Hollande bandisce lo champagne

Il presidente: "Evitate di offrirlo all'Eliseo in occasioni ufficiali: è roba da ricchi" Ma chi è il suo consigliere?

François Hollande in conferenza stampa

Ah, les riches , delizia e tormento di François Hollande. Pur di prenderne le distanze, il presidente ha rinnegato il più universale e potente simbolo del produit de France . «Niente champagne, è cosa da ricchi» è la frase che il capo dello Stato avrebbe pronunciato di fronte a Pierre-Emmanuel Taittinger, capo della celebre e omonima maison , ordinando di metterlo al bando durante le cerimonie ufficiali all'Eliseo . L'erede della storica famiglia di viticoltori - per vendetta, bien sûr - ha spifferato a distanza di due anni alla stampa francese la circostanza che sburgiarda il presidente: la visita a Reims della cancelliera tedesca Angela Merkel l'8 luglio del 2012, anniversario della riconciliazione franco-tedesca. Fresco di elezione, il capo dello Stato avrebbe allora chiesto «una sola cosa per la cerimonia: non bere champagne perché lo champagne è cosa da ricchi». Uno schiaffo a Taittinger visto che cinquant'anni prima fu con una coppa in mano che il padre Jean - allora sindaco della città in cui la Germania nazista siglò la resa incondizionata nel '45 - accolse il cancelliere Adenauer e il generale De Gaulle.

Ma ora i tempi sono cambiati. All'Eliseo i ricchi approdano come sempre ma dissimulano come mai prima d'ora. Hollande in primis. Arrivato alla poltrona più ambita presentandosi agli elettori come il candidato «normale» contro il presidente uscente bling-bling - cioè un Sarkozy che esibiva Rolex e sceglieva vacanze di lusso sullo yacht del milionario Bolloré - il leader della gauche , scalato il palazzo del potere, ha tentato subito di rispettare la promessa elettorale, cioè tartassare i ricchi. Voleva inseguirli con una maxi aliquota al 75 per cento sui redditi oltre il milione di euro ma quando è arrivata la clamorosa bocciatura del Consiglio costituzionale - che l'ha reputata iniqua - la tassa anti-Paperoni è tornata sì, eppure in versione parecchio edulcorata, cioè sulle imprese e non sui beneficiari dei mega-stipendi. Parentesi chiusa.

Aperta resta invece la questione ricchi, croce e delizia del presidente, che non ha finito di tormentarlo nella sua versione identica e opposta, cioè nella nuova questione indigenti. «Si è presentato come un uomo che non ama i ricchi ma in realtà non ama i poveri» ha raccontato la ex compagna Valérie Trierweiler dopo essere stata lasciata con un comunicato di 18 parole all' Agence France Presse . «Lui, uomo di sinistra, li chiama sdentati ed è fiero del suo humour», ha scritto ancora massacrandone tutta la carriera politica nel best-seller di vendetta Grazie per questo momento . Hollande si è immediatamente premurato di negare: «I poveri sono la mia ragion d'essere, l'impegno di tutta la mia vita». Ma l'ex ha prontamente precisato chiudendo definitivamente ogni altro possibile duello verbale (o legale) sull'argomento: «Ho le prove e sono pronta a utilizzarle in caso di processo».

Ora è la volta dello champagne. Un altro sgambetto al presidente da chi si sente tradito, cioè i viticoltori di Francia. «Tassati e supertassati come se fossero un pericolo pubblico» - scrive Jean Nouailhac su Le Point prendendone le difese - sono loro ormai la Cenerentola di Francia. Impossibilitati a far pubblicità al prodotto di cui sono i primi esportatori al mondo e che ha portato nelle casse del Paese 7,6 miliardi nel 2012, i loro vini «controllati e supercontrollati come fossero prodotti da banditi e truffatori».

Fa rabbia sì, e ancora più rabbia fa che l'ex presidente Sarkozy dicesse di non bere vino e Chirac di non amare altro che la birra. Se poi ora Hollande demonizza lo champagne per strizzare l'occhio ai poveri, sembra davvero arrivato il momento per i viticoltori francesi di prepararsi a stappare le bottiglie per un nuovo inquilino all'Eliseo.

Commenti

Massimo Bocci

Mer, 03/12/2014 - 10:03

Finalmente una cosa di SINISTRA.......GAUCHE!!! Lo champagne, se lo berrà con i compagni e le COMPAGNE da solo all'ELISEO, finalmente la vera SINISTRA!!!! CHE VERITAS!!!

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 03/12/2014 - 10:25

Cialtronally Correct

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 03/12/2014 - 12:25

TAVERNELLO éER TUTTI!!!

Ritratto di Juan Carlos

Juan Carlos

Mer, 03/12/2014 - 12:43

Non e' un caso che sia il preseidente meno popolare di sempre, che pollo

nino47

Mer, 03/12/2014 - 15:49

Speriamo che il prezzo crolli come quello del petrolio, così potremo gustarcene di più, alla faccia di Holly!!!

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mer, 03/12/2014 - 18:44

Me lo vedo, alle cerimonie ufficiali, brindare con il vino di mele della Normandia, il buon vecchio cidre. De gustibus. Sekhmet.

Ritratto di gian td5

gian td5

Ven, 05/12/2014 - 12:01

Tipico atteggiamento sinistro, invece di garantire champagne a tutti, crea i presupposti per far sì che non ce ne sia per nessuno, in questo è simile ai suoi sodali, Stalin, Pol Pot, Castro e tutta la marmaglia di dittatori rossi.