Al Jazeera ordina: minimizzate la strage

La mail di un capo dell'emittente ai giornalisti: "Chiedete se lo slogan “IoSonoCharlie” è alienante"

Al Jazeera è l'emittente dell'Emirato arabo del Qatar

Minimizzare gli eventi per salvaguardare l'immagine dell'islam. L'assalto a Charlie Hebdo visto da Al Jazeera sembra avere un sapore più dolce, meno solidale col settimanale francese di quanto i media occidentali non stiano facendo. Uno scambio di mail interne, tra i vertici dell'emittente satellitare di proprietà del Qatar, rivela infatti come debba essere «letta» la strage: cioè non come un attacco ai valori occidentali.

Pubblicato on line dal National Review , il carteggio digitale vede protagonista il responsabile inglese del canale arabo, Salah-Aldeen Khadr, il quale sembra sminuire l'accaduto a Charlie Hebdo, chiedendo ai colleghi – giornalisti, operatori e anchorman – di allontanarsi dall'ondata di solidarietà che i media occidentali stanno esprimendo al settimanale. Una vicinanza espressa dallo slogan «Je suis Charlie», che il produttore esecutivo Khadr non condivide affatto. Lo scrive in privato, ribadendo la linea editoriale per la copertura degli eventi francesi, da cui si evince come al Jazeera non consideri gli insulti giornalismo, riferendosi alle vignette di «Charb». Non solo il responsabile della sede inglese Khadr critica lo slogan «Je Suis Charlie», chiedendo se non sia «alienante». Segue elenco di «suggerimenti» ai dipendenti per domandarsi se il massacro di mercoledì sia stato «davvero» un attacco alla libertà di parola, discutendo se alla globale messa in onda di locandine con su scritto «io sono Charlie» non si debba rispondere con «Noi siamo Al Jazeera».

«Difendere la libertà di espressione di fronte all'oppressione è una cosa, insistere sul diritto ad essere antipatici e offensivi solo perché si può è infantile», scrive Khadr. Alcuni giornalisti della tv – soprattutto americani – non l'hanno presa benissimo. Il corrispondente dagli Usa Tom Ackerman allega un link del New York Times come replica, insistendo sulla necessità di essere solidali con Charlie Hebdo «perché agli assassini non può essere consentito neppure per un attimo di pensare che la loro strategia possa avere successo». «Quello che Charlie Hebdo ha fatto non era la libertà di parola è stato un abuso della libertà di parola, a mio parere, tornate alle vignette e date un'occhiata!», scrive invece Mohamed Vall, corrispondente dal mondo arabo, che aggiunge: «Condanno queste uccisioni atroci, ma non sono Charlie». Ex di al Jazeera araba, prima di entrare nel 2006 in al Jazeera inglese continua: «Se insultate un miliardo e mezzo di persone è probabile che una o due vi uccidano». Tornano alla mente le pressioni sui servizi da mettere in onda denunciate da 22 tra giornalisti e tecnici egiziani delle rivolte al Cairo, con l'accusa di uno degli anchorman che arrivò a licenziarsi pur di rendere pubblico l'atteggiamento del canale. Un'agenda basata sugli interessi geopolitici di Doha, disse Karem Mahmoud. Oggi sembra esserci un altro argomento a favore della critica. Accusato di una copertura mediatica favorevole ai Fratelli musulmani durante le Primavere arabe, uno dei vertici della tv oggi si chiede se l'attacco a un giornale sia tanto grave da doversi allontanare da esso. Una macchia che preoccupa anche a fronte di altre accuse, quelle dell'Arabia saudita che imputa al Qatar di «sostenere i miliziani del Fronte di al Nusra in Siria che sono i rappresentanti di al Qaeda nel Paese».

Nel raccontare al mondo le Primavere arabe, i servizi di al Jazeera sono serviti in buona parte a far cadere regimi che davano fastidio alle ambizioni del Qatar di essere una potenza semi-egemone, basata sul denaro e sui precetti coranici. Se non ci saranno smentite resta la frattura tra i giornalisti che operano nel mondo arabo e quelli occidentali, assunti dopo le polemiche sugli «sbilanciamenti» editoriali che hanno colpito l'emittente e la linea di casa Qatar a cui non piace la libertà di critica, per cui sono morti i colleghi di Charlie Hebdo.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Dom, 11/01/2015 - 10:15

E questi sarebbero i moderati dell'islam. E con questi dovremmo dialogare. Caxxo ma sono proprio cechi quelli che non voglio ammetterlo.,

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 11/01/2015 - 10:16

E questi sarebbero i moderati dell'islam. E con questi dovremmo dialogare. Caxxo ma sono proprio cechi quelli che non voglio ammetterlo. E la barzelletta e che tutto sto casino e' sponsorizzato è finanziato di sottobanco da quegli Emirati del caxxo.

Ritratto di gangelini

gangelini

Dom, 11/01/2015 - 10:21

Ma guarda che caso: manipolazione delle informazioni come strategia giornalistica. Hanno imparato subito dai nostri sinistri.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 11/01/2015 - 10:36

Squallida TV araba. Si dovrebbero vergognare, ma non hanno alcuna dignità.

Fermi

Dom, 11/01/2015 - 10:37

Il sig. Mohamed Vall o mente o manipola o odia oppure giustifica dichiarando che "Se insultate un miliardo e mezzo di persone è probabile che una o due vi uccidano". Mettiamo in luce le sue contraddizioni. Uno di quei 3 terroristi islamici, per caso, non è quello che ha ucciso 4 Francesi innocenti SOLO perché erano ebrei? Cosa c'entravano con Charlie Hebdo? Continua...

gigetto50

Dom, 11/01/2015 - 11:02

...in questi tempi non ho a disposizione la parabole per andare sulle altre emittenti arabe...dal Marocco all'Egitto etc...ma sono convinto che nessuna enfatizzi l'accaduto, ancor meno lo slogan di cui sopra...

roberto.morici

Dom, 11/01/2015 - 11:19

Dichiarare "Io sono Charlie" è alieante...Andare in giro a ammazzare gente indifesa, gridando "Allah u Akbar", non è da scemi?

Fermi

Dom, 11/01/2015 - 11:23

Continua 2. E la giovane poliziotta di quartiere quando li ha offesi? Usando il ragionamento del sig. Mohamed Vall ogni volta che un mussulmano palestinese brucia la bandiera Americana, per fare un solo esempio di insulto, l'America dovrebbe sganciare una bomba atomica sopra alla città di Gasa? La legge del taglione è una BARBARIE. Forse i mussulmani pensano che nessun occidentale abbia letto con attenzione il Corano?

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Dom, 11/01/2015 - 11:44

La stupidità di Al Jazeera è immensa, ordinando di "minimizzare la strage" non si rende conto che la contro-reazione potrebbe essere identica e opposta, ovvero che un commando MINIMIZZI AL JAZEERA. Il terrorismo gli è sfuggito di mano, i movimenti erano controllabili attraverso i loro capi, ma I LUPI SOLITARI NO, sono fuori dalla loro sfera d'influenza mediatica e melliflua.

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Dom, 11/01/2015 - 11:51

Non molto sorprendente direi. Qualunque editore si comporta nello stesso modo quando notizie gravi minano particolari interessi politici, specialmente quelli della proprieta`. Al Giornale e a Mediaset dovrebbero saperlo bene.

GimmeSong

Dom, 11/01/2015 - 11:58

Un'altra vittoria di Charlie, far gettare la maschera ai "moderati" che o blaterano le solite favolette o minimizzando fatti e reazioni

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Dom, 11/01/2015 - 12:02

Mohammed Vall ha ragione nel dire che le campagne di odio, di qualunque tipo, possono risultare in qualche esaltato che mette in atto la teoria. Secondo me dovrebbe riflettere su cio` la redazione del Giornale, perche' l'odio razziale e religioso predicato da molti qui, sia giornalisti che commentatori, non e` dissimile da quello di certi leader religiosi estremisti: lessico violento, auspici di morte, intolleranza xenofoba...Un deficiente esaltato prima o poi fa il Breivik italiano.

wolfma

Dom, 11/01/2015 - 12:02

Fortunatamente abbiamo 3 criminali in meno, ma è poco, bisogna proseguire in questa opera di pulizia, eliminare fisicamente chi è sospettato di essere integralista. Bisogna usare le loro stesse tattiche, non porgere l'altra guancia!!!!

Ritratto di Chichi

Chichi

Dom, 11/01/2015 - 12:06

Leggendo quest’articolo, la mente torna alla manifestazione di ieri in pazza duomo a Milano. Sorge la domanda se sia Al Jazzeera che copia la spudorata astuzia della sinistra italiana o sia questa che riceve da quella le direttive. Le due sono all’unisono nel tentativo di placare, con infiniti distinguo, ogni possibile ed efficace reazione ai fiumi di sangue che si stanno versando in nome di Allah. Il progetto eurabia, per diventare realtà, ha bisogno del terrore ed ha bisogno dell’inerzia vile dei terrorizzati.

Ritratto di sempreforzasilvio#

sempreforzasilvio#

Dom, 11/01/2015 - 12:09

Anche il Qatar ha il suo TG4

Ritratto di Chichi

Chichi

Dom, 11/01/2015 - 12:09

Di sicuro c’è che ancora una volta la sinistra nostrana, dell’originario pci fino ai suoi epigono di oggi, Pisapia sel, no global (fior fiore di non violenti) compresi, si schiera sempre contro l’Italia. Gente nata, cresciuta e ben pasciuta in Italia. Bene accomodati, a migliaia, in redditizie poltrone, grazie alle quali distribuiscono con le nostre tasse grandi favori, successo spesso immeritato, notorietà fasulla e, soprattutto, briciole ad una enorme e variegata clientela. Uomini che si sono sostituiti ai «don» dell’antica nobiltà terriera, raramente amati o stimati, sempre riveriti e temuti. Ma vivono col complesso dell’esule. La patria che «d’amore» li «punge» e sempre un’altra: la Russia di Stalin, la Cina , Cuba, la Corea del Nord… Oggi la Germania, il califfato… Al dunque, di volta in volta, con queste patrie si sono schierati e si schierano. Fino all’inimmaginabile: affratellamento di fatto del vessillo rosso con quello nero.

Ritratto di Chichi

Chichi

Dom, 11/01/2015 - 12:11

Speranza da questa sinistra? «Siamo nel terzo milleeennio!», come continuano a dire loro. Uno spiraglio, se mai, lo vedo proprio nel Qatar. Questa mossa per smorzare le conseguenze negative della strage di Perigi, dice che in quella nazione non lavorano per il re di Prussica, ma fanno i propri interessi. Interessi di tipo imperialistico o coloniale, forse, ma sono i propri interessi non quelli dei loro avversari. Se per loro diventasse più vantaggioso spezzare le reni al revanscismo islamico, saprebbero come far ammainare le bandiere nere e come ricacciare in gola anche alla nostra sinistra i suoi tanti distinguo e le sue mezze verità.

vince50_19

Dom, 11/01/2015 - 12:18

Minimizzare? Non solo: anche mistificare! Così vogliono califfi e sceicchi? ambè..

supertop

Dom, 11/01/2015 - 12:21

Signori non scandalizziamoci troppo, la stampa italiana di destra o di sinistra, è maestra a manipolare le notizie a loro favore, e a dire falsità........non facciamone un dramma su, siamo tutti uguali in questo!

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 11/01/2015 - 12:51

I capi musulmani devono aver capito che hanno fatto un errore nel colpire i valori occidentali, perchè hanno unificato quello che volevano dividere. Solo la nostra sinistra, da stupidi quali sono, invece di unire tutte le forze insiste stupidamente per dividerle, facendo un favore immenso ai musulmani. Anzi, tuttora difende la comunità musulmana, non hanno ancora capito che siamo in pericolo e che i responsabili di tutto ciò sono soprattutto loro e i loro amici islamici.

treumann

Dom, 11/01/2015 - 13:01

Anche questo dettaglio dovrebbe far riflettere.

abacon

Dom, 11/01/2015 - 13:08

Son loro che mortificano e umiliano le persone,il guaio è che l'occidente non ha le palle per applicare sanzioni ai paesi islamici. Tutto qua.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Dom, 11/01/2015 - 13:09

CHE DOLCI CHE SONO COSTORO...UN GELATO AL VELENO...

Ritratto di pascariello

pascariello

Dom, 11/01/2015 - 13:11

«Noi siamo Al Jazeera».????? No voi siete delle m@rde che hanno sempre fiancheggiato ed aiutato il terrorismo, finanziati da quei b@stardi sceicchi a cui noi idioti versiamo versiamo miliardi in cambio del petrolio e che vivono nel lusso più sfrenato e non fanno nulla per le masse arabe più becere ed ignoranti, anzi le mantengono nell' ignoranza ed indigenza per farne un' ARMA da spedire a casa nostra per distruggere la nostra civiltà ed economia . Non è uno scontro di CIVILTA' perchè i vostri usi barbari non meritano di essere definiti tali!

ego

Dom, 11/01/2015 - 13:28

Ecco la prova di che cosa sia il vero Islam. I nostri fanfaroni di sinistra ne prendano atto. E se non ne vogliono prendere atto che vadano via dalle scatole e dall'Italia.

FRANZJOSEFF

Dom, 11/01/2015 - 13:31

ORA VERRANO IMITATI DA UN TELEGIORNALE DELLA RAI (E DOVRO' PAGARE IL CANONE) E ALTRA TELEVISIONE PRIVATA. DIMENTICAVO POI CI SONO 4 GIORNALI CHE OMETTERANNO ISLAM GUERRA SANTA. IDIOTI CHI SI FA INFINOCCHIARE. MA CHE SPERANZE HANNO QUESTI SINISTRI AMMETTIAMO CHE AIUTANO A FAR DIVENTARE LIBANESE QUESTA ITALIA PRESA IN GIRO DA VON METTERNICH. SI ILLUDONO CHE LA DIRETTRICE DEL TG 3 RESTA DIRETTRICE? GLI PETTERANNO LO SCAFANDRO NERO E LA BUTTERANNO A CALCI IN CxxO FUORI DALLA RAI E METTERANNO ALTRO GIORNALISTA. NON SANNO CHE LE DONNE (BRAVE O RACCOMANDATISSIME PERCHE' DONNE) SARANNO BUTTATE FUORI COMPRESE LE DONNE FREQUENTATRICI DI ORATORI CATTOCOMUNISTI? DOVETE AVETE IL CETRIOLO NELL'ANO PER CAPIRE? SCEME.

vince50_19

Dom, 11/01/2015 - 13:35

sempreforzasilvio# - Direi che è più attinente al Tg3, non al tg4 (che comunque non difendo, sia chiaro), visto che la sinistra sta scaricando addosso alla destra l'islamofobia, quando il giornale attaccato dai terroristi (fondamentalisti) musulmani è un giornale radical chic di sinistra. Ci vuole solo una gran faccia da .. per rigirare la frittata in questo modo, facendo altresì il gioco proprio dei militanti islamici.

Publio Sestio Baculo

Dom, 11/01/2015 - 14:02

Salah-Aldeen Khadr & Mohamed Vall siete due farabutti senza ritegno giustificando l'omicidio di un poliziotto musulmano, di una poliziotta francese, di innocenti civili ebrei in un supermercato e, ultimi ma non meno importanti, tutti i morti nella redazione del Charlie Hebdò. "«Se insultate un miliardo e mezzo di persone è probabile che una o due vi uccidano»" questa frase è la migliore prova della vostra mentalità contorta, illogica e deviata.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Dom, 11/01/2015 - 14:10

@Kommissar: Mi ha profondamente commosso, davvero, mi sto asciugando le lacrime con un lenzuolo. Lei dice "Un deficiente esaltato prima o poi fa il Breivik italiano". Dico davvero, mi ha fatto piangere la sua memoria CORTA. Più di un deficiente italiano alla Breivik li abbiamo già avuti, non ricorda ? Uno è quello che ha tirato una statuetta del Duomo di Milano a Berlusconi, per fortuna si è AUTO-LIMITATO, non è andato al cinema a vedere "SHOOTING SILVIO", il primo film del regista Berardo Carboni, prodotto nel 2006 e uscito nelle sale italiane nel 2007. Dai su, faccia un piccolo sforzo, ci dica che differenza c'è !

Fermi

Dom, 11/01/2015 - 14:20

Il sig. Kommissar cerca di buttarla sul piano politico. Sarebbe bene che, invece di essere generico, indicasse in modo circostanziato CHI è il commentatore, COSA ha detto "chi" e PERCHE' Lei non è d'accordo col "chi" a cui Lei genericamente si riferisce. Le ricordo che Al Jazeera ha già censurato la parte del filmato della soppressione di Fabrizio Quattrocchi, quella parte in cui dimostra quanto coraggio avesse quell'italiano rispetto alla vigliaccheria dei suoi aguzzini. Lei definisce questo un particolare interesse politico?

Fermi

Dom, 11/01/2015 - 14:31

sempreforzasilvio# è un ipocrita manipolatore. IPOCRITA: dice una cosa (il suo nickname e la foto) e ne fa un'altra (critica Mediaset anche quando l'argomento è Al Jazeera). Ci dica in modo circostanziato quali sono gli errori del giornalista de Il Giornale. Suvvia! Ci stupisca dicendo qualcosa d'intelligente invece di sentenziare genericamente! In tal caso potremmo forse replicare.

ego

Dom, 11/01/2015 - 16:58

per Kommissar----------------Si vergogni!!!