Chi si arricchisce con solidarietà e immigrazione

Come era ampiamente prevedibile sull'immigrazione che approda sulle nostre coste è nata una colossale industria che sconfina nell'illecito della peggiore speculazione economica e finanziaria in senso criminale

Foto d'archivio

Come era ampiamente prevedibile - ed è stato altrettanto chiaramente detto e scritto anche su queste stesse colonne - sull'immigrazione che approda sulle nostre coste, è nata una colossale industria che sconfina nell'illecito della peggiore speculazione economica e finanziaria in senso criminale, dirottando le risorse che erano destinate a facilitare la vita di chi arriva da noi in condizioni difficili ad una «industria dell'immigrazione» che sugli immigrati ha costruito un'occasione di arricchimento per alcune persone senza scrupoli.

La rilassatezza, per non dire di peggio, con la quale la politica e le stesse autorità preposte all'ordine pubblico avevano preso atto finora dell'arrivo dei barconi (...)

(...) dei disperati (a pagamento) era troppo sospetta per non dare adito a un'inchiesta che, finalmente, ha fatto luce sui fatti criminosi. Era evidente che troppe organizzazioni, anche legali, speculavano sui migranti come manodopera a basso costo da impiegare nelle diverse attività, agricole, industriali e commerciali, che ruotano attorno al fenomeno. Era altrettanto evidente che questo retroterra economico era destinato a diventare la copertura delle attività illecite che ora sono venute alla luce. Centinaia di migliaia di euro sono finiti nelle tasche di manutengoli della criminalità organizzata, o direttamente di quest'ultima, mentre avrebbero dovuto essere l'opportunità per una solidarietà vera invece che sbandierata come una caratteristica peculiare del buon cuore nazionale e a copertura degli illeciti. Di morale, nella vicenda, non c'era nulla; la sola cosa che c'era era l'interessato marketing dell'industria dell'immigrazione, che faceva i soldi al riparo di buone intenzioni abilmente pubblicizzate, ma non realizzate in concreto. La scoperta degli illeciti è una vergogna nazionale.

Abbiamo invocato l'intervento dell'Europa e la solidarietà degli altri Paesi europei non preoccupandoci, innanzi tutto, di assolvere decentemente il nostro compito di fronte a un fenomeno epocale. È prevalsa la (solita) furbizia nazionale, quella che specula su ogni forma civile, facendo un danno economico e finanziario, oltre che agli stessi immigrati, innanzi tutto a noi stessi e poi alla nostra immagine nazionale. Ora, c'è solo da augurarsi che i responsabili siano puniti severamente da una magistratura che ha davvero il compito, in questo caso, di mostrare di saper fare il proprio mestiere e di voler tutelare il buon nome dell'Italia.

Dopo aver provveduto a individuare e a condannare i responsabili dello scandalo, si smantelli, ora, l'entroterra economico, legittimo e legale, che aveva alimentato gli illeciti. L'immigrazione, così, può diventare quell'affare persino, ben regolamentato ed economicamente utile che è in altri Paesi come la Germania e la Svizzera. Sarebbe il modo migliore per mostrare che siamo un Paese civile, non un'accozzaglia di profittatori e di imbroglioni.

piero.ostellino@ilgiornale.it

Commenti

glasnost

Gio, 28/05/2015 - 20:59

Gent.mo Dr. Ostellino, ma pensa davvero che la nostra italica magistratura, obbediente alla massoneria, possa indagare e processare le Coop rosse e la Caritas della Chiesa di papa Francesco? O ci prende in giro, come un Renzi qualsiasi?

INGVDI

Gio, 28/05/2015 - 21:09

Non sono d'accordo. Sono finti disperati quelli che arrivano con i barconi, non scappano dalla guerra (quei pochi dei paesi in guerra sono disertori, tradiscono il loro popolo e le loro famiglie), sono clandestini, sono delinquenti o potenziali tali. Finiamola con questa ipocrisia! L'immigrazione clandestina e non regolamentata non può diventare un affare, fa solo aumentare la povertà, la disoccupazione e la criminalità. Impariamo dalle nazioni più civili (e più intelligenti, vedi Australia), organizziamo respingimenti e rimpatri forzati, elimineremmo in poco tempo le organizzazioni legali e non che lucrano su questo triste fenomeno.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 29/05/2015 - 01:29

Da quanto abbiamo potuto constatare finora chi si arricchisce è la sinistra e chi la segue con le cooperative e le organizzazioni create ad hoc. CONTINUIAMO A FINGERE CHE IL BUONISMO DEI SINISTRI SIA UNA OPERAZIONE UMANITARIA. Continuiamo ad allevare questa serpe che avvelena irrimediabilmente il nostro paese.

Aristofane etneo

Ven, 29/05/2015 - 08:36

No, sig. Ostellino, non ci siamo! Non amo la retorica del noi Italiani dobbiamo "mostrare che siamo un Paese civile, non un'accozzaglia di profittatori e di imbroglioni". Io pago le tasse, faccio il mio dovere di Italiano per bene e sono vittima di questi imbroglioni (non tutti Italiani) e di voi giornalisti che tenete loro bordone. Capisco ancora una volta perché "il Corriere della Sera" di cui anche Lei era opinionista di punta, veniva chiamato da noi studenti universitari "Corriere della Serva". Voglio il Cucù di Marcello Veneziani.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 29/05/2015 - 09:21

Ostellino,si è dimenticato il fine "politico"(e pur sempre "economico")....IL VOTO!!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 29/05/2015 - 09:38

@Aristofane etneo:....concordo in pieno!....Questo articolo "mieloso" di Ostellino,mi ha decisamente,ed irrimediabilmente deluso!!!

daniperri

Ven, 29/05/2015 - 11:26

Concordo con i commenti precedenti. Non abbiamo fatto ancora luce su tutto l'"indotto" di questa pseudo accoglienza, e non è da considerare soltanto la speculazione truffaldina. E' tutta quanta la gestione che sta diventando una grande occasione di posti di lavoro per i cosiddetti "volontari", sostegno economico per albergatori in difficoltà a causa e di diminuzioni di clienti. E' questo l'affare economicamente utile dell'immigrazione (clandestina)? Grazie ne facciamo a meno.

MarcoE

Ven, 29/05/2015 - 12:28

E le coop rosse continuano a sbafare!

Ritratto di scaligero

scaligero

Ven, 29/05/2015 - 14:22

Caro Ostellino, l'ho sempre molto ammirata per i suoi articoli. Questa volta, anche se comprendo le ragioni ultime del suo scritto, mi ha dato l'impressione di leggere il compitino di Pierino. Mi riferisco solamente al fatto che si esprime come un illuso ( che certamente non è ) in quanto sa bene che nessun giudice in Italy andrà mai ad inquisire la Caritas di Bergoglio e le COOP del PD ( ex PCI).

Antonio43

Ven, 29/05/2015 - 15:15

Doveva calcare di più la mano sul fatto che se l'Europa è così restia a darci una mano su questo fenomeno è perchè sanno perfettamente cosa succede qui da noi con le varie onlus, caritas e cooperative varie. Perchè su nessun giornale appaiono le critiche degli altri paesi a questo nostro modo insensato di accogliere tutti? Così non ci aiuteranno mai e fanno bene!

Rossana Rossi

Ven, 29/05/2015 - 17:11

Son d'accordo con INGVDI........

maelstrom

Ven, 29/05/2015 - 18:34

Magistratura obbediente alla massoneria? Ma perchè blaterate di cose di,cui non sapete nulla? Vi "documentate" sul sito di Grillo?

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 29/05/2015 - 20:23

E del tutto inutile un mio intervento visto che i commenti che mi precedono sono stati più che esaurienti e che io condivido in pieno.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Sab, 30/05/2015 - 08:58

Resta da accertare se i "buonisti" siano i consapevoli promoters al soldo dei trafficanti o se soltanto degli utili idioti. I danni sarebbero uguali; ma le responsabilità diverse: dolo e colpa.Sono portato credere che ve ne siano di ogni tipo: ma su qualcuno molto in alto non riesco ad accordare il beneficio del dubbio e penso all'alternativa peggiore. Ci sono dei linguaggi indiretti inequivoci. Il vissuto ed il comportamento attuale sono tra questi.

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 30/05/2015 - 11:51

Ostellino, lei ha avuto una NONNA, penso di si e non le ha mai detto quando lei faceva le BIZZE da bambino, dopo una, due volte che era stato ripreso : Ostellino, ora basta, a questo punto bisogna usare ai (MALI ESTREMI, ESTREMI RIMEDI). Solo cosi Ostellino si ferma questa invasione che porterà il nostro paese al mantenimento di GHETTI senza CONTROLLO.

Valvo Vittorio

Dom, 31/05/2015 - 16:24

Compito di un giornalista opinionista è di analizzare un dato fatto o un determinato andazzo della società per poi esprimere un'opinione personale che può essere condivisa dai lettori oppure no! Spingere la magistratura ad agire nel caso si manifesti un reato, possiamo essere tutti noi cittadini quindi parlamentari inclusi. La nostra carta costituzionale recita che il popolo è sovrano ed esercita questa sovranità mediante gli organi preposti. Difatti una condanna da un tribunale è inflitta in nome del popolo. Al di fuori di equivoci condivido in toto quanto scritto dal giornalista.

honhil

Dom, 31/05/2015 - 18:13

Era chiaro, fin dal suo primo vagito, che dietro a quest’accoglienza sollecitata e quasi, anzi senza quasi, reclamata dal molo del porto di Lampedusa c’era la voglia di fare business a 360 gradi. Pur sapendo di dovendolo condividere con gli squali di almeno due continenti. Le indagini su Roma mafiosa e lo scandalo Caritas della Regione Campania sono soltanto la punta di quest’iceberg del malaffare.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 31/05/2015 - 20:55

Ma legge Turco-Napolitano e quella Bossi-Fini dove sono andate a finire? Ora capisco, orma vent'anni sono passati, perché tutta quella cagnara in merito all'accettazione di quelle leggi: OGNUNO FACEVA QUELLO CHE L'ALTRO DISFACEVA.