Ferrara e Forlì, vittorie storiche del centrodestra

Finisce con un sostanziale pareggio il secondo turno delle elezioni comunali in Emilia Romagna. Un pareggio che ha il sapore della vittoria per il centrodestra che espugna Ferrara e Forlì, mentre il Pd tiene Reggio Emilia e Cesena

Finisce con un sostanziale pareggio il secondo turno delle elezioni comunali in Emilia Romagna. Un pareggio che ha il sapore della vittoria per il centrodestra che espugna Ferrara e Forlì, mentre il Pd tiene Reggio Emilia e Cesena.

A Ferrara il consigliere regionale leghista Alan Fabbri, che al primo turno ha sfiorato la vittoria (48,4%), vince il ballottaggio col 56,7% mentre il candidato del centrosinistra Aldo Modonesi si ferma al 43,3%. Fabbri, oltre al sostegno di tutto il centrodestra (Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia e due liste civiche) aveva conseguito anche l'apparentamento con la lista Giustizia Onore Libertà che al primo turno appoggiava Francesco Rendine (1%). Modonesi, invece, partiva dal 31,7% e guidava una coalizione composta dal Pd e da tre liste civiche a cui si sono aggiunte le liste che facevano capo a Roberta Fusari (+Europa e due civiche), esponente di sinistra che è arrivata terza con l’8,6%.

A Forlì la vittoria è andata a Gian Luca Zattini, candidato del centrodestra che al primo turno ha raggiunto il 45,8% contro il 37,2% del dem Giorgio Calderoni. Oggi Zattini, a capo di una coalizione composta da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Popolo della Famiglia e una lista civica, è stato eletto col 53%, mentre Calderoni, appoggiato solo dal Pd e da quattro liste civiche, si è fermato al 47%.

A Reggio Emila si riconferma il sindaco uscente di centrosinistra, Luca Vecchi che ha battuto lo sfidante Roberto Salati 63% a 37%. Al primo turno Vecchi, che si ripresentava sostenuto dal Partito Democratico, +Europa e da quattro liste civiche, aveva sfiorato la vittoria prendendo il 49% dei consensi, mentre Salati, appoggiato da Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia, si era fermato al 28,2%.

Tra i comuni superiori ai 15mila abitanti che tornavano al voto Cesena era la sfida più interessante. Qui ha vinto l'ex deputato del Pd Enzo Lattuca che aveva chiuso il primo turno in vantaggio 42,8% contro il 32,8% di Andrea Rossi, candidato civico alla guida di una coalizione di centrodestra. La vittoria di Lattuca è stata netta: 55,7% a 44,3%. Il centrosinistra si riconferma anche a Carpi dove Alberto Bellelli vince col 61% e a Maranello dove Luca Zironi supera il 65%. Risultati storici per il centrodestra nel comune terremotato di Mirandola dove Alberto Greco prende il 53% e Copparo dove Fabrizio Pagnoni ottiene il 56%.

Commenti
Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Lun, 10/06/2019 - 14:05

Lancio un appello: non andate a spendere nei comuni governati dalle sinistre. Evitateli come la lebbra! Andate in vacanza nei comuni governati dal centrodestra! Evitate anche gli stati comunisti come il Vaticano...