Il centrodestra ha espugnato Piombino

A Piombino Francesco Ferrari che al primo turno aveva sfiorato la vittoria col 48% , ha vinto col 64,3% contro il 35,6% preso dalla piddina Anna Tempestini che due settimane fa si era fermata al 29%

Piombino è la prima città "rossa" espugnata dal centrodestra. Il candidato Francesco Ferrari che al primo turno aveva sfiorato la vittoria col 48% dei consensi, ora è avanti col 64,3% contro il 35,6% della piddina Anna Tempestini che due settimane fa si era fermata al 29%.

Quando sono state scrutinate 37 sezioni su 39 pare ormai chiaro che Ferrari, sostenuto da Forza Italia-Udc, Fratelli d’Italia, Lega e tre liste civiche, è il nuovo sindaco di Piombino, nota città operaia della provincia di Livorno. A Piombino, comune "rossissimo" dal 1946, pare quindi che i voti ottenuti dal grillino Daniele Pasquinelli (11%) al primo turno siano andati a favore del centrodestra. Il capoluogo Livorno, invece, è ritornato in mano al centrosinistra dopo i cinque di governo del pentastellato Filippo Nogarin che ha preferito tentare l'avventura a Bruxelles. La Toscana, dopo questa sconfitta, però, si conferma una Regione sempre meno "rossa".

Commenti

0071

Lun, 10/06/2019 - 02:53

Rossa non lo era più da quasi trenta anni, votavano i pdioti solo per comodo. Finalmente dopo 70 anni avrà votato qualcuno contro il virus e contro le mummie.