Contrordine: il 5G va bene

«Apprendo con stupore dell'iniziativa di alcuni parlamentari che avrebbero lanciato un appello ai sindaci per sospendere le sperimentazioni della rete 5G, per limitare i danni legati al possibile inquinamento elettromagnetico». È l'altolà che la deputata grillina Mirella Liuzzi ha da poco consegnato alla sacra Rete. Uno stop «produttivista» che può sorprendere chi ricorda le campagne anti scientiste grilline su cellulari, xylella, scie chimiche, vaccini. Altri tempi. Ora il M5s è pronto a mandare in pensione con Quota 100 il «principio di precauzione» se serve a tenere in piedi il governo perennemente sull'orlo di una crisi di nervi. Guarda caso, i parlamentari in questione sono gli stessi a rischio espulsione.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 01/07/2019 - 09:01

La "confusione" è totale. Questione di cervelli scadenti.