E la polizia sorprende altri due sciacalli tra le rovine del borgo

Tra le macerie si aggirano anche finti soccorritori e falsi reporter. Si organizzano ronde contro i ladri

Roma - Due presunti sciacalli fermati nelle zone del terremoto, decine di segnalazioni in tutte le zone terremotate. Prima i sospetti e i racconti non confermati dalle forze dell'ordine, poi, mercoledì, i primi controlli e l'arresto di un sospetto. Ieri la notizia ufficiale che una squadra Polizia di Roma Capitale distaccata ad Amatrice ha fermato altre due persone. Presunti sciacalli. Si aggiravano tra le rovine di uno stabile sgomberato dopo il sisma. Un comportamento sospetto per gli agenti che li hanno fermati e, dopo un controllo, accompagnati in centrale. I due, italiani intorno ai trent'anni, sono risultati dei pregiudicati con numerosi precedenti per furto e rapina. I sospettati hanno dichiarato di aver viaggiato per 700 chilometri e di essere lì per aiutare.

Tra le segnalazioni più recenti, casi di truffa che vanno, se possibile, oltre il classico sciacallaggio. A Tolentino ci sono delle persone che si presentano presso le abitazioni dei privati, anche non danneggiate. Dicono di dover effettuare sopralluoghi e rilasciare permessi e poi chiedono soldi alle vittime.

Al lavoro contro gli sciacalli ci sono 80 poliziotti di Roma e delle Marche, più 17 agenti di Perugia. Poi le squadre dei carabinieri impegnate dal primo giorno ad accompagnare i proprietari delle case terremotate che vogliono andare a riprendere oggetti di valore e a mettere in sicurezza le abitazioni.

Come era già successo mercoledì quando è stato fermato un sospetto che trascinava un trolley tra le case abbandonate, le forze dell'ordine hanno dovuto difendere i presunti sciacalli dagli abitanti della zona che iniziavano ad inveire. Sono molti i terremotati che hanno deciso di restare a dormire vicino alle abitazioni per paura dei furti. Le cronache hanno parlato di Alberto, anziano che voleva passare la notte in una piazza di Amatrice armato di fucile. Un classico dello sciacallaggio sono i furti nelle aziende. È di ieri la notizia che i giovani agricoltori si sono mobilitati e, oltre a prestare aiuto e a soccorso alle aziende in difficoltà dopo il terremoto, hanno iniziato a organizzare ronde serali nelle campagne. Salvatore Paci, 33 anni, allevatore di Arquata del Tronto, ogni mattina gira con il camion nelle zone colpite dal terremoto per cercare di ritirare il latte munto nelle aziende delle aree più impervie, per evitare il rischio che vada buttato, il pomeriggio fornisce il proprio sostegno alle attività di soccorso messe in campo dalla Protezione Civile e la sera partecipa alle ronde anti- sciacalli con altri ragazzi.

La maggior parte delle segnalazioni delle ultime ore le hanno fatte direttamente le vittime. Un anziano ha lasciato entrare nella sua casa due persone vestite con la pettorina arancione dei soccorsi. Gli avevano detto che dovevano fare dei controlli, ma hanno portato via da casa gli oggetti di valore. Ieri circolava la notizia di persone che cercavano di entrare nelle case dei terremotati spacciandosi per giornalisti. In alcuni casi i ladri hanno mostrato false tessere di riconoscimento ai ladri.

Per ora nessuna segnalazioni di truffe sulle raccolte di fondi per i terremotati, ma si moltiplicano gli inviti a tenere alta l'attenzione.

Nei giorni scorsi Vita, il magazine del volontariato ha lanciato l'allarme. Sono già un migliaio le raccolte di fondi attive. C'è un precedente negativo con il terremoto di San Giuliano di Puglia, con un inchiesta della magistratura su fondi raccolti e mai arrivati ai famigliari dei bambini morti nel crollo della scuola.

Vita ha ricordato il vademecum per la buona raccolta di fondi del Forum del terzo settore. Le associazioni non profit che si attivano, devono dare garanzia di trasparenza e rendicontazione, l'accessibilità a tutte le informazione per i donatori. Al termine della raccolta si deve comunicare l'entità dei proventi raccolti sfruttando tutti i canali di comunicazione possibili.

Commenti

vinvince

Dom, 28/08/2016 - 09:05

Mozzate le mani a gli sciacalli ....

Ritratto di ohm

ohm

Dom, 28/08/2016 - 09:56

Per evitare tutto questo sciacallaggio basta istituire un solo numero di telefono o Iban E BASTA .tutte le altre iniziative sono fuorilegge. ...È COSÌ DIFFICILE. ...Ah!dimenticavo siamo in Italia!

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Dom, 28/08/2016 - 10:45

Hanno fatto 700 Km dal Trentino, o dalla Campania e Calabria?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 28/08/2016 - 10:52

"Sono già un migliaio le raccolte di fondi attive." Scusate il cinismo, ma troppe volte le raccolte tramite SMS sono finite nelle mani sbagliate. Su questo fervore peloso dovrebbe attivarsi la magistratura nazionale. Gli sciacalli peggiori sono quelli a capo di sedicenti associazioni benefiche.

il sorpasso

Dom, 28/08/2016 - 11:05

Metterli in galera per almeno 20 anni: credo che non ci saranno più sciacalli poi.

FRANZJOSEFVONOS...

Dom, 28/08/2016 - 11:25

SCUSATA QUESTI SONO VENUTI PER LAVORARE NON COME I GIORNALISTI CHE PARLANO PARLANO E NON FANNO NIENTE. SONO LAVORI CHE NON CONOSCONO SCIOPERI O DISASTRI. SONO ONESTI E LABORIOSI ITALIANI LAVORATORI. IN QUALE SINDACATO SONO ISCRITTI?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 28/08/2016 - 11:53

@ohm:....troppo semplice,ognuna di queste "ONLUS",vuole dimostrare di avere fatto qualche cosa,per dimostrare di esistere,di mantenere gli "animatori",che naturalmente lavorano gratis,e tutto quello che incassano,lo devolvono....Invece di controllare un solo canale,se ne dovrebbero controllare mille,per cui non se ne controlla nessuno....Siamo in italia!!

ted

Dom, 28/08/2016 - 14:53

Da marchigiano , scusate , ma devo sciogliere ogni dubbio sull'origine di questi esseri . Non è chiaramente gente della mia Regione .E' gentaglia che viene da fuori , per la precisione dal sud Italia e che purtroppo si è fatta viva in questa meravigliosa parte d'Italia da diverso tempo con rapine e misfatti vari. Questa è la Verità . Amen.

Ritratto di XxXpoiled

XxXpoiled

Dom, 28/08/2016 - 16:56

Scusa Ted il marchigiano onora la tua gente e la tua terra invece di profferire insulti, studiati un po di storia , e stai tranquillo che il Sud non viene a depredarti la casa ci pensa il governo per quello.

ted

Dom, 28/08/2016 - 18:16

XxX : A parte che ho detto solo la verità sulla provenienza delle persone che commettono certi fatti dalle mie parti e non solo .Capisco che lei sia originario anche di quei lidi ove ci sono anche persone dabbene ma scusi poi di quale Storia sta parlando ? E cosa c'entra soprattutto con l'articolo in questione? Ah , ma non starà mica facendo cenno alle fregnacce sulla prosperità del Regno delle due Sicilie prima dell'Unità d'Italia mica ?!! Saluti.

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 28/08/2016 - 20:13

Se al primo alto-là lo sciacallo di turno, o presunto tale, non si ferma subito restando immobile, gli si spara. Questa sarebbe una vera e infallibile "certezza della pena". Avvocati e magistrati potrebbero occuparsi d'altro. – (2° invio – mi pubblicate o passo ad altro ?9