Malta nuova base jihadista 4 fermati nei nostri aeroporti

Lo staterello mediterraneo è una meta turistica che fa pochi controlli. I terroristi userebbero La Valletta per le loro transazioni finanziarie

Quattro arrestati lo stesso giorno, tutti siriani, in due aeroporti diversi d'Italia, Orio al Serio e Ciampino, quattro passaporti falsi e un'unica destinazione: Malta. Nella mappa mondiale del nuovo terrorismo il nome della piccola isola del Mediterraneo in questi giorni non era mai comparso.

Ora invece spunta per due volte, in circostanze gemelle e piuttosto inquietanti, non solo per la vicinanza con gli attentati francesi, ma perché a Orio al Serio la polizia aeroportuale ha trovato molto di più di due documenti falsificati, uno norvegese e uno austriaco: sul telefonino di un siriano fermato, Alali Fawaze, 30 anni, c'erano foto di uomini che imbracciavano il mitra, e uno dei fotografati era con alte probabilità proprio il «viaggiatore». In questo scatto non compaiono simboli dell'Isis, presenti invece in un'immagine sul cellulare dell'altro arrestato, Azma Alari, 19 anni, accanto a un uomo a volto coperto.La procura di Brescia ha aperto un fascicolo per reclutamento e addestramento con finalità terroristiche, e, con i nuovi fermi di Ciampino, la lente delle indagini dell'antiterrorismo sta iniziando a spostarsi con più attenzione sulla Valletta.

Esiste una pista maltese? Malta potrebbe essere una semplice base aeroportuale di triangolazione in area Schengen per i viaggi verso e dalla Siria di personaggi equivoci, base «bancaria» eletta per il deposito di fondi, o vero e proprio snodo logistico? L'isola ha alle spalle una lunga storia di pluralismo religioso, ma, secondo gli esperti, dalla caduta di Gheddafi qualcosa è cambiato all'interno di alcune comunità. Sono arrivate molte persone dalla Turchia, dalla Libia e da altri Paesi dove il radicalismo prevale. In un centro islamico sarebbero stati addirittura buttati alcuni libri di studio del periodo precedente al 2012. È passata piuttosto sotto silenzio la notizia, lo scorso febbraio, del ritrovamento delle scritte «Death to Christians, 1-3-2015», morte ai Cristiani, su un muro a Qrendi e su due autobus.

Il passaggio da Malta potrebbe però essere anche un metodo utilizzato da parte di chi vuole andare e venire dai Paesi dove imperversa il Califfato tramite la rotta aerea senza destare sospetti ai controlli. La Valletta è una meta turistica e finora non c'erano controlli sui cittadini dell'area Schengen, procedura che invece è cambiata dopo Parigi. Secondo un altro scenario l'isola potrebbe essere, o rischia di diventare, un luogo di deposito fondi sotto copertura, o di riciclaggio, del sempre più ricco impero di Al Baghdadi. Potrebbe essere insomma un «comodo hub finanziario», valuta Arturo Varvelli, ricercatore dell'Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale), esperto di terrorismo. Un punto di appoggio «logistico e organizzativo» anche per procurarsi «documenti falsi», un'attività in cui purtroppo l'Italia primeggia.

L'Italia e Malta potrebbero quindi essere in questo momento due «corridoi di passaggio» per fondi e documenti. I due siriani sono stati controllati a Orio al Serio perché parlavano soltanto arabo pur avendo passaporti europei. Una circostanza all'apparenza casuale, che ha permesso però di risalire ai documenti falsi e alla foto sullo smartphone. E i telefonini dei due sono ora preziosi strumenti di indagine nelle mani degli investigatori. I due fermati a Ciampino sono giovanissimi: 18 e 19 anni, passaporti falsi francese e norvegese. L'arresto è avvenuto lo stesso giorno, mercoledì, anche se dell'operazione romana si è avuta notizia soltanto venerdì. Gli scopi dei quattro arrestati sono tutti da accertare, ma sembra difficile che fossero diretti a un party a Malta che si svolgeva in quel giorno. Uno di loro aveva chiesto asilo politico in Austria.A proposito di Malta, ieri l'inglese Independent riportava frasi piuttosto sconcertanti dell'ex premier (quadriennio 83-87) Karmenu Mifsud Bonnici, secondo il quale «se Malta consente alle navi francesi di entrare nei suoi porti, deve consentire di entrare anche alle navi provenienti dallo Stato islamico. Non possiamo trattare alcuni Paesi come alleati e altri come nemici». Valanga di commenti increduli sul sito del quotidiano.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 22/11/2015 - 08:40

ecco perchè c'è calma in medioriente, hanno avuto istruzioni e si sono sparpagliati nel mondo. E noi bombardare a solo dei fantocci. Dovevamo menare molto prima quando sapevamo a quale città stavano attaccando. Sapevamo che attaccavano Palmira e siamo stati con le mani in mano.Attaccavano in Libia, idem.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 22/11/2015 - 09:10

Ma se gli investigatori, sanno che in Italia, abbiamo tanta delinqueza che pur di fare danaro, venderebbe la loro madre, e la propria famiglia,"""PERCHÈ ALLORA LI LASCIANO IN CIRCOLAZIONE""" ???

paco51

Dom, 22/11/2015 - 09:31

LA COLPA è NOSTRA: O PèERLOMENO DI ALCUNI DI NOI......

vince50_19

Dom, 22/11/2015 - 09:32

Davvero? Anche a Malta "pecunia non olet"..

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 22/11/2015 - 10:43

Abbiamo fatto carte false per Schengen. Ed ora ne godiamo appieno le delizie.

mariod6

Dom, 22/11/2015 - 10:45

Malta, posto bellissimo, è sempre stata la base delle attività libiche, anche durante il lungo embargo. E credete che abbiano cambiato abitudini ?? D'altronde sono loro che rifiutavano di soccorrere i barconi e chiamavano la Guardia Costiera Italiana.

agosvac

Dom, 22/11/2015 - 11:52

E ci mancava pure Malta!!! Non bastava la Turchia di Erdogan, non bastava Obama, ora c'è anche Malta. E pensare che Malta, per diversi secoli, ai tempi gloriosi, ormai purtroppo passati, dei suoi Cavalieri, era stato un baluardo della Cristianità contro l'invadenza islamica!!!

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 22/11/2015 - 12:18

questa religione subdula e falsa ,crea persone periocolose e prive di ogni pieta´per chi non e´dei loro, certo Malta e´una base strategica sia per il sitema economico finanziario sia per la posizione geografica, la storia insegna..Líslamico sa come fregare lo stuoido europeo, in quanto sin dalla tenera eta´vine indottrinato a pensare come e cosa fare, altro che innocenti ragazzini e non solo, aspttate epaghermo caro tutto questo

mborrielli

Dom, 22/11/2015 - 12:31

In passato tutti coloro che volevano fare affari con la Libia dovevano passare per Malta per poter aggirare l'embargo. Niente di nuovo purtroppo.

Tuthankamon

Dom, 22/11/2015 - 13:29

Certo che i Maltesi dovrebbero intendersene di Arabi e musulmani vista la loro storia! Comunque alcune colpe risalgono anche alla politica italiana che non fa nulla per creare e soprattutto mantenere una sfera di influenza.