L'Unesco ratifica la vergogna. "Il Muro del Pianto è arabo"

Confermato a maggioranza l'antistorico voto di giovedì scorso. E l'Italia contribuisce astenendosi

È un bagno di realtà il voto di ieri all'Unesco, in cui si è stabilito che secondo la maggioranza del mondo gli asini volano, che Roma non è mai stata la sede del papato, ovvero che la luna è fatta di formaggio, cioè che Gerusalemme è un sito solo musulmano e in particolare lo è il monte del Tempio col Muro del Pianto, chiamato nella risoluzione votata solo «complesso della Moschea»: la risoluzione, purtroppo reale, che è stata votata ci dice infatti che le decisioni e le opinioni espresse dall'Onu e dai suoi succedanei su Israele sono pura menzogna, veleno distillato sui principi stessi della conoscenza, negazionismo pari a quello della negazione della Shoah, distruzionismo pari a quello dell'Isis su Palmira. Da questo momento dunque, per chi ha un cervello, forse ci sarà più attenzione a non bersi senza discutere le mille risoluzioni contro Israele dell'Assemblea dell'Onu, del Consiglio di Sicurezza, del Consiglio per i Diritti Umani. La maggioranza che vota è sempre la stessa; gli stessi sono i Paesi occidentali che non sanno dire di no a un'assurdità come quella che ieri è stata statuita.

Ma che cosa può avere portato la Russia e la Cina a votare per l'arabizzazione di Gerusalemme se non la fame di potere e l'interesse? Che cosa ha condotto l'Italia, che ospita a Roma l'arco di Tito con i bassorilievi degli ebrei in catene con la Menorah, prova provata della loro appartenenza a Gerusalemme; che cosa ha spinto la Grecia, che mai vorrebbe veder discussa la sua eredità storica, ad astenersi? Ma tant'è: 24 nazioni spudorate, per la maggior parte islamiche, hanno votato a favore; 26 pusillanimi fra cui l'Italia si sono astenute; 6 coraggiose hanno votato contro, Stati Uniti, Gran Bretagna, Lituania, Olanda, Germania, Estonia. Si cerca qualche consolazione nell'idea che oggi il voto è meno unanime di quello che sarebbe stato in passato. Ma è poca roba. Le polemiche che lo hanno accompagnato vedono il gesto notevole dell'ambasciatore del Messico Andres Roemer che ha lasciato la sala e ha tentato di cambiare il voto negativo del suo Paese, ed è stato poi licenziato; il tentativo del presidente tedesco del direttivo Michael Worbs che ha espresso opposizione e ha tentato di posporre il voto e poi è stato costretto a autosospendersi; e infine il capo dell'Unesco Irina Bokova, che si era espressa contro e che ha ricevuto quindi minacce di morte e il rafforzamento della scorta.

È un paradigma indispensabile: la violenza accompagna sempre il furioso odio antisraeliano e anticristiano. Le minacce di morte vengono insieme alla difesa di Israele e dei cristiani. Gesù Cristo è l'icona perfetta della storia ebraica a Gerusalemme: era ebreo, anche lui non c'è mai stato per l'Unesco? O ha salito lo scalone del Tempio di Erode e ha predicato ai mercanti? Flavio Giuseppe ha descritto minuto per minuto la presa di Gerusalemme da parte dei Romani, nei secoli fino a Beniamino di Tudela, Mark Twain, Winston Churchill, chi non ha testimoniato l'amore totale del suo popolo per quel luogo? Persino Giuseppe Verdi l'aveva ben capito, come si canta in «Va' pensiero».

L'aggressione dell'Unesco non è nuova, esso è sempre stato uno dei corpi più estremisti e corrotti delle Nazioni Unite. Ma stavolta la sua funzione può essere utile. Questo è di prima categoria: si tratta della distruzione culturale di un pilastro della storia, quello della fondazione delle religioni monoteiste. L'attacco agli ebrei ha sempre avuto il segno della distruzione del Mondo Occidentale, della guerra, del terrorismo. Non c'è nulla di strano nel fatto che i Paesi occidentali si siano astenuti nella buona parte: si sono sempre girati dall'altra parte di fronte all'odio degli ebrei accompagnata dalla denigrazione di Israele.

Commenti

ohibò44

Mer, 19/10/2016 - 12:11

Fuori dal palazzo dell’ONU sventola una moltitudine di bandiere: non hanno il coraggio di esporre anche quella del III Reich, si limitano ad insegnare l’antisemitismo col loro esempio

Vitiana

Gio, 20/10/2016 - 09:20

Non c'è da stupirsi. Quando le risorse di Israele fanno comodo si sfruttano, in ogni ambito, dalla politica, alla sicurezza etc etc. Poi subentra un'atavica paura e allora si ritorna ad essere ignobili! Ancora una volta sono di scena la vergogna e l'oltraggio.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 20/10/2016 - 13:11

La spianata delle Moschee É ARABA e non ISRAELIANA. E Gerusalemme NON É riconosciuta come la Capitale di Israele proprio da nessuno! Cosa c'entrano Ebrei e Musulmani (seguaci di religioni entrambi e non etnie o nazionalità)? Forse che i fedeli Ebrei dall'avvento dell'Islam non hanno sempre pregato alla base del muro senza essere disturbati?

lucaberardi

Gio, 20/10/2016 - 14:06

Il "fanatico" Omar dice il falso dato che durante l'occupazione giordana di Gerusalemme (capitale riconosciuta dal diritto internazionale di Israele) dal 1948 al 1967 è stato impedito l'accesso al Muro del Pianto a tutti gli Ebrei, mentre Israele non ha mai vietato l'accesso al Monte del Tempio ai Mussulmani