila hanno invaso le strade per tutta la notte.

Un migliaio ha bloccato fino alle prima ore dell'alba l'ingresso del ministero dell'Economia, assediando gli agenti della Guardia Civil presenti nel palazzo. I manifestanti hanno squarciato le ruote e sfasciato i parabrezza dei furgoni della polizia mandata per le ispezioni da Madrid, al grido di «Oggi tornate a piedi». Soltanto con l'intervento dei Mossos d'Esquadra, la polizia catalana che simpatizza per la secessione, verso le 7 del mattino, si è aperto un varco tra i disobbedienti per liberare gli agenti.

Il governo spagnolo, dopo l'invio lunedì di 800 agenti in Catalogna in vista del referendum, ieri ha noleggiato alcune navi da crociera al largo della costa catalana per dare un alloggio ai rinforzi. Ne è seguito un grottesco tira e molla tra le capitanerie dei porti di Barcellona e Tarragona e le navi cui, per diverse ore, è stato negato l'attracco. A Palamos, (Nord della Catalogna), un'imbarcazione di agenti è stata dirottata sulla capitale catalana, dopo il dietrofront della capitaneria. I sindacati del personale portuario della Catalogna hanno annunciato il rifiuto a rifornire le navi degli «sbirri».

In mattinata, il presidente Puigdemont ha riunito il suo «gabinetto di crisi», ormai di guerra per gli animi della sua maggioranza ancora arroventati. La Generalitat non ha gradito l'invio della Guardia Civil a ficcanasare nei principali dicasteri. E non ha apprezzato l'arresto dei 13 alti funzionari della squadra organizzatrice del referendum. Sono state denunciate irregolarità e la mancanza di mandati. L'Assemblea Nazionale Catalana, la principale organizzazione della società civile indipendentista, ha convocato in tarda mattinata una concentrazione permanente davanti al palazzo di Giustizia di Barcellona, dove sono tuttora detenuti dieci dei tredici funzionari amministrativi arrestati mercoledì, dopo che tre di loro sono stati rilasciati giovedì.

Continuano, intanto, le indagini degli ispettori della Guardia Civil. Josep Maria Jové, segretario generale dell'Economia, braccio destro del vice presidente della Catalogna, Oriol Junqueras, rischierebbe, secondo alcune fonti, la condanna per «sedizione», il reato d'istigazione alla disobbedienza contro il «no» al referendum sancito dalla Corte Costituzionale che ha escluso la presenza del diritto all'autodeterminazione nella Carta. Jové rischierebbe dai 10 ai 15 anni di carcere. Lo stesso Junqueras è stato iscritto nel registro delle indagini, oltre che per «disobbedienza» e «prevaricazione», anche per l'utilizzo improprio di 6,2 milioni di euro di fondi pubblici dirottati sulla consultazione. Il referendum sarà «la più grande mozione di censura a Rajoy», ha detto.

E dritto per la sua strada, con un tweet a sorpresa, Puigdemont ha indicato il sito web con la lista di tutti i seggi elettorali della Catalogna dove sarà possibile votare il 1° ottobre.

Dalle pagine del Financial Times Luis de Guindos, ministro dell'Economia, ha offerto, nel caso la Catalogna rinunciasse al referendum, «più denaro, maggiore autonomia fiscale e lo studio di un miglior sistema di finanziamento». Rajoy, è stato categorico: «Non andate avanti. Tornate alla legalità e alla democrazia». Infine, la Commissione europea ha ribadito che Bruxelles «rispetta l'ordine costituzionale della Spagna come con tutti gli stati membri».

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 22/09/2017 - 09:04

Bizzarra posizione della UE . In Catalogna l'autodeterminazione dei popoli non conta, in Ucraina invece si.

antipifferaio

Ven, 22/09/2017 - 09:34

"l'Ue si schiera con Madrid"...Ma va'...Non l'avrei mai detto... Ormai l'unione, che non c'è mai stata e forse mai ci sarà, è fallita. Si tengono (loro, la banda dell'euro) uniti con la forza. E più loro si stringono, più la gente si allontana e la società "multiculturale" imposta dall'alto si disgrega. Sereni tanto prima o poi implode. Aspettiamo solo di rivivere una dittatura neo-nazista in versione rossa... e poi chissà, magari un'altra Norimberga?... Chi vivrà (se ne ha la fortuna) vedrà.

mauepicuro

Ven, 22/09/2017 - 10:16

Altra cannonata contro la ue .......... Questa è la libertà che ci danno: essere conformi ai loro desideri. Le grandi aziende DEBBONO essere salvate, chi esegue gli ordini è "buono" gli "altri" sono brutti e cattivi. Diciamo BASTA alla dittatura europea !

rebella123

Ven, 22/09/2017 - 10:37

Quando la Jugoslavia e'stata fatta uno spezzatino,la comunita' europea cosa ha fatto? Ogni popolo ha il diritto all'autodeterminazione BASTA con la dittatura dell'Europa BASTA CON QUESTO COSTOSO BARRACCONE

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 22/09/2017 - 11:50

@rebella123, a parte che la Jugoslavia non ha mai fatto parte dell'UE, vedo che lei fa lo stesso errore di Maximilien1791, confonde il principio di autodeterminazione dei popoli, che è riconosciuto dal diritto internazionale solo in casi determinati (sostanzialmente, dominazione straniera e apartheid), col diritto alla secessione, che non esiste, perché altrimenti tutti gli Stati si disgregherebbero. Senza polemica.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 22/09/2017 - 12:05

@Maximilien1791, a me pare bizzarro invece il suo confronto fra Catalogna e Ucraina. L'Ucraina si è affrancata dal giogo sovietico nel 1990, divenendo uno Stato sovrano con un Atto d'indipendenza del proprio Parlamento nel 1991, ed entrando a far parte dell'ONU. Nel 2014 è stato anche firmato un Accordo di associazione tra l'Ucraina e l'UE. La Catalogna è invece una regione a statuto autonomo della Spagna, che avanza rivendicazioni indipendentistiche, ma che si dovrebbe invece attenere al principio di unità ed indivisibilità della Spagna, sancito dalla Costituzione spagnola del 1978 (votata anche dai catalani). Il principio di autodeterminazione dei popoli, significa che gli Stati riconoscono che un popolo sottoposto a dominazione straniera (o ad apartheid) possa determinare la propria indipendenza, non è certo un diritto alla secessione.

routier

Ven, 22/09/2017 - 18:52

L'UE si schiera con Madrid. Ci credo! La Catalogna rischia di essere il sassolino che cadendo dalla montagna si trasforma lungo la discesa in una frana inarrestabile che travolge il carrozzone europeo. E, insieme agli euro/scettici, spero sia così!