L'agenda politica rischia di saltare E torna l'ipotesi del voto anticipato

Non solo ius soli, tutto il calendario vacilla. Le trame di Calenda

Roma - Andare alle urne il prima possibile, per evitare il peggio. La notte di domenica, quella della bruciante sconfitta alle Amministrative, ha rimesso in moto la macchina del voto anticipato. Il Pd adesso ha paura, e le interpretazioni della debacle si moltiplicano. In tanti puntano il dito contro il decreto legge salva-banche venete: 5,2 miliardi di euro (che potrebbero diventare 17 miliardi) tutti a carico del contribuente. C'è anche dell'altro.

La batosta alle Comunali è l'ennesimo segnale di uno scollamento della base. Perdere Genova, Pistoia, Piacenza e persino L'Aquila impone una reazione. Ecco allora l'idea che ritorna: elezioni il 5 novembre, stessa data delle Regionali in Sicilia, per limitare al massimo l'effetto Beppe Grillo sull'isola. Un'altra disfatta, con le Politiche che si avvicinano, potrebbe essere fatale. Finora sono soltanto voci, come quelle riguardanti possibili revisioni di un'agenda parlamentare quanto mai «arrembante». C'è tanta carne al fuoco, a cominciare dalla ius soli, la legge sulla cittadinanza che divide il Paese soffiando il vento in poppa al centrodestra. Le nuove norme, già approvate alla Camera, torneranno in Senato questa settimana ed è difficile ipotizzare passi indietro. Se però Renzi dovesse scegliere un profilo più basso, alcune cose potrebbero cambiare. «Nessuno, in questo momento, vorrebbe essere nella testa di Matteo», commentano i parlamentari.

L'imperativo è salvare il salvabile. Lo spauracchio è il voto in Sicilia. Dopo il gran rifiuto di Pietro Grasso, che per correre alla presidenza avrebbe dovuto abbandonare la guida del Senato, è tornata la paura di una vittoria dei Cinque Stelle.

Se i grillini, strafavoriti, il prossimo novembre dovessero entrare a Palazzo d'Orleans, le conseguenze sul voto nazionale potrebbero essere pesanti. Torna a farsi strada, complice il cattivo risultato nei comuni e il naufragio della legge elettorale tedesca, l'ipotesi di mandare tutta Italia al voto assieme ai siciliani. L'obiettivo è duplice: arginare la valanga pentastellata sull'isola ed evitare che il Paese vada alle urne con una Sicilia grillina. Renzi, che per adesso ostenta tranquillità, è sotto assedio. Mdp lo ritiene il principale responsabile della sconfitta del centrosinistra. La minoranza interna cerca di mettere in discussione la sua leadership, e in quest'ottica il problema numero uno si chiama Carlo Calenda. Il ministro dello Sviluppo economico è considerato la principale alternativa per Palazzo Chigi.

Nelle ultime settimane l'ex ambasciatore a Bruxelles è entrato in rotta di collisione con il segretario del Pd. Il pomo della discordia è il ddl Concorrenza, arrivato ieri in aula a Montecitorio per la seconda volta. La legge, fortemente sostenuta da Calenda, è stata emendata in commissione grazie a un blitz disposto da Renzi in persona.

Una mossa che ha fatto andare il ministro su tutte le furie, provocando sommovimenti nella maggioranza. Sul testo, che le camere si rimpallano da 28 mesi, non verrà posta la fiducia. Meglio evitare guai.

Commenti

leopard73

Mar, 27/06/2017 - 08:50

PREPARATEVI AL TRASLOCCO INCAPACI LADRI.

Ritratto di Kjitt

Kjitt

Mar, 27/06/2017 - 09:01

provate a far passare lo Ius soli e il PD con tutti i minorati Dem spariranno dalla scena politica x i prossimo 30 anni.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 27/06/2017 - 09:39

La durata della legislatore dipende dal gruppetto di eletti nel centro destra che sono passati dalla parte sinistra, per propria convenienza. Ora basta che il Cav ne recuperi qualcuno e si arriverà presto alle elezioni, non appena i parlamentari medesimi avranno "tesaurizzato" il vitalizio.

Cheyenne

Mar, 27/06/2017 - 10:14

ma chi l'ha detto che i grillini vinceranno in sicilia??? Sicuramente perderà il pd e la sua corte dei miracoli da crocetta a faraone passando per raciti. Ma è partita che il centrodx può vincere.

aldoroma

Mar, 27/06/2017 - 10:30

Andiamo al voto cosi andate a casa tutti....andate a lavorare

ghorio

Mar, 27/06/2017 - 10:38

Sì, ma sarebbe ora che il governo affronti i veri problemi degli italiani, vale anche per le opposizioni, in primis per il centrodestra. Infatti stiamo assistendo a rituali e priorità ingiustificabili.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 27/06/2017 - 10:47

La durata della legislazione dipende dal gruppetto di eletti nel centro destra che sono passati dalla parte sinistra, per propria convenienza. Ora basta che il Cav ne recuperi qualcuno e si arriverà presto alle elezioni, non appena i parlamentari medesimi avranno "tesaurizzato" il vitalizio. La pagnotta prima di tutto, secondo la tradizione italica.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 27/06/2017 - 11:34

ahahahahah come godo! :-) io direi che pure i grulli dovrebbero finire ridimensionati anche in sicilia :)

maxvolt

Mar, 27/06/2017 - 11:57

Cari dirigenti del PD, l'Italia prima dello ius soli, dell'accoglienza dei migranti e delle unioni civili, ha bisogno di risolvere i problemi della disoccupazione giovanile, delle tasse, della sicurezza e della manutenzione di strade e città. Se non affrontate questi problemi, la distanza tra voi ed il popolo sarà sempre più grande e sarete destinati a morte sicura.

agosvac

Mar, 27/06/2017 - 12:11

Il voto anticipato è una pura illusione! L'unico che potrebbe concederlo è il Capo dello Stato che sembra essere molto contrario a che gli italiani si esprimano anticipatamente. Pertanto si dovrà aspettare alla fine di questa legislatura. In fondo mese più o mese meno nulla cambia visto che le indicazioni ricevute con le ultime elezioni amministrative sono tutte contrarie a questo Governo ed alla sinistra!!! Il Capo dello Stato non fa altro che "prolungare" l'agonia di questo Governo contro gli italiani!!!

OttavioM.

Mar, 27/06/2017 - 12:43

Questi sono fuori di testa,ci stanno traghettando quasi 14.000 clandestini in poche ore e vogliono fare lo ius soli? Ma questi dove vivono? Ma si rendono conto dei danni incalcolabili che stanno facendo? Ma neppure la peggiore sinistra anti-italiana avrebbe mai potuto concepire una politica così distruttiva per l'Italia e gli italiani. Ma speriamo di andare presto al voto e di mandarli il prima possibile a casa prima che distruggano completamente l'Italia.

acam

Mar, 27/06/2017 - 15:06

Renzi, per me s'è bruciato aveva sconfitto Berlusconi, come d'altronde aveva fatto Mortadella...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/06/2017 - 16:59

Illusi. Si vota nel 2018.

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 27/06/2017 - 17:45

Chi tocca Berlusconi muore! Frottolo andrà a fare compagnia al prode Prodi.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Mar, 27/06/2017 - 18:14

Fate passare lo Jus Soli.ALLE PROSSIME ELEZIONI VI VAPORIZZEREMO.