Cellulari riciclati L'attore Gimignani finisce in carcere

Gimignani è nei guai per una serie di accuse: associazione a delinquere finalizzata a furto, ricettazione e riciclaggio

L'attore Alberto Gimignani, noto anche per essere stato negli anni scorsi tra i protagonisti di varie fiction come le celebri «Commissario Rex» e «La Piovra» - per la prima volta è apparso sullo schermo nel lungometraggio «La famiglia» di Ettore Scola - ieri è stato arrestato nella capitale dai carabinieri.

Gimignani è nei guai per una serie di accuse: associazione a delinquere finalizzata a furto, ricettazione e riciclaggio. L'arresto rientra nell'ambito di un'operazione dei militari della compagnia Centro del capitale sul riciclaggio di numerosi telefoni cellulari anche all'estero. Secondo quanto si è appreso l'attore, al rientro dagli Stati Uniti dove è stato per impegni di lavoro, l'attore italiano sì è presentato ieri spontaneamente, presso la caserma dei carabinieri. Adesso si trova nel carcere di Regina Coeli. Nell'indagine in questione risultano coinvolte diciotto persone tra i quali molti nordafricani e romeni.