"È l'inizio della fine per l'Unione Ora si torni ai confini nazionali"

La leader dell'ultradestra francese: "È l'unico modo per difenderci dall'ondata migratoria. Prepariamo l'assalto alle prossime Europee"

Marine Le Pen, è la fine dell'Europa o l'inizio di una nuova Europa?

«È la fine dell'Unione europea. Ed è la liberazione dell'Europa. Perché la realtà è che l'Europa è nelle grinfie di una struttura sovranazionale carceraria e tecnocratica, che è andata avanti senza, e anche contro, la volontà dei popoli».

La crisi in Germania sembra, per ora, risolta. Angela Merkel resisterà?

«L'indebolimento della Merkel è inesorabile. Il vincitore è l'AfD, che ha smosso la Csu sulla questione migratoria, esercitando una forte pressione elettorale. I partiti anti-immigrazione ottengono risultati anche se non sono al potere».

L'accordo in Germania rischia di far crollare Schengen?

«È l'inizio della fine di Schengen. La Ue è impotente di fronte all'ondata migratoria. E il ritorno delle frontiere nazionali è la sola strada per fermarla».

Schengen è anche la più grande conquista della Ue.

«Nulla vieta accordi bilaterali fra Paesi confinanti per ragioni di protezione e sicurezza. È questo il futuro».

Kurz alla testa dell'Ue cambierà qualcosa?

«Lo spero, spero che faccia parte di quei dirigenti che non hanno il complesso di difendere i propri Paesi contro l'immigrazione clandestina che minaccia la nostra identità, le nostre finanze pubbliche, il nostro patto sociale. Spero applichi il programma per cui è stato eletto».

Questo non rende Macron ancora più forte? Ora è il leader più potente.

«Macron e Merkel danzano da soli in pista. La somma di due debolezze non ha mai fatto una forza».

Qual è il ruolo dell'Italia? Roma ha accelerato la crisi della Ue?

«L'Italia sta giocando un ruolo essenziale, rivelatore della debolezza dei governanti a favore dell'accoglienza dei migranti, ma meglio se a casa degli altri».

Il vostro partito, il Rassemblement National, è alleato con l'Fpö in Austria, il Pvv di Wilders in Olanda, lei e Matteo Salvini siete amici. State preparando la Lega delle Leghe?

«La storia ci tende la mano e sarebbe un peccato se i movimenti che condividono l'aspirazione di liberare l'Europa dalla Ue non si unissero per rappresentare un fronte unito, contro i mondialisti al potere il cui bilancio è disastroso».

Chi potrebbe essere il leader della Lega delle Leghe? Chi è il più forte?

«Ognuno nel proprio Paese rappresenta un'alternativa a un modello che ha fatto soffrire i nostri popoli, che è all'origine della deindustrializzazione e della povertà. Insieme dobbiamo combattere per liberare l'Europa. Il più forte è il più utile, chi è al potere e applica le nostre idee. Non ci sarà una battaglia per un capo, questa la lasciamo ai mondialisti. Ogni popolo che vince su sicurezza e libertà fa vincere tutti i popoli».

Ma ad avere la meglio in Francia è stato il progetto europeo. Le cose cambiano alla prova delle urne?

«Il nostro pensiero è stato deformato. Ci hanno presentato come oppositori all'Europa, noi ci opponiamo alla Ue. Non è la stessa cosa. Serve un'Europa della concertazione volontaria».

I numeri sono molto calati. L'immigrazione è ancora un'emergenza?

«Milioni di africani sognano di installarsi in Europa e il comportamento della Ue li incita a farlo. Abbiamo abbastanza lavoro, alloggi, fondi pubblici e un sistema scolastico per ospitarli? Certo che no. Ci dicono che l'immigrazione è una fatalità. Mi chiedo perché questa fatalità non riguardi il Giappone oppure l'Australia, che ha fermato i clandestini».

Come vi preparate alle Europee?

«Il nostro obiettivo è creare una maggioranza all'Europarlamento, oggi totalmente asservito alla Commissione. Sarebbe una vera rivoluzione democratica. Con Austria, Danimarca, Svezia, Germania, Italia e il gruppo Visegrad, potremmo costruire un gruppo maggioritario per evitare la fuga in avanti della Ue».

Ma niente più battaglia anti-euro?

«È una moneta pessima per cui Italia e Francia hanno sofferto tanto. Ma i francesi ci hanno chiesto tempo e glielo abbiamo dato. Ora la priorità è Schengen. Capitolo per capitolo, affronteremo anche gli accordi di libero scambio».

Intanto gli Usa ci fanno la guerra commerciale. Trump è un nemico?

«È un sintomo rivelatore. Il mondo sta voltando le spalle alla globalizzazione selvaggia. Tutte le grandi nazioni si ribellano alla libera circolazione anarchica delle migrazioni, al libero scambio totale. Tornano a un protezionismo ragionato. Possiamo disperarci oppure organizzarci per proteggere le nostre economie».

Lei si è appena riconciliata con suo padre. Ma le divergenze politiche restano. Quali?

«Lui ha 90 anni e la figlia che io sono è felice di vederlo riavvicinarsi a tutta la sua famiglia. Le divergenze politiche ci sono e perdurano: lui vede il nostro come un partito di contestazione, io di governo».

Commenti

Marguerite

Mer, 04/07/2018 - 09:00

Per Marine, i Francesi first....e i 600.000 Italiani Dehors!!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 04/07/2018 - 09:01

se così sara sarnno lagrime amare di sangue per l'Italia..

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 04/07/2018 - 09:02

Accordo sui migranti: Merkel è salva, mercati respirano (anche grazie a intervento Cina)

Fransino

Mer, 04/07/2018 - 09:08

Non è un ondata migratoria bensì una invasione pacifica dell'islam.Ci accorgeremo quando sarà troppo tardi. Piano piano invadono tutto; già ci sono le moschee. Già sono nei partiti di vari paesi. Un sindaco pure a Rotterdam, che per fortuna è neutrale. Mi preoccupo di miei figli e nipoti. Questi hanno molto pazienza e alla fine raggiungono lo scopo...

Marguerite

Mer, 04/07/2018 - 09:12

La Politica di sua nipote Marion Maréchal è valida....non la politica economica di sinistra che fa la Marine, se Marine avesse avuto una pòlitica economica liberale avrebbe vinto le elezioni, ma il suo partito è come un comunista accoppiato a un leghista !!!!!! E i Francesi non sono così stupidi di vedere la loro economia data a una comunista + fascista !

routier

Mer, 04/07/2018 - 09:26

Marine Le Pen sembra essere un OGM (organismo geneticamente modificato) in quanto è una delle pochissime donne con gli "zebedei"!

Oraculus

Mer, 04/07/2018 - 09:32

Da cosa nasce cosa...questa Europa e' come la "globalizzazione"...semplicemente non funciona!! . ed allora e' urgente porre in atto non ripieghi ma soluzioni...del tipo che chi fa da se' fa per...tre!!. Espulsioni e numeri chiusi per gli immigrati...VECCHI & NUOVI , senza ricongiungimenti failiari dovrebbero essere le nuove regole basiche per una Italia ed Europa autóctona...autóctona come lo fu per secoli!!.

nopolcorrect

Mer, 04/07/2018 - 09:41

Il giornalista Molinari de "La Stampa" ci ha informati che la Banca Mondiale prevede, per il 2050, l'immigrazione in Europa di 100 milioni di Africani. Questo è il desiderio di Lorsignori. A questa politica criminale i Paesi Europei tutti devono opporsi con tutte le forze, Forze Armate comprese.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 04/07/2018 - 09:53

pazza e magari ci facciamo la guerra uno contro l'altro come vorrebbe Trump.

acam

Mer, 04/07/2018 - 10:21

franco-a-trier_DE Mer, 04/07/2018 - 09:01 se così sara sarnno lagrime amare di sangue per l'Italia.. ohi restituisci il passaporto italiano noi sono 2774 che sappiamo fare da soli tu poi rimanere chon la tua Merkel che ö da 24 che fal asbruffona ede sta finendo male

acam

Mer, 04/07/2018 - 10:24

l'europa deve tornare ad essere a 15 li funzionava

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 04/07/2018 - 10:28

Ha ragione da vendere. Come dice Salvini, l'africa in europa non ci sta. Io aggiungerei che un neocolonialismo capitalista e liberale sarebbe una razionale opportunità di sviluppo e civilizzazione per i paesi africani che ci si affidassero, ed un'ottima occasione di sviluppo economico per l'europa.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 04/07/2018 - 10:29

---un'europa di singoli stati da un punto di vista economico a chi giova?---alle grosse potenze economiche of course--se l'europa si disgrega gli americani ed i russi zompano e ridono----e da un punto di vista delle migrazioni la fine della ue chi danneggerà?---tutti quei paesi che si affacciano sul mediterraneo---l'italia in primis of course---che dovrà grattarsela da sola senza l'aiuto di nessuno---per i paesi che non hanno sbocchi al mare sarà un giochetto da ragazzi blindarsi le frontiere terrestri---ma noi come faremo da soli a blindare i mari e bypassare anche le leggi dell'aiuto marittimo alle barche in difficoltà?---tutto il pescato ce lo dovremo tenere ---swag ganja

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 04/07/2018 - 10:34

acam, cesso io sono italiano se potessi avere un passaporto tedesco avrei già restituito quello italiano dopo quello che si legge in Italia, massa di comunisti parassiti vorreste essere mantenuti dalla Germania ma vi sbagliate.Andate a lavorare e pagate tutti le tasse leggere...che non siete altro..

Cicaladorata

Mer, 04/07/2018 - 10:45

C'è un problema di fondo molto importante: negli ultimi 20-10 anni l'Italia è stata obbligata, da leggi europee sbagliate e stupide, a dare la nazionalità italiana ed il diritto di residenza a milioni di africani/mussulmani. Adesso queste politiche, accettate dai Governi italiani che hanno NON hanno fatto gli interessi dei propri cittadini, si ritorcono contro noi stessi. Gli africani e mussulmani che dall'Italia poi si sono disseminati in Europa, al minimo accenno di restrizione verranno ributtati in Italia. Per decreto, si dovrebbero togliere tutti i titoli e documenti italiani a quelli arrivati da Africa ecc.. e riconcederli solo se utili allo Stato.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 04/07/2018 - 11:02

routier prova a dire a la Le Pen che vada a fare un giro in Algeria dove suo padre anni orsono quale legionario della Legione Straniera massacrò torturò donne vecchi e bambini.

nopolcorrect

Mer, 04/07/2018 - 11:12

@Contenextus. Giustissimo, gli Africani stanno dimostrando di non essere capaci di governarsi da soli. Anche il famoso "Piano Marshall" vagheggiato da Berlusconi e Tajani sarebbe un buttare acqua in un secchio sfondato. Purtroppo siamo ancora al "White man's burden" di Kiplinghiana memoria. Può non piacere ma la realtà ha, notoriamente, la testa dura.

VittorioMar

Mer, 04/07/2018 - 11:18

....attendiamo con ansia GIUGNO 2019 !!!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 04/07/2018 - 11:20

Non sono io a essere d'accordo con la Le Pen ma è lei ad essere in sintonia con me quando da anni dico che l'invasione extracomunitaria è la vera questione antropologica che farà finalmente crollare quella cosa artificiale che si chiama 'Unione Europea'. Comunque brava la Le Pen. Solo una tiratina d'orecchi quando, due anni fa, nell'illusione di potere attirare voti centristi, utili per la propria elezione a presidente della Francia, incautamente mise da parte il tema fondamentale del ripristino in Francia della 'sacra pena di morte'. Al contrario deve riprendere al più presto questa vera, unica, grande battaglia di civiltà per ridare dignità prima alla Francia e poi all'Europa intera che, a quel punto, non potrà che seguire il superiore esempio francese. Sotto questo aspetto, Salvini ha molto da imparare dalla Le Pen.

Pinozzo

Mer, 04/07/2018 - 11:34

Questa e' scema, vuole rimettere le frontiere interne nell'UE, e' l'opposto di quel che bisognerebbe fare, rinforzare le frontiere *esterne* dell'UE. Vuole disgregare l'UE, non capisce che siamo forti solo se siamo uniti, altrimenti in un mondo con potenze come USA Cina e Russia (e India) presi singolarmente non ci hanno per i fondelli (a noi italiani poi men che meno). Per fortuna in Francia non vincera' mai.

tonipier

Mer, 04/07/2018 - 11:35

" LA VORACITA' DEL CAPITALISMO AMERICANO" L'euforia liberalistica seguita alla implosione del comunismo non teneva in conto che dopo essersi sbarazzata di una muta di cani, l'Europa si sarebbe trovata esposta alla ferocia di branchi di tigri.

Reip

Mer, 04/07/2018 - 12:05

Non capisco dive sia la notizia! In Francia ci sono i militari armati al confini, che assieme alla polizia francese controllano TUTTI, inclusi gli italiani. In Austria lo stesso se non peggio e in Svizzera da sempre non si passa! La Gran Bretagna e’ fuori dall’Europa. In Belgio oramai per le strade ci sono piu’ militari che civili, Nell’est Europa trionfano i partiti di estrema destra nazifascisti e si costruiscono muri e reticolati! Gia’ adesso di fatto si e’ tornati ai confini nazionali... Solo l’Italia ha anacora i confini aperti all’invasione dei finti profughi clandestini... Ma non durera’! Rischio guerra civile! Non vedo dove sia la novita’...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 04/07/2018 - 12:36

i confini dovevano esistere solo per noi, Italia, Francia, Germania, Austria, Ungheria e Spagna. Il resto dovevano essere controllati, come i Paesi piccoli e dell'est. Invece qui gira qualunque cosa.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 04/07/2018 - 12:39

@Contenextus l'Africa ci sta nell'Italia in 0,0000001 con riporto di 100.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 04/07/2018 - 12:46

Le Pen e Salvini: due popoli, una guerra. Il nemico da abbattere è la UE (non l'Europa!) e va abbattuta. Vanno chiuse le frontiere, va reso necessario il passaporto ed il visto per passare da uno stato ad un altro(salvo accordi tra stati ideologicamente affini, come ad esempio con la Francia di Le Pen, l'Austria di Kurz, l'Ungheria di Orban, la Russia di Putin), vanno imposti dazi alle merci estere che danneggiano le industrie nazionali, vanno espulsi tutti gli stranieri che occupano indebitamente posti (chi ha assunto o vuole assumere uno straniero DEVE DIMOSTRARE che nessun cittadino sia in grado di occupare quel posto). Solo così l'Europa degli stati indipendenti si salverà dalla contaminazione aliena.

amecred

Mer, 04/07/2018 - 12:49

Questo e' il risultato delle bugie del PD. hanno raccontato un sacco di balle sui clandestini, facendo credere agli italiani che tanto poi avremmo scaricati in Francia ed in Germania. L'italia da anni viola i trattati europei, ed e' per pura compassione che non ci hanno ancora cacciato da Schengen. Siamo noi i fuorilegge. Prima la smettiamo di raccontarci balle, meglio e'. I clandestini sono e rimarranno sempre nel paese dove sbarcano. Punto. Se gli italiani li vogliono, come hanno fatto fino ad adesso, mettano mano al portafoglio e li mantengano. Se non li vogliono, che li respingano come fanno tutti gli altri paesi del mondo. basta raccontare bugie.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 04/07/2018 - 14:02

@amecred, il problema è, che chi non li vuole forse sarà proprio lui ad essere obbligato a mettere mano al portafogli.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 05/07/2018 - 07:42

la Europa deve restare unita o sarà la fine..