La lezione ecclesiastica di Papa Francesco

Che piaccia o no, anche il Papa deve fare, come sempre ha fatto storicamente, i conti col mondo come è, evitando di propagandarne uno che non c'è

Nel passato, la Chiesa si era costantemente caratterizzata per il rigore col quale sceglieva la propria dirigenza. Non diventava cardinale e, forse, neppure vescovo, tanto meno Papa, chi non possedeva una forte cultura storica e politica, oltre che teologica. Ma, recentemente, l'ultima elezione del Pontefice, sotto l'influsso del populismo dilagante, ha rotto tale tradizione. Francesco, questo gesuita - altra novità - vanitoso ed esibizionista, parla molto, ma mostra spesso di farlo a sproposito. È il caso dell'ultimo discorso, nel quale ha auspicato la distruzione delle armi di uccisione di massa, identificandole, tra l'altro piuttosto surrealmente, col respingimento degli immigrati. Egli ha prefigurato, così, la regressione del sistema internazionale al Novecento, quando la Germania di Hitler, grazie alla propria forza militare convenzionale, si era illusa di poter dominare l'Europa e il mondo; uscendone, peraltro, rovinosamente sconfitta, dopo aver fatto milioni di morti.

Ora, tutti sanno che il mondo ha goduto di un lungo periodo di pace nel Secondo dopoguerra proprio grazie agli armamenti nucleari. Con l'auspicarne la distruzione, Francesco ne ha di fatto prefigurato la regressione all'epoca in cui una potenza militare convenzionale poteva aspirare a dominare il mondo facendo ricorso alla guerra e vincendola. La sensazione della propria catastrofica vulnerabilità, che ciascuna potenza nucleare ha rispetto alla controparte in caso di un proprio atto aggressivo, e la certezza della distruzione dell'intera umanità, hanno di fatto impedito lo scoppio di una guerra nucleare e favorito la nascita di organismi internazionali per la prevenzione delle crisi. Il mondo ha goduto di un periodo di pace più lungo di quanto mai gli era accaduto nel passato.

Tutti sanno che è stato il cosiddetto «equilibrio del terrore» - cioè l'impossibilità di fare, e vincere, una guerra nucleare senza subirne i danni - a garantire la pace, non la sola buona volontà degli uomini. Singolare è che mostri di non saperlo il Papa. Che egli si esprima ad un livello morale più alto del realismo politico è nell'ordine delle cose. Ciò che non lo è, è che non se ne renda conto, continuando ad auspicare un mondo che non c'è e che non sarebbe affatto pacifico. La predicazione morale religiosa, lo dico da laico, ha anche una funzione pedagogica, quando, e se, è rivolta agli «spiriti semplici», che sono i credenti senza se e senza ma. La tradisce, però, anche e soprattutto nei confronti di questi ultimi, se perde di vista la realtà.

Che piaccia o no, anche il Papa deve fare, come sempre ha fatto storicamente, i conti col mondo come è, evitando di propagandarne uno che non c'è, che non sarebbe affatto pacifico e la cui prospettiva finirebbe immancabilmente col generare pericolose illusioni negli «uomini cosiddetti di buona volontà», dando vita a ideologie non concretabili nella realtà effettuale se non a costo della creazione di regimi dispotici. La lezione del comunismo realizzato dovrebbe pur dire qualcosa al Papa... È un fatto incontrovertibile che gli uomini non li si cambia con le prediche o con le utopie razionalistiche e religiose che siano. Essi vanno governati per quello che sono e per come si comportano. La superiorità del liberalismo su tutte le altre dottrine politiche sta tutta qui. Non si fa, né genera, illusioni, ma si attiene ai fatti. Non auspico un Papa liberale, perché non può esserlo per la dogmatica contraddizione del suo stesso ruolo, che non lo consente.

No, non ci siamo. Questo Papa, che pur piace a molti, sta danneggiando la Chiesa e compromettendone la storia. Non dico si stia realizzando la profezia di Nostradamus - che aveva previsto «un Papa della Compagnia» (leggi un gesuita), che avrebbe distrutto la Chiesa. Ma non ne siamo neppure molto lontani.

piero.ostellino@ilgiornale.it

Commenti

marco190701

Mer, 12/08/2015 - 19:51

Grande ostellino! Concordo in pieno. È un papa vicino all'eresia che sta fondando una fede neopagano a basata sul culto del povero e dell'ambiente, negando progresso e responsabilità individuale e benché più annunciando la parola di dio: solo sproloqui su problemi terreni sempre visti dal lato del terzo mondo. Neanche un viaggio in Europa . wojtila fu elemento di unità, lui fomenta la divisione

nisei731

Mer, 12/08/2015 - 21:11

Questo papa (con la minuscola) non per niente proviene dal Sudamerica, niente di più lontano dalla piu o meno liberale Europa. E gli effetti nefasti si vedono a tutti i livelli. In Europa, dove gli Stati sono laici non fa grandi danni, in Italia invece lo Stato è succube del vaticano e i danni sono evidenti e tragici.

Ritratto di scaligero

scaligero

Mer, 12/08/2015 - 21:23

Perfetto, caro dottor Ostellino, !

brunicione

Mer, 12/08/2015 - 21:45

Lo stesso discorso vale per i migranti, non serve perorare aiuti e salvataggi che non ci sono, e non ci saranno mai, il mondo è così, e non come Lui lo vede o lo spera

NotaBene

Mer, 12/08/2015 - 21:46

Ogni religione ha ovunque sempre la stessa origine nel profondo delle paure e speranze del cuore umano. Queste creano il collante della comunità intorno a valori comuni, facendo appello ad una forza onnipotente al di sopra di tutti. Il che riporta subito tutto ad una questione di controllo sulla società, ovvero di potere. Non è vero che il regno di Dio non sia di questo mondo. E' precisamente questo il mondo che si prefiggono di controllare i papi di tutti i secoli. Questo papa ha solo cambiato strategia.

NotaBene

Mer, 12/08/2015 - 21:50

Che cos'è in fondo la libertà? E' la libertà di peccare.

Emigrante75

Mer, 12/08/2015 - 22:07

Che a Ostellino Papa Francesco non piaccia è risaputo. Ma trovo che questo articolo passi un po' troppo il segno. Dott. Ostellino, ma cosa ne sa lei di come la Chiesa sceglie i Cardinali (Vescovi o Papi)??? Quanto a vanità ed esibizionismo, penso che tra voi due, non sia quello vestito di bianco che vince. Ma la castroneria la più grossa - e ce ne sono tante nel suo articolo - è quella di voler insegnare al Papa come fare i conti col mondo. A proposito, cosa dice Nostradamus a proposito del dott. Ostellino?

asalvadore@gmail.com

Mer, 12/08/2015 - 22:49

Osare chiamarsi francesco é un chiaro segno di vanitá, specialmente dal capo di una chiesa che sempre osteggió al vero francesco. Un paapa é semplicemente un burocrate scelto da altri burocrati per condurre una vecchia istituzione, é solamente un CEO, ma purteoppo si sente anche, incaricato da nessuno, di spargere le sue semplicistiche opinioni etiche nel campo della realtá politica. Ha erereditato una chiesa millenaria e ne sta facando una delle tante sette cristiane, circa 600 plus.

Tuthankamon

Gio, 13/08/2015 - 09:45

Da un punto di vista "antropologico" posso condividere con alcune riserve. Come Cattolico condivido parzialmente, perchè manca (e non potrebbe essere altrimenti) ogni considerazione sul "terzo incomodo della storia" che solo chi crede può porre all'origine del male (rifiuto del bene) nel mondo. Ho buone ragioni per dire che la Chiesa cattolica è in pieno vigore anche se per taluni poteri è fastidioso ammetterlo. Nonostante tutto e tutti.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 13/08/2015 - 09:57

@Emigrante75- Forse non conosciamo 'come' la chiesa sceglie i prelati, ma ne vediamo gli effetti.Ostellino, da comune mortale, potrebbe anche essere vanitoso ed esibizionista ( ma lei da che cosa lo deduce?), un papa no.E perché poi l'articolo 'passerebbe il segno'?

Guido Guidi

Gio, 13/08/2015 - 10:23

Articolo coraggiosissimo. C'è solo una cosa da aggiungere: il problema relativo alle prese di posizione di un papa, è solo italiano. All'estero,dove vivo, tutto quello che dice il papa non conta nulla. Nessuno perde tempo a contestarne le parole. Solo da noi, in Italia, si dà ancora tanto risalto alla voce del papa e dei vescovi. Quando diventeremo veramente un Paese laico?

beowulfagate

Gio, 13/08/2015 - 10:56

L'attuale pontefice non mi piace molto,ma ritengo che un mondo libero dall'atomica sarebbe migliore.Non sia mai che qualche matto prema il pulsante sbagliato.Mi sembra inoltre che di guerre convenzionali se ne siano combattute a iosa anche negli ultimi 70 anni,e chi ci garantisce che prima o poi qualcuno non passerà il segno ? Cordialità.

ARKA43

Gio, 13/08/2015 - 11:04

............Caro Guido Guidi lei a proprio ragione, basterebbe che nessun canale televisivo desse spazio a questo terzomondista che disprezza l'europa, ma purtroppo qui tutti a leccare il fondo sciena alla chiesa, i sinitroidi rossi che fino a pochi anni fa erano dei mangia preti sono diventati i primi a porgere le terga, beato lei che vive all'estero io da pensionatoa 750 Euro al mese purtroppo devo subire, cambiando canale quando vedo questa brutta copia di "STANLIO" ma almeno quello faceva ridere, questo fa piangere. POVERA ITALIA TRADITA DAGLI ITAgliani.

monitor

Gio, 13/08/2015 - 11:14

È vero questo papa è un vanitoso ed anche in malafede. Che non sappia, se non ci fossero state le guerre in difesa della fede il cristianesimo oggi non esisterebbe e lui, Papa Francesco, sarebbe un seguace di Maometto? Magari anche con un harem, se fosse diventato un sovrano .

Ritratto di woman

woman

Gio, 13/08/2015 - 11:28

Ottimo articolo, aggiungerei gli stessi giudizi alla predicazione che auspica una povertà generalizzata ... possibile che il papa non si renda conto che quando fossimo diventati tutti poveri non ci sarebbero più imprese, né industrie? Quando, a furia di mantenerli, saremo diventati tutti come i clandestini che ci invadono, chi ci manterrà?

Tuthankamon

Gio, 13/08/2015 - 12:22

Guido Guidi ... certo che quello che dice un Papa interessa i Cattolici, ma la statura morale dei Papi degli ultimi 2+ secoli li ha coinvolti di fatto in tutti i maggiori eventi storici e di cronaca. Basta citare Giovanni Paolo II in relazione al blocco sovietico. Se adottassimo il suo metro ... all'estero non parlano quasi mai dell'Italia se non per questioni negative. Il nostro Paese resta tuttavia un attore culturale ed economico di prima grandezza anche se non ne parla nessuno ...

cgf

Gio, 13/08/2015 - 12:23

vanitoso ed esibizionista Bergoglio? mi spiace ma chi scrive/pensa questo NON CONOSCE la persona, si esprime per sentito dire e/o quanto vede alla TV! Senza andare alle origini, anche aRRRRoma ci sono migliaia di persone che possono testimoniare, DOPO AVERLO INCONTRATO, che non esiste persona più umile e riservata di Bergoglio, questo da molto fastidio sopratutto al clero, romano e non, quello che possiede una forte cultura storica e politica, oltre che teologica [e... non si dice].

rino biricchino

Gio, 13/08/2015 - 12:23

L'equilibrio del terrore atomico è la stessa logica per cui gli americani accettano costituzionalmente l'armamento privato. Cosi le persone hanno paura perfino di sfiorarsi perchè l'altro potrebbe cacciare la pistola e sparare. Ma che cxxxo di mondo è? Io continuo ad auspicare un mondo dove la guerra si evita perchè i popoli comunicano tra loro in maniera libera ma regolamentata, anzichè perchè siamo imbottiti di esplosivo nucleare che fa da deterrente. E sinceramente, anche questa teoria della deterrenza nucleare non mi convince; l'occidente ha vissuto in pace perchè ha avuto benessere e crescita economica e tecnologica diffusa. La conferma proviene dalle zone del mondo che non hanno avuto la stessa crescita, come il medio oriente,e l'Africa, che infatti hanno continuato a fare guerre.

rino biricchino

Gio, 13/08/2015 - 12:36

Poi, in merito a Bergoglio, voglio aggiungere due parole. E' evidente che sia un papa "mediatico", e criticarlo sotto questo profilo potrebbe pure avere un senso per chi vive il messaggio religioso in maniera più interiore. Ma Bergoglio, ultimamente, si è distintamente e coraggiosamente pronunciato anche contro la grande masso-speculazione bancaria e finanziaria che ci stà rendendo sempre più schiavi del sistema, e che sta venendo criticata anche da chi vota a destra. Ha mosso grande critica alla grande industria che risponde alla sola logica del profitto ed in nome di ciò si disinteressa dell'ecosistema, arrivando perfino a soggiogare le sovranità popolari. Ha richiesto un maggiore rispetto per i deboli e per la natura. Io direi che sarebbe il caso di esaltare questi temi, che non hanno colore politico, anzichè soffermarsi sempre e soltanto sulle altre dichiarazioni.

Maver

Gio, 13/08/2015 - 14:05

Dott.Ostellino vi è una parte della critica che lei muove a questo pontefice che condivido, però non azzarderei un confronto fra il cristianesimo e il liberalismo economico, non fosse che per la semplice constatazione della impossibilità per il secondo di salvare l'anima ad alcuno come è nelle intenzioni del primo. Concludo con un'ultima osservazione inerente ai forti dubbi sulla possibilità che Nostradamus medesimo (da lei citato come cassandra) potesse avere cognizione alcuna sugli scopi perseguiti dal sistema liberale.

lisanna

Gio, 13/08/2015 - 14:27

Un papa che accoglie come angelo di pace un Abu mazen, che va a Betlemme e non batte ciglio di fronte a un Gesù palestinesizzato..... Ha smesso di piacermi da un pezzo e ricordo che (almeno dalle mie parti) dare a qc del gesuita non era proprio un complimento. anna60

claudio faleri

Gio, 13/08/2015 - 14:42

è un gesuita megalomane e incapace, dovrebbe occuparsi di altro e prima di aprire, la bocca accendere il cervello...........può piacere al gregge con le mani giunte, ma finita quell'infatuazione popolare per la quale le masse andavano in delirio, resta un presuntuoso ormai non visto bene neanche dai suoi accoliti-porporati che se potessero lo manderebbero a casa, in argentina

Prameri

Gio, 13/08/2015 - 16:49

Credo che le critiche di V. Feltri e ora di P. Ostellino siano utili per correggere il papa più dei consigli di molti yes man che lo circondano e lo seguono. Ricordiamoci che il narcisismo equilibrato è un tratto caratteristico di ogni guida, di ogni insegnante. A esempio: baciando la testa dei bambini insegna a essere semplici e spontanei con le persone. Ciò che critichiamo in lui è l’essere comunista a sfavore reale dei poveracci ma salvando dei benedetti grandi burocrati di casta, a sfavore della normalità per salvare le anomalie familiari, il voler distruggere l’italia e la tradizione cristiana favorendo l'imprudente invasione incontrollata di islamici, straconvinto che siano convertibili contro ogni seria informazione, e le sue mancate chiare prese di posizione che permettono l’estrapolazione di alcune sue frasi per ogni uso e consumo

Cacciamo i Padani

Gio, 13/08/2015 - 16:54

A distruggere la Chiesa più che un Papa della compagnia...basta un segretario della Cei COMUNISTA.

Zizzigo

Gio, 13/08/2015 - 17:26

Sessant'anni fa, i Gesuiti erano persone istruite... ma adesso tutto sta degradandosi, più o meno biologicamente, cioè sia la biologia che la mente.

manente

Gio, 13/08/2015 - 17:38

Le profezie di Nostradamus parlano di un "papa nero", appellativo attribuito ai Generali dei Gesuiti, che avrebbe condotto alla rovina se stesso e la Chiesa. Tale profezia, che peraltro coincide con quelle di san Giovanni Bosco ed altri Santi e Beati, predice anche che a salvare la Cristianità ed il Mondo dal dominio del Molock della finanza di usura, sarà il capo dell'Impero d'Oriente, dopo aver consacrato il suo Impero ed il suo popolo al cuore di Maria. Le similitudini con la Russia di Putin che dopo oltre 90 anni ha riportato la "terza Roma" in seno alla Cristianità, sono impressionati, così come impressionante è la attualità della minaccia per la sopravvivenza del genere umano costituita dagli Usa in cui la democrazia è stata erosa dall'interno e piegata ai progetti di guerra delle lobby della finanza anglo-massonica, i sinedriti dell'usura globale che sono i nemici più subdoli e pericolosi che l'umanità si sia mai trovata a dover fronteggiare.

Santippe

Gio, 13/08/2015 - 17:40

Che la chiesa stia cambiando strategia sembra ormai chiaro : da cattolica, apostolica, romana si sta trasformando in cattolica, apostolica, sudamericana. Si tratta, a mio avviso, di un cambiamento culturale di grande rilevanza da cui l'Italia può ricavarne solo guai e frustrazioni, anche considerando che non abbiamo uno Stato solido , capace di non farsi sottomettere. L'unica cosa da fare è riconsiderare l'opportunità di mantenere in vigore i Patti Lateranensi, improvvidamente stipulati da Mussolini nel 1929.Abolirli e basta, perché l'Italia, tuttora a sovranità limitata (vedasi le rampogne di Galantino), acquisti finalmente la sua libertà.

NotaBene

Gio, 13/08/2015 - 18:30

Questo papa vuole sudamericanizzare l'Europa per riconquistarla, perché i popoli europei sono sempre più laicizzati, a causa del progresso economico e della tecnologia. Inutile guardare ai papi precedenti, che avevano a che fare un mondo diverso. Questo papa all'apparenza è in contraddizione con i precedenti, in realtà cerca di imporre il dominio della chiesa con una strategia adattata ai mutati tempi, luoghi e ai nuovi europei.

asalvadore@gmail.com

Ven, 14/08/2015 - 00:38

Rappresenta un cambio della strategia di vendita della piú o meno grande venditrice di fumo della terra. Vero é che la chiesa aveva bisogno di una spolverata, ma con questa solo aggiunge polvere al funo. Per una fantastica contraddizione siamo in presenza di una azion antiecologica che solo i poveri di spirito, o intelletto, non avvertono.

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 14/08/2015 - 07:58

Mi meraviglia che ci siano persone che credono alle "profezie". Dopo che un fatto è avvenuto, è molto facile dire "nostradamus l'aveva previsto".Basta cambiare qualche aggettivo, qualche sostantivo,qualche virgola, ed ecco a voi "la profezia si è avverata".

igna08

Ven, 14/08/2015 - 08:26

EFFETTIVAMENTE QUESTO PAPA STA UN POCHINO...ESAGERANDO.

FEMINE

Ven, 14/08/2015 - 10:37

Se finalmente in Tv e Radio "pubbliche", mantenute dal canone obbligatorio e dalla fiscalità generale, si facesse vera informazione e non ci propinasse venti volte al giorno cosa fa e cosa dice il gesuita assiso sul seggio di Pietro, anche di lui si parlerebbe ben poco anche in Italia come avviene fuori nelle altre nazioni "democratiche" cristiane e non. Ma il popolume senza testa e adorante esulta e gli batte le mani e i piedi come al concerto di Jovanotti...

giovanni951

Ven, 14/08/2015 - 11:23

un articolo eccezionale....speriamo che il Papa - e non solo - lo legga

HappyFuture

Ven, 14/08/2015 - 12:19

E sembra che il "pre-requisito" per scrivere sui media Italiani sembra essere quello di dichiararsi laico, come fa Ostellino subito. Nella Nazione dove ci sono qualche diecina di chiese per 100 abitanti, che per questo richiama milioni di turisti e di fedeli da tutto il mondo, vorrei capire che merito è quello di dichiararsi "laico" puro! Poi ci lamentiamo per come siamo trattati all'estero!

HappyFuture

Ven, 14/08/2015 - 12:22

Ad "ARKA43" vorrei ricordare che i 750 Euro al mese glieli sta passando lo stato "laico" Italiano!!!!! .... E non perchè gliel'abbia imposto la Chiesa.....

Francescoo

Ven, 14/08/2015 - 16:30

Ostellino crede di essere legittimato a fare il maestro! Forse è un buon giornalista, un discreto opinionista. Certamente non è un tuttologo. Parlare di argomenti a lui ignoti, spinto da ideologie retrive, laiciste e non sulla base di sana laicità è un azzardo. Ed ecco che mostra carenze di fondo. Speriamo recuperi!

Francescoo

Ven, 14/08/2015 - 16:32

Molti commentatori desiderano che nulla cambi. Egoismo ed ipocrisia stanno spesso insieme.

Efesto

Ven, 14/08/2015 - 16:35

Dott. Ostellino la guerra nucleare non si è fatta solo perchè la cosiddetta "bomba" era in possesso di civiltà consolidate come quella occidentale o quella russa (patria di Tolstoi, Cecov, ed altri..) e comunque sempre di stampo "cristiano", intendendo il cristianesimo soprattutto come civiltà. Pensi alle nuove aggregazioni "nazionali" teocratiche come il califfato. Prima o poi potranno accedere a queste tecnologie e credo non si faranno scrupoli. Per l'ambiente sono d'accordo con lei; l'argomento è trattabile solo dal punto di vista scientifico, altrimenti è solo politico come le ultime enunciazioni obamiane. In sintesi ritengo "laico" questo Papa perchè si rivolge sempre all'individuo ed alle sue specifiche responsabilità evitando precetti universali salva morale. Ciò che vale è il Daimon di Socrate.

Cheyenne

Ven, 14/08/2015 - 16:46

Nostradamus aveva perfettamente ragione. Io ho studiato 13 anni nelle scuole rette da gesuiti negli anni 50 e 60 e debbo dire che mi sono trovato bene e che conosco bene i gesuiti. Da là si usciva (in quegli anni) colti e laici anticlericali o colti e fantacattolici-progressisti-clericali come il nostro sindaco leoluca orlano cascio

opinione-critica

Ven, 14/08/2015 - 18:17

Da sempre la Chiesa a voluto il monopolio della gestione della povertà, mai si è impegnata per il superamento della povertà, dalle miserie altrui trova linfa e soprattutto donazioni che gli consentono di vivere agiatamente. Nessuno dice lo stipendio dei Vescovi o dei Cardinali, si vergognerebbero e si smaschererebbero.

Francescoo

Ven, 14/08/2015 - 20:22

La pace non si regge sulla paura delle armi, ma sulla giustizia. L'idea malata di Ostellino è che il più forte, il più fortemente armato debba avere egemonia sui deboli, sui poveri, sui non armati... Questo signore capisce bene che il più forte dominerà il mondo e non permetterà che altri si armino. Quindi non esiste neanche 'equilibrio' nel terrore, ma 'egemonia' della violenza. E come si permette questo signore di parlare di pace o di criticare il messaggio evangelico che Papa Francesco deve diffondere per evangelizzare? Laicisti e massoni vorrebbero avere il predominio nel mondo ma sono 'macerie' che non servono per edificare un mondo nuovo.

Francescoo

Ven, 14/08/2015 - 20:24

Speriamo che le persone intelligenti scrivano!

Ritratto di Stefano Tatai

Stefano Tatai

Ven, 14/08/2015 - 21:07

Per alcuni italiani la storia risorgimentale e cavouriana che segna la creazione di uno Stato non solo unito sulla penisola ma anche l'entrata nel consesso dei Paesi europei che in nome di un laicismo e del pensiero liberale ci consente di sentirci moderni e liberi a organizzarci democraticamente. Con Papa Francesco e la sua cricca di Cardinali rischiamo di stravolgere il nostro passato in cui, bene o male, si è realizzato il principio di una libera Chiesa in un libero Stato. Ci voleva un Papa Nero - gesuita - a tentare di farcelo dimenticare.

opinione-critica

Sab, 15/08/2015 - 01:04

Per Francescoo, credo che se studi un po' di logica diresti cose maggiormente congruenti con la realtà. Tempo addietro nei seminari prima di studiare filosofia si studiava logica. Guarda il primo volume di Sofia Vanni Rovighi, famosa filosofa cattolica, comincia dalla logica minor. Svegliati e studia, non criticare per impulso bestiale. La storia del cristianesimo si è imposta anche con l'uso della forza. Adesso si rischia di scomparire come cultura cristiana, resta solo l'ideologia e gli interessi economici e la propaganda per creduloni.

LB15

Sab, 15/08/2015 - 01:16

Ho davvero grande considerazione del dottor Ostellino, e ritengo che la lettura dei suoi articoli e dei suoi libri sia sempre utile, e pure il presente articolo è interessante e utile, perfino per il papa, credo però debba essere ricordato, anche a lui, che Pietro era soltanto un pescatore. Un saluto

HappyFuture

Sab, 15/08/2015 - 10:11

Intanto, grazie per gli Auguri laici che il Giornale ha messo in testata per la "Festa dell'Assunta"! Gli Italiani sanno che è la Festa dell'Assunzione di Maria in Cielo Anima e Corpo. Meno male che c'è ingerenza del Papa negli affari Italiani con l'INDIZIONE del Giubile Straordinario della Misericordia. Può darsi che nel 2016 darà una mano al Pil che langue! Grazie Santità! Buona festa dell'Assunta anche a Lei!

HappyFuture

Sab, 15/08/2015 - 10:31

Ostellino "motiva" la pace con l'equilibrio del terrore, che c'è stato nel '900. Ci andammo molto vicini alla guerra nucleare, nel 1962, con la crisi dei missili a Cuba. ... E grazie a Giovanni XXIII, Krusciov ordinò di invertire la rotta alle navi che portavano i missili e che si sarebbero scontrate con il blocco navale di Kennedy! La Storia i Papi, la conoscono così bene, che un altro Papa, Francesco, aiuta a ripristinare i rapporti diplomatici fra USA e Cuba. Buona festa dell'Assunta, Ostellino!

Francescoo

Sab, 15/08/2015 - 11:36

ah ah ! Dice Ostellino: "gli spiriti semplici, che sono i credenti". Invece Ostellino è uno spirito...complesso... ah!ah!

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 15/08/2015 - 18:40

Ora che abbiamo preso in considerazione le profezie di Nostradamus occorrerebbe anche consultare il mago Otelma.

@ollel63

Dom, 16/08/2015 - 10:27

lasciate che francesco cianci a vanvera ... non vi curate delle sue stron ... i paperi delle tv le riportano così come fanno con altre stron ...

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 16/08/2015 - 12:37

La Chiesa ricopre un Importante funzione positiva nell' anima e nel cuore di ciascun individuo, tracciandoci una via da seguire che condiziona anche il nostro comportamento in modo migliore. Poi starebbe a noi come mettere in pratica i dettami e tradurli in realtà. La stessa Chiesa diventa contro natura quando entra direttamente in politica volendo imporre le sue convinzioni. Sono capaci di disastri inimmaginabili.Lo Hanno dimostrato anche nella storia , con le Crociate e l' Inquisizione. Adesso con gli Immigrati, il buonismo a senso unico anche verso criminali e grande tolleranza a moschee e conquista eccessiva del territorio degli stranieri, porta fuori strada la Chiesa! Distrugge la nostra cultura e la nostra civiltà e mina la stessa sopravvivenza della Chiesa.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Dom, 16/08/2015 - 14:50

@HappyFuture (12:19) Perché pre-requisito? Non basta un semplice requisito? Che differenza c'è fra i due?

pgbassan

Dom, 16/08/2015 - 18:55

"Si vis pacem para bellum". Che non è necessariamente fare la guerra, ma essere pronti a sostenerla. Un esempio clamoroso il Tibet, pacifico e senza esercito praticamente: ha dovuto subire i cinesi ed essere decimati, sottomessi e inglobati. Nel novecento la paura reciproca ha impedito che si scatenassero guerre (nucleari, inevitabilmente). Sull'operato e orientamento di questo papa mi astengo da commenti scritti... #manente: parole pesantissime e purtroppo realissime.

Caiogracco

Dom, 16/08/2015 - 20:33

Mi compiaccio per la capacità esibita da Ostellino e da molti cortesi lettori di rivaleggiare in dottrina ed in teologia con il Papa. Veramente notevole vedere così tanti dotti (e tanto sapienti) accusare il Papa di quasi-eresia e di incapacità di cogliere i valori della Storia. Segno che 2000 anni di insegnamento della Chiesa sono ben superati dalla cultura di chi qui scrive!

NotaBene

Dom, 16/08/2015 - 22:19

Quello che vuole il papa, affinché la smetta di fare pressione per accogliere gli immigrati, specie quelli cristiani? Vuole l'intervento dell'Occidente in Africa per proteggere le enclavi cristiane.

HappyFuture

Dom, 16/08/2015 - 23:24

@tempus_fugit_888: fa un po' te: requisito, pre-requisito, vedo che hai capito cosa volevo dire... (Però ti posso dire che Laico significa "NON chierico; NON ecclesiastico; uno che non veste tonache, sai, talari, abiti da religioso/a! Ormai a laico gli si dà il significato di ateo, tanto per aiutare a confondere le idee!) Buona festa dell'Assunta fatta!

clod46

Dom, 16/08/2015 - 23:32

Io sono pienamente d'accordo con Ostellino, questo papa, e lo dico con molto dispiacere, perché penso di essere un buon cristiano, sta facendo diventare l'Italia alla stregua di un paese sud-americano, cancellando tutto il progresso fatto dal dopoguerra in poi dal popolo italiano con infiniti sacrifici. E poi è proprio sicuro questo papa? visto che la maggioranza per non dire la totalità di questi immigrati è di religione musulmana, che non ci stiamo dando la zappa sui piedi? E' proprio sicuro questo papa che quando gli immigrati si sentiranno più forti di noi,(e non ci vorrà ancora molto) non ci muoveranno una guerra di religione? visto l'odio arcaico che serbano contro i cristiani? Meditate gente meditate!!

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Lun, 17/08/2015 - 14:50

@HappyFuture (23:24) Con mio post delle 14:50 ti avevo chiesto di spiegarmi la differenza fra pre-requisito e requisito. Non capisco perché tu, anziché rispondere alla mia domanda, mi dia una spiegazione che non ho chiesto e non pertinente alla domanda posta.

pipeline71

Mar, 18/08/2015 - 18:43

I gesuiti. Sono cammuffati dappertutto, chi consapevolmente, chi meno. Ma sono una lobby dominante in questo paese. Non c'è da sorprendersi se Bergoglio stia riscuotendo successo. Non c'è niente da fare per la libertà di questo paese fin quando i liberali non riusciranno a far sentire nitida e sonante la loro voce nelle università, nelle scuole, nei media, nei gangli che costituiscono l'ossatura della nostra Italia. Contrapponendosi con coraggio ai detentori del potere reale. P.S. - Caro Ostellino, mi dispiace che la sua voce non sia più sul Corriere. Non conosco i fatti che l'hanno indotta a lasciarlo, ma posso immaginarli. Una voce come la sua avrebbe avuto più effetto su quelle colonne. Grazie.

liberalone

Mar, 18/08/2015 - 20:06

Dott. Ostellino, forse le sfugge che propagandare un mondo che non c'era e che non c'è è esattamente quello che ha fatto Gesù Cristo.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Mar, 18/08/2015 - 22:14

Ottimo articolo, condivido tutto. Mi stupisce che la chiesa cattolica continui a propagandare, utopisticamente, quel paradiso "in terra" dal quale Dio ha scacciato Adamo ed Eva, proprio per la loro mancanza di buona volontà nel rimanerci. Eppure sa bene che solo dopo il giudizio universale le cose "dovrebbero" sistemarsi, Michelangelo lo ricorda a tutti i papi eletti nella Cappella Sistina, e nell'attesa non resta che fare i conti con la dura realtà.

lupo1963

Mer, 19/08/2015 - 13:00

Povero o stellino .

gekkino

Mer, 19/08/2015 - 15:17

Il solito liberalismo anticlericale. Anche a me Francesco non piace, ma per il motivo che sta svendendo i valori cristiani in una società completamente regredita al paganesimo.

elpaso21

Gio, 20/08/2015 - 14:46

Tanto paga Paperone.

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Gio, 20/08/2015 - 17:14

Ma se continua così, piuttosto di stare in ansia per la distruzione che questo sta facendo del nostro mondo, non volendo rinunciare a Cristo, chiederò di essere accolto nella Chiesa Ortodossa. Basta con questo "papa" e basta soprattutto con i suoi vescovi. Che pena e che dolore!

Gurthang

Dom, 23/08/2015 - 13:23

Woityla fu eletto dalle potenze capitalistiche per distruggere l'impero sovietico. Io credo e spero che il papa attuale sovrintenderà alla rovina dell'impero statunitense con annessi e connessi (dai suoi satelliti europei alla religione liberista di regime).