Convergenze ebrei-sunniti Dall'ira può iniziare il dialogo

Il piano del tycoon è ambizioso e rivoluzionario

La frenetica opposizione alla possibilità che Trump decida di riconoscere Gerusalemme come capitale o persino di trasferirvi l'ambasciata non è di principio come vuole apparire, e neanche religiosa come Erdogan contrabbanda nei suoi discorsi più da capo della Fratelli musulmani che da presidente turco, tanto meno risponde alla preoccupazione che scoppi un inferno. È un omaggio alla più vieta delegittimazione d'Israele, col solito coro inclusa l'Europa, come se non fosse ovvio che è la capitale. L'ultima minaccia di un inferno è di ieri sera, quando Abu Mazen ha parlato al telefono con Trump, ma oltre a signora mia cosa ci combina, si devono essere detti molte cose e forse non tutte negative. Trump ha intenzione di rilanciare il processo di pace, i palestinesi che nonostante i discorsi roboanti sono deboli e chiusi in un angolo, forse desiderano anch'essi che qualcosa si muova. Ma la decisione di difendere la Moschea di Al Aqsa anche quando gli ebrei non hanno nessuna intenzione di toccarla, è un mantra obbligatorio di tutti gli islamici, dai palestinesi, alla Lega Araba, ai giordani, è un comizio inevitabile da parte di Erdogan, che non suscita nessuno stupore quando esprime il suo consueto odio per Israele... Dispiace la consueta solerzia dagli europei impegnati da sempre a ridurre Israele ai minimi termini, dalla Mogherini a Macron. Le questioni sono due: in primis, si tratta di nuovo di una bella occasione di delegittimazione dello Stato degli ebrei, del loro rapporto con Gerusalemme, della evidente ammissione del fatto che da 3mila anni è innanzitutto la città degli ebrei, dal '50 la loro capitale divisa dai giordani, dal '67 la capitale unita in cui tutte le religioni, le culture, le etnie.

Ma la seconda questione è ancora più importante: da 20 anni il processo di pace ha perseguito strade inutili e fallimentari. Trump e il suo inviato e genero Jared Kushner stanno cercando di portare il Medioriente a cambiare strada perseguendo la pace in Israele mentre recuperano l'alleanza col mondo sunnita, perduta da Obama. È un disegno molto ambizioso: sarebbe per Trump un successo senza precedenti nella storia. Mai in realtà si è presentato un momento migliore: gran parte dei Paesi arabi, in testa l'Arabia Saudita, ha interessi comuni con Israele contro il pericolo iraniano. Avvalendosi di questo nuovo spazio e sapendo che in realtà è improbabile una rivoluzione del mondo arabo contro la decisione di riconoscere (Putin l'ha già fatto) Gerusalemme capitale perché gli interessi in comune sono maggiori dei contrasti, Trump avvia il suo progetto rivoluzionario. Gerusalemme è un banco di prova. L'alternativa fra spostare l'ambasciata e riconoscere la capitale ha tutta l'aria di una leva che probabilmente sarà stata usata nella telefonata. Se Abu Mazen sarà troppo duro, Trump potrebbe decidere per l'ambasciata altrimenti può ripiegare. Ma se i due decideranno di sedersi insieme, si parlerà di un piano diverso, che cancelli l'idea inaccettabile per Israele del confine del '67, assicurazione di guerra permanente, e preveda uno Stato palestinese con inserti territoriali israeliani e un allargamento nel Nord del Sinai. Se avverrà sarà un'operazione di verità cambiando strada da un vicolo cieco.

Commenti

Demy

Mer, 06/12/2017 - 10:06

E' assodato che israele vuole la guerra ad ogni costo visto che non sanno e non vogliono vivere in pace.

ArturoRollo

Mer, 06/12/2017 - 10:13

Un mio amico, Italiano (di confessione Ebraica) una volta mi disse: "..E' a Tel Aviv che decidono chi deve fare il Presidente negli USA !". Adesso lo decideranno a Gerusalemme,quindi ! A meno che MULLER - con un impeachment di Trump che sembraconcretizzarsi realmente - non rimetta in gioco l'attuale scenario. l' America di Trump rischia grosso : essa si sta giocando il ruolo di "Arbitro e Sentinella (quasi) imparziale" nel Mondo. Israele e la lobby israelita al Congresso USA rischiano di vincere BIG ma di perdere anche BIG: la mossa di Gerusalemme capitale di una sola delle Tre maggiori Religioni Monoteiste, potrebbe mettere insieme Shiiti e Sunni e anche Roma Vaticana ne rimarrebbe stizzita. Si ha l' impressione che Trump sia inadeguato e NON qualificato per il ruolo che si e' guadagnato - o rigged - nelle urne USA. Post Scriptum: "... e preveda uno Stato palestinese con inserti territoriali israeliani ..": Sra Nirenstain... You wish ! Sono un F.o.I. (Friend of Israel).

salsawasabi

Mer, 06/12/2017 - 10:15

Questa di Trump è una provocazione bella e buona, utile a dirottare l'attenzione nazionale e internazionale dal Russia Gate. Gli americani sono fatti così: se fai un casino, poi te lo devi sistemare (addirittura, se non lo sistemi tu, lo deve sistemare tuo figlio Bush Jr. - vedi guerra del golfo). Trump punta proprio a questo: una situazione di cui nessun altro si voglia far carico, che gli permetta di rimanere presidente. Pensare che dal riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele possa uscire qualcosa di positivo è completamente privo di senso, è come se Trump avesse riconosciuto Lhasa come capitale del Tibet e ci avesse messo un'ambasciata.

Edith Frolla

Mer, 06/12/2017 - 10:21

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU nella risoluzione 478 del 1980,ha definito la vostra "legge fondamentale" «nulla e priva di validità», «una violazione del diritto internazionale» e un «serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio Oriente». Dovete sloggiare-

cir

Mer, 06/12/2017 - 10:35

israele non esiste . solo la PALESTINA ha diritto di vivere!!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 06/12/2017 - 10:54

Li la pace non ci sarà mai finché uno dei due non soccombe. Gli arabi non accettano la convivenza pacifica con nessuno, nemmeno coi cristiani, figuriamoci con gli ebrei. Mettetevi il cuore in pace.

ex d.c.

Mer, 06/12/2017 - 11:12

La grandezza di Trump si delinea sempre più chiaramente. L'America ha veramente un ottimo Presidente

Egli

Mer, 06/12/2017 - 11:17

È assodato che c'è ancora qualcuno che si fa prendere per il cxxo dai palestinesi.

Edith Frolla

Mer, 06/12/2017 - 11:20

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU nella risoluzione 478 del 1980, ha definito la vostra "legge fondamentale" «nulla e priva di validità», «una violazione del diritto internazionale» e un «serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio Oriente». E' necessario partire da questa verità.

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 11:22

oggi abbiamo i microcefali in attività, da chi dice che Israele vuole la guerra, dopo averne subite quattro scatenate dai Paesi arabi, a chi dice che Israele non esiste.

giovanni951

Mer, 06/12/2017 - 11:31

basta che il resto del mondo le mantenga dove sono adesso e vediamo che faranno gli Usa quando saranno gli unici ad avere l’ambasciata a Gerusalemme. Comunque penso che l’ordine sia arrivato da israele.

Oraculus

Mer, 06/12/2017 - 11:42

Il controllo della propria forza distingue e avvalora il timore dei suoi nemici...quella marmaglia umana dei palestinesi devono proprio a Israele le loro esistenze confortate dagli aiuti internazionali , aiuti a cui anche la EU partecipa sottointendo piu' una alta partigianeria pro palestinesi e araba che per sensibilita' di.solidarieta'.

Edith Frolla

Mer, 06/12/2017 - 11:46

l Consiglio di Sicurezza dell'ONU nella risoluzione 478 del 1980, ha definito la legge fondamentale promulgata dalla Knesset che autoproclama Gerusalemme capitale d'Israele nulla e priva di validità, una violazione del diritto internazionale e un serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio Oriente. Occorre partire da questi postulati.

Oraculus

Mer, 06/12/2017 - 11:50

Il riconoscimento di Gerusalemme come capitale politica e geografica dello Stato di Israele porra' solo ai suoi nemici un dato di fatto...meglio la pace con Israele che la...guerra!! .

Pietro43

Mer, 06/12/2017 - 11:51

Perché la storia non insegna nulla? Prima degli arabi-palestinesi vengono gli ebrei, i quali vorrebbero solo non essere minacciati di sterminio dagli arabo-palestinesi e utili idioti loro amici.

Oraculus

Mer, 06/12/2017 - 11:58

Trump??...deciso come Putin!! , la coscienza della propria forza deve dettare l'ordine e l'obbedienza a quella parte dell'umanita' che sa solo ribellarsi con la forza della propria ignoranza...

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 06/12/2017 - 11:59

-il mondo sarebbe decisamente più tranquillo se israele si rassegnasse a vivere in pace e soprattutto ad accontentarsi dello sputo di paese che ha con i suoi confini ben delineati-ma ad israele non sta bene affatto vivere in un paese che è grande quanto la nostra sardegna ed usa il cagnaccio addomesticato rappresentato dall'america cercando di sfruttare a proprio vantaggio l'atavica tensione tra sciiti e sunniti in medio oriente-la scelta di campo l'ha fatta da tempo--col pretesto dell'11 settembre l'agenda americana si è prefissata di mettere zizzania in 6 stati-- Irak, Siria, Libia, Somalia, Sudan, sono stati devastati come Israele ha voluto -è rimasta l'iran in agenda-l'europa deve fare una scelta di campo-o con i sunniti o con gli sciiti-ricordandosi che tutti gli attentati di Al Qaeda ed Isis sono di natura sunnita-io sto con l'iran e con la russia contro america-israele ed arabia--per quanto mi riguarda israele può anche essere distrutta domattina

zingozongo

Mer, 06/12/2017 - 12:02

ma da chi e stato eletto kushner? da chi e stato eletto ivanka trump? pensate solo se berlusconi avesse piazzato inposti importanti la figlia e il genero,non dovrebbe farsi influenzare dai parenti ...leggete dall independent "Jared Kushner tried and failed to secure a $500m loan from one of Qatar's richest businessmen, before pushing his father-in-law to toe a hard line with the country, i

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 06/12/2017 - 12:08

Finalmente qualcuno scova i palestinesi e la loro taquyia arafattiana. Il mondo saprà FINALMENTE che è solo una questione RELIGIOSA. Basterebbe solo leggere lo statuto di Hamas, per capirlo, cari i miei Demy e Cir. Ma come ca..peri si fa ad accettare che un luogo divienga musulmano solo perchè il profeta l'ha visitato in sogno a cavallo del Burak con la testa di donna. Vi rendete conto che ha pure predetto Roma in possesso dell'islam e che sti folli operino perchè divenga tale?

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 12:16

@Edith Frolla l'ONU farebbe meglio a pensare ad altro, visto che è diventato un dispendioso ente inutile.

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 12:20

@ArturoRollo comincio a pensare che lei non abbia capito proprio nulla, Gerusalemme è capitale dello Stato di Israele dal 1980, Trump sposta solo l'ambasciata, perché non lo dovrenne fare? C'è una legge che lo impedisce? Ma non ha ancora capito che in MO c'è una nuova alleanza USA, Israele, Arabia Saudita, Egitto che hanno la convenienza ad isolare l'Iran, dei palestinesi nelmondo arabo non importa a nessuno.

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 12:28

@salsawasabi ahahahahah ecco un altro che crede al Russiagate, ma in sezione vi rintronano proprio bene con le veline del partito, e poi parlano di fakenews, ma ve le bevete proprio tutte le fake news.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 06/12/2017 - 12:28

Edith Frolla, cavoli, dei postulati promulgati da un ente dominato dai paesi musulmani guerrafondai massacranti in ogni angolo del pianeta in nome e per conto di Allah. Grande inizio di mediazione, facciamo prima a consegnare loro il pianeta tutto e suicidarci. Finchè quelli arcaici ragioneranno coranicamente e non RAZIONALMENTE VIVA TRUMP.

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 12:33

elkid io sto con gli ippopotami ahahah, saranno i tuoi amichetti che hanno perso quattro guerre in venticinque anni a correre il rischio di essere distrutti, non Israele. Sai quanto mi fa godere l'idea di Trump che vi provoca travasi di bile a ripetizione, attento alla salute.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 06/12/2017 - 13:34

il dialogo questa sionista vuole farlo quando tutti i palestinesi sono stati cacciati dalla loro terra.

ben39

Mer, 06/12/2017 - 13:52

Bravo e coraggioso Trump.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 06/12/2017 - 13:52

---Pippo3 quando capirai che tutte queste migrazioni te le sta mandando zio sam --il travaso di bile verrà a te---oltre alla felpa probabile già verde che indossi anche la tua carnagione diverrà a pendant--sembrerai sbarcato da marte

ArturoRollo

Mer, 06/12/2017 - 13:57

Le proclamazioni di Gerusalemme capitale di Israele (1949 e confermate SOLO dalla KNESSET nel 1980) non sono state riconosciute come valide dalla comunità internazionale, e sono state anzi condannate da risoluzioni ONU non vincolanti, poiché la città di Gerusalemme comprende territori non riconosciuti internazionalmente come israeliani. La Corte Internazionale di Giustizia ha confermato nel 2004 che i territori occupati dallo Stato di Israele oltre la "Linea Verde" del 1967 continuano a essere "territori occupati", e dunque con essi anche la parte est di Gerusalemme, annessa da Israele nel 1980.(WIKIPENDIA). Perche' nel titolo si parla di "convergenze" Israelo-sunnite ? Anche Erdogan e la Saudi Arabia hanno gia' condannato Trump...

Ritratto di bassfox

bassfox

Mer, 06/12/2017 - 14:21

poi lamentatevi del potere sionista se avete il coraggio...

Ritratto di bassfox

bassfox

Mer, 06/12/2017 - 14:35

servi dei sionisti e amici dei filonazi... coerenti come sempre

Ritratto di bassfox

bassfox

Mer, 06/12/2017 - 14:37

@Pippo3: mi sembrano risate isteriche... diventa dura inventarsi qualcosa tutti i giorni per dar ragione ad un povero folle...

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 15:16

sì certo elkid le migrazioni me le manda Trump, i bambini li porta la cicogna e Renzi ha vinto il referendum. Un consiglio qualche canna in meno e vedrai le cose in modo più lucido.

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 15:22

ArturoRollo la comunità internazionale non ha alcun titolo per dire quale città debba essere la capitale di uno Stato, quindi trattasi di indebita interferenza. Israele non ha "occupato" i territori ma i Paesi arabi confinanti Giordania e Siria li hanno persi a seguito di una guerra da loro dichiarata e persa. L'Egitto invece, con il trattato di pace del 1980 ha visto restituito il Sinai. Premesso che il ritorno ai confini del 1967 è impensabile per la sicurezza di Israele se i Paesi arabi e i palestinesi si decidessero a fare la pace come ha fatto l'Egitto potrebbero vedere parte dei territori restituiti.

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 15:24

bassfox che tu non sia una volpe mi pare chiaro ma che tu lo debba pure mettere in mostra pubblicamente non mi pare il caso.

lorenzovan

Mer, 06/12/2017 - 16:41

sto pippo pluto paperino sta vferamente imperversando negli ltimi giorni !!! dai l'abbiamo capito che sei un minus habens e un troll...non serve insistere per provarcelo di piu'

lorenzovan

Mer, 06/12/2017 - 16:54

2elkid...ilpippo-pluto-paperini c'ha da tempo il cervellosu marte...lol..dalla serie infinite di stupidaggini...falsita' luoghi comuni e bufale che inanella...addirittra ha trasformato le guerre del 56 e del 67 di pura aggressione israeliana..ormai universalmente accettate come tali..in guerre di difesa dopo attacchi arabi !!!! purtroppo da qusta gente neanche lapeste nera ci salverebbe

Ritratto di bassfox

bassfox

Mer, 06/12/2017 - 17:01

@Pippo3: affermazione che conferma la pochezza che ti avevo affibbiato, quando non si sa, la si butta sulle battute, atteggiamento tipico bananas.. comunque per dovere di cronaca nel caso di Gerusalemme, la comunità internazionale ha molto da dire, perchè fu la comunità internazionale a permettere la creazione dello stato sionista, ma stabilì anche che Gerusalemme dovesse rimanere una città internazionale.. tutto il resto è semplicemente il risultato di campagne militari... ora continua pure a ridere.. si sa dove abbondi il riso...

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 17:45

vedi volpe bass, forse ti sfugge il particolare che Gerusalemme fino al 1967 era territorio giordano, poi la Giordania, con Egitto, Siria e le nobili truppe del terrorista Arafat ebbero l'infelice idea di attaccare Israele e tornarono a casa con le pive nel sacco e un sacco di territori in meno. L'unica persona sensata, Sadat, fece la pace con Israele che restituì il Sinai, gli altri sono ancora lì che non sanno che fare,sperano sempre nella distruzione dello Stato ebraico,come Hamas, speranza suicida che li fa sprofondare nelle sabbie mobili.

Pippo3

Mer, 06/12/2017 - 17:52

lorenzonvan forse tu nel 1967 vivevi su Marte, forse non ti ricordi il poderoso esercito egizio di Nasser schierato al confine di Israele,forse non ti ricordi gli infiammati discorsi del rais del tipo "adesso arriviamo e vi buttiamo a mare". Israele si è sempre difeso dalle aggressioni arabe, anche nel '56 per non parlare del '48. E che mi dici della guerra del Kippur? Altra aggressione israeliana? Facce ride, ti direbbero a Roma. Un consiglio, invece di studiare la storia sulle veline di sezione leggi qualche libro, ti gioverà. Israele è stato troppo democratico ed accomodante, vae victis dicevano i romani e avevano ragione. Come diceva Dayan qualsiasi cedimento con gli arabi si ritorcerà contro Israele

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 06/12/2017 - 21:27

--Pippo3-una visione della storia sul tipo di "Minority Report" la tua ---talmente convinto di una versione bislacca a tuo uso e consumo che sarebbe inutile ogni tentativo di argomentare---auguri e figli maschi---tutti rigorosamente sottoposti al brit milà--augh

Oraculus

Gio, 07/12/2017 - 04:25

X quei rinnegati italiani filopalestinesi , solo a voi riesce di odiare chi non vi odia e di amare chi invece vi odia...e dunque?? , guardatevi allo specchio e...sputate su quella immagine!!.

Pippo3

Gio, 07/12/2017 - 09:33

vedi elkid il tuo "minority brain" ti impedisce di conoscere anche i più elementari rudimenti storici, auguri e figlie femmine swag

gennaro catone

Dom, 10/12/2017 - 11:38

na come, quella del presidente Trump è linica soluzione per una vera pace in medio oriente, e queste pochezze di politici lo criticano, Gerusalemme capitale di Israele è una cosa naturale, endemica.Purtroppo quando un uomo di stato (politico) dice le verità e le cose come stanno, viene sempre attaccato, da questi pseudo politici. Forza Presidente Trump vada avanti.