Così l'Emilia Romagna stanga i disabili. "È uno scandalo targato Pd"

I disabili partecipano alla spesa per i servizi. Prima gli Ultimi: "Illegittimi i calcoli delle quote". Il caso della legge regionale

Una situazione "discriminatoria". Una legge regionale che "ha fatto da scudo" ai Comuni per realizzare regolamenti "illegittimi" che drenano risorse a chi ne avrebbe più bisogno. La denuncia arriva dall’Emilia Romagna e infiamma un già acceso dibattito politico in vista delle elezioni del prossimo 26 gennaio. "Anni di tariffe fuorilegge - attacca Lucia Borgonzoni - La Regione ha stangato i disabili e le loro famiglie".

Lo "scandalo targato Pd", così lo definisce la candidata di centrodestra, arriva nella Giornata internazionale delle persone con disabilità. E vede sul terreno dello scontro non tanto, o non solo, le forze politiche, ma anche l'associazione Prima gli Ultimi che si batte per la tutela dei diritti dei disabili. Tra i (tanti) problemi da affrontare, c'è pure quello della compartecipazione da parte delle famiglie ai servizi erogati dai comuni emiliani: i disabili che frequentano un centro socio-occupazionale diurno, un centro assistenziale o un centro residenziale, infatti, non sempre possono farlo gratuitamente. Una parte del servizio viene finanziato dal Fondo per la non autosufficienza della Regione, il resto è a carico dei Comuni. I quali, però, chiedono alle famiglie dei disabili una "compartecipazione". Ovvero un obolo in base al proprio reddito.

I meccanismi di calcolo sono stabiliti da specifici regolamenti comunali per l'accesso alle prestazioni assistenziali. L’associazione li ha analizzati e ha scoperto che in alcuni casi tra i "redditi aggredibili" vengono considerate anche le indennità di invalidità (280 euro) o di accompagnamento (500 euro) che il disabile ottiene dallo Stato. Cosa vuol dire? Che per decidere se e quanto una famiglia deve versare per i servizi ricevuti, non si tiene conto solo dell'Isee, ma anche di "ogni altra entrata disponibile". Dunque pure delle indennità varie, nonostante non si possa certo considerarle un reddito vero e proprio. "Questo significa - spiega l'associazione - che un disabile con Isee pari a zero, e che vive quindi solo della sua pensione di invalidità, dovrà pagare lo stesso il servizio".

Per redigere i regolamenti, spiega l'associazione, i Comuni hanno fatto riferimento ad una legge regionale del 2009 che, all'articolo 49, consente di inserire tra gli elementi "per valutare la situazione economica equivalente" del disabile, anche quelle "eventuali indennità di carattere previdenziale e assistenziale" considerate "esenti ai fini Irpef". Nel febbraio del 2016, però, il Consiglio di Stato aveva spiegato che non si può "definire reddito un’indennità o un risarcimento". Direte: dopo tre anni Comuni e Regione si saranno adeguati. E invece no. Mentre il governo ha emesso un Decreto legge per stabilire "che sono esclusi" dall'Isee tutti i trattamenti assistenziali percepiti "in ragione dalla condizione di disabilità", nessuno nella giunta Bonaccini si è preso la briga di correggere il tiro a livello regionale (anche se "non ha provveduto ad approvare la direttiva prevista" perché "di fatto superata dalla normativa nazionale").

Del caso è stato investito il difensore civico e dopo le interrogazioni delle opposizioni, lo scorso luglio, l’Assemblea legislativa ha approvato un ordine del giorno che impegnava la Giunta a trovare un rimedio. Oggi, ne va dato atto, la modifica redatta dalla Giunta diventerà effettiva e la norma incriminata verrà abrogata. Giustizia è fatta, direte. Già. Ma nel frattempo, per anni, diversi disabili hanno pagato cifre "alterate e maggiorate" a causa "di questi calcoli illegittimi". "Come pensa di agire la Regione? Le famiglie verranno risarcite?", si chiede Laura Schianchi, presidente di Prima gli Ultimi. Borgonzoni, dal canto suo, ha promesso che in caso di vittoria alle elezioni istituirà un "Fondo di ristoro" per rimediare alla "truffa".

C’è poi un’altra questione. Nell’indagine, infatti, l’associazione ha scoperto un’altra anomalia: la "disomogeneità" nei costi dei servizi comunali per la fruizione del "medesimo servizio". "In una stessa Asp, con lo stesso personale e l’identica disabilità - spiega Schianchi - persone con pari Isee pagano chi 16 e chi 48 euro al giorno" in base alla residenza. Una differenza oltre il 100%. E questo, attacca Borgonzoni, "non è più tollerabile".

Commenti

Giorgio5819

Mar, 03/12/2019 - 08:32

Se qualcuno aveva dubbi sull'onestà intellettuale rossa..........

Arslan

Mar, 03/12/2019 - 08:54

Quello che l'associazione "Prima gli ultimi" ha impugnato è il regolamento del comune di Parma (che tra l'altro non è a guida Pd) e la regione non c'entra nulla...la regione Emilia è tra le prime in Italia per l'assistenza ai disabili...comincia la vergognosa strumentalizzazione dei fatti da parte della lega, condita da promesse assurde e irrealizzabili (Salvini ovviamente fa scuola)...chissà se basterà per vincere....

Trinky

Mar, 03/12/2019 - 08:59

Eh ma è meglio far pagare invalidi e disabili e questi soldi darli ai loro amici che sbarcano e gironzolano tutto il giorno: del resto devono pur passare il tempo!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 03/12/2019 - 09:00

...come al solito,anche i disabili(naturalmente "ITALIANI"),sono trattati peggio degli "INVASORI-ACCOLTI",ai quali vengono riservati una "montagna" di benefits,completamente gratuiti(con tutta una serie di "effetti collaterali","spese collaterali",di cui potevamo farne a meno)!....ma alla stragrande maggioranza di "italiani",va bene così(vedi elezioni Marzo 2018,laddove il 77% ha votato per partiti "accoglienti"(o quasi...),ed il 23%(i "chissenefrega"),non ha votato!

hectorre

Mar, 03/12/2019 - 09:03

ero convinto che la sinistra fosse caritatevole, sempre pronta ad aiutare il prossimo....si!!!....solo se c’è un tornaconto!!!....

Ritratto di vincenzo69

vincenzo69

Mar, 03/12/2019 - 09:11

I disabili ITALIANI devono pagare per aver diritto ad un minimo di assistenza e per gli IMMIGRATI tutto gratis a spese nostre???...e' una VERGOGNA TUTTA DI SINISTRA.

Arslan

Mar, 03/12/2019 - 09:45

...e, come volevasi dimostrare, qui tutti ad abboccare alle fandonie leghiste...

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 03/12/2019 - 09:47

però poi spendono milioni per i campi rom... ma questi sono davvero dei geni del male, ma come fanno poi a fare pace con la loro coscienza?

Gilgamesh1000

Mar, 03/12/2019 - 09:54

La domanda potrebbe essere, ma coi 15.000.000 di eur che la RAI da a Fazio e Officina (sempre Fazio & Co.) quanti disabili potremmo aiutare ?

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mar, 03/12/2019 - 10:17

wow!!! notiziona! il sistema sanitario pubblico migliore d'Italia (ed uno dei migliori al mondo) messo alla berlina perché possa essere devastato da una che non ha mai fatto niente in vita sua e che non sa cosa sia la sanità pubblica.

Trinky

Mar, 03/12/2019 - 10:19

Arslan.......fenomeno, lo sa quanto percepisce un invalido al 100% e quanto uno dei suoi amici sbarcati? Ah, si ricordi di lasciare il suo numero di telefono e l'indirizzo così possiamo portare a casa sua tanti di questi migranti che lei ospiterà....gratis naturalmente!

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Mar, 03/12/2019 - 10:19

arslan mi sa che non sono fandonie ma verità, purtroppo.

gigi0000

Mar, 03/12/2019 - 10:27

Nessun problema, ma visto che la coperta è sempre corta, i soldi che mancano li mette la Borgonzoni?

timoty martin

Mar, 03/12/2019 - 10:27

Hanno sempre votato a sinistra, ora ne vedono le conseguenze. Per le prossime elezioni, cerchino di riflettere.

mimmo1960

Mar, 03/12/2019 - 10:29

Dicono che agli italiani l'amaro e ai migranti il dolce.

Ritratto di ierofante

ierofante

Mar, 03/12/2019 - 10:33

I fatti riportati nell'articolo denotano un metodo becero di fare politica e giornalismo. Lo "scandalo targato PD" riguarda la delibera del 30/07/2018 n. 72, nella quale il Comune di Parma approvava il Regolamento per il sostegno economico ai progetti di vita delle persone con disabilità. Ma ci vuole così tanto Sig. "giornalista" a fare delle verifiche prima di riportare come verità assoluta dichiarazioni di politici totalmente infondate e che non trovano riscontro nella realtà fattuale?

EliSerena

Mar, 03/12/2019 - 10:35

l'Emilia Romagna è la regione con l'assistenza ai disabili più efficiente e completa. E' vergognosa ,strumentale , falsa la polemica che volete imbastire in vista delle elezioni. Veramente vergognosa. Perché non fate un parallelo con quanto avviene in Lombardia , Veneto, Liguria. Tacereste per sempre.

Arslan

Mar, 03/12/2019 - 10:45

Trinky...scienziato...cosa c'entra quello che hai detto con ciò che ha riportato erroneamente l'articolo?..e poi perchè quella domanda non la poni a Salvini? O pensi che, quando era lui ministro, a un disabile è stata aumentata la pensione e un migrante costasse di meno di ora?

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 03/12/2019 - 11:00

EliSerena voi sinistri avete difficoltà nel capire le notizie... non si parla di inefficienza, ma che i disabili debbano pagare servizi che per la loro condizione dovrebbero essere gratuiti, mentre i rom che non lavorano, non producono benessere, anzi il contrario, hanno più privilegi, ora dal momento che non posso pubblicare un disegnino, ci arriva da sola o ha bisogno di qualcuno che le spieghi con parole più vicine al suo scarso livello di comprensione quale sia il problema?

mimmo1960

Mar, 03/12/2019 - 11:04

Per EliSerena. Abiti in Emilia Romagna??

baio57

Mar, 03/12/2019 - 11:48

@ Arslan e sinistrume vario ..." Per redigere i regolamenti i Comuni hanno fatto riferimento ad una LEGGE REGIONALE del 2009..." CHI PRESIEDE LA REGIONE DA MILLENNI ,FORSE IL CDX????????SAPETE LEGGERE O VI DEVONO FARE PURE UN DISEGNINO ?

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 03/12/2019 - 12:08

E poi si chiedono, stupiti, questi della presunta giustizia sociale, perché la gente preferisca dare il voto a Salvini e Meloni. Già, chissà perchè

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 03/12/2019 - 12:36

Bene, ora votate e fate votare MAI più col PD.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 03/12/2019 - 13:40

Partito Democratico? Questa é democrazia? A me pare il contrario.

Arslan

Mar, 03/12/2019 - 13:49

Baio57 E a te per filtrare le notizie ti serve l’insegnante di sostegno? La legge regionale è del 2009, la sentenza del Consiglio di Stato è successiva, del 2016, l’associazione “Prima gli ultimi” impugna il regolamento del COMUNE DI PARMA e non altri! Quindi questo vuol dire che NON E’ VERO che la regione non si è adeguata alla sentenza, ma evidentemente solo il comune di Parma, che, tra l’altro, non è a guida Pd…quindi perché scrivere: “Scandalo targato Pd”? Questi mezzucci, caro Baio57, possono funzionare con i faziosi come te, non con altri….

scurzone

Mar, 03/12/2019 - 16:56

Anche i disabili votano, lo si scopre solo in prossimità delle votazioni. Ma lo scandalo non appartiene alla Regione Emilia Romagna, ma al solo Comune di Parma. Ma a Parma non c'è una giunta PD. Falsa notizia........ Signori prima di sparare sentenze, assicuratevi che la notizia sia vera.

scurzone

Mar, 03/12/2019 - 21:35

Appena scoperti nella loro ignoranza i bananas hanno smesso di postare. Ridicoli!