Messaggi trasversali, pugni e cavilli: l'avvocato del diavolo odora di zolfo

«Non sono un personaggio troppo amato, ma non mi interessa. Quando c'è da difendere, difendo. E se c'è da prendere qualche schiaffo meglio farlo a testa alta». Detto, fatto: i ceffoni per il cosiddetto «Avvocato delle canaglie» sono stati recapitati ieri, pochi giorni dopo la sprezzante dichiarazione. Sven Mary, il difensore del più importante terrorista arrestato dall'Occidente da Osama Bin Laden in poi, memore forse del suo passato da speranza calcistica nelle giovanili dell'Anderlecht, sarebbe stato aggredito da uno sconosciuto ma avrebbe avuto la meglio, pur essendo un peso leggero. Temendo per l'incolumità dei collaboratori, avrebbe poi chiuso lo studio.

C'è della nobiltà nel difendere l'indifendibile ed è chiaro che Sven Mary, 43 anni, considerato tra i dieci legali più noti del Belgio, ne è consapevole. Tutta la narrativa che lo circonda, aggressione inclusa, è funzionale a dipingere un Don Chisciotte «litigioso». «Ogni avvocato con un po' d'orgoglio lo è», ha confidato al quotidiano fiammingo De Standaard, che ne celebrava le capacità di fine giurista, esperto di procedura, tanto da riuscire a prolungare ad arte qualunque processo. Mary si inserisce in un filone che affonda le radici nel diritto ecclesiastico, con la figura dell'adbocatus diaboli, chiamato dalla Chiesa a mettere in discussione le virtù degli aspiranti alla santità. Nella cronaca ogni tanto affiorano personaggi così. Vedi Giovanni Di Stefano, il legale molisano che non si è fatto mancare nulla, dall'amicizia con la «tigre» Arkan alla difesa di Saddam Hussein e di Slobodan Milosevic.Il carnet di Sven Mary del resto è competitivo: ha patrocinato le sorti legali di alcuni tra i più noti casi di stupratori in Belgio, tra cui Michel Lelievre, complice del pedofilo Marc Dutroux, ma anche di mafiosi e grandi trafficanti di droga. Anche qui niente di anomalo, tutto rientra nel personaggio e nel suo motto: «Se qualcuno è descritto come nemico pubblico numero uno, voglio combattere questo abuso di autorità». E ci sta.

Chi ha amato Atticus Finch e crede nello stato di diritto non può né sorprendersi né scandalizzarsi per questo. Ma nel caso di Sven Mary c'è qualcosa di più. Forse solo un'ombra, un'impressione stonata. Figlia innanzitutto dell'affacciarsi tra i suoi ultimi clienti di esponenti di spicco del radicalismo islamista. Prima di Salah Abdeslam, c'era Fouad Belkacem, capo di Sharia4Belgium, movimento finito al centro del più grande processo per terrorismo mai celebrato a Bruxelles.Ma non è tutto: è sun maestro nella gestione mediatica dei casi, ma tempi e modalità del suo ingaggio restano un mistero. Il 16 marzo la polizia belga compie il blitz nell'appartamento del quartiere Forest di Bruxelles in cui vengono trovate le impronte di Salah, catturato due giorni dopo.

Ma, raccontando dettagli folcloristici della cattura del terrorista, tipo che sarebbe stato beccato per aver ordinato troppa pizza, pochi ricordano che il 14 marzo, quattro giorni prima, era circolata la voce, non smentita da Mary, che Salah lo aveva contattato per assumere la sua difesa. L'avvocato aveva detto esplicitamente che avrebbe accettato, ponendo una sola condizione, che la linea difensiva di Salah non fosse innocentista, che non dica «di non essere stato a Parigi il 13 novembre». Una condizione base che avrebbe reso, secondo Mary, molto interessante il caso.C'era già una trattativa in corso con la procura francese? Sta di fatto che dopo la cattura messa a segno dai belgi, l'avvocato del diavolo cavalca il braccio di ferro tra i pm dei due Paesi sull'estradizione. Prima si oppone, poi denuncia il procuratore di Parigi per aver violato il segreto istruttorio, infine accetta il trasferimento in Francia. Nel mezzo un altro gesto sospetto: rivelando che Salah stava parlando potrebbe aver inviato un segnale d'innesco agli attentatori di Bruxelles. Salah ora nega di averli mai conosciuti, ma loro lo citano in un file sul pc. Il diavolo si è servito dell'avvocato?

Annunci

Commenti

carpa1

Ven, 25/03/2016 - 09:17

Per favore non chiamatela democrazia e/o garantismo. Questo è autentico autolesionismo. Personaggi del genere, criminali ed avvocati del diavolo, dovrebbero essere semplicemente eliminati.Punto e basta.

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Ven, 25/03/2016 - 09:33

Solitamente dietro un atto, un gesto di presunto, nobile altruismo nel tentare di difendere ciò che la logica ('giustizia umana' e 'logica delle cose' sono concetti incompatibili) ritiene indifendibile si cela solo triviale ambizione e voglia effimera di celebrità. In una semplice parola: egoismo esasperato che sfocia in una forma malata di egotismo dispotico (il voler prevalere sugli altri). Nell'era del postesistenzialismo ciò costituisce ordinaria banalità.

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Ven, 25/03/2016 - 09:33

Sarebbe se non proprio nobile quanto meno meritevole il contrario: ovvero non lasciarsi abbindolare dalle sirene dei facili guadagni sia di soldi che di fama e gloria (effimera). Se riuscirà a limitare la sentenza di ovvia colpevolezza a 10/15 anni di comoda galera egli sarà considerato un 'grande avvocato' con tutte le remunerate conseguenze e la fama gloriosa che ciò inevitabilmente comporterà. Se, al contrario, il suo assistito sarà condannato l'ergastolo (ammesso che questa pena esista ancora in Belgio), la sentenza sarà considerata come una fisiologica conseguenza. In entrambi i casi all'avvocato ne verranno solo egoistici vantaggi. Senza voler considerare che cosa accadrebbe nel caso ci fosse una clamorosa assoluzione.

alberto_his

Ven, 25/03/2016 - 09:41

Onore a Sven Mary, portatore dei veri valori dell'occidente.

Happy1937

Ven, 25/03/2016 - 09:53

E allora in galera anche l'Avvocato!

dondomenico

Ven, 25/03/2016 - 10:47

Questo avvocato mi fa schifo! Per criminali del genere una difesa d'ufficio sarebbe già grasso che cola. Andasse a rendere omaggio alle povere vittime e andasse a far visita a tutti quei feriti che, senza colpa alcuna, si trovano a lottare tra la vita e la morte! AVVOCATO...MI FAI SCHIFO

paci.augusto

Ven, 25/03/2016 - 11:03

Spregevole figura di prezzolato difensore!!!

heidiforking

Ven, 25/03/2016 - 11:03

Pecunia non olent

Ritratto di Rames

Rames

Ven, 25/03/2016 - 11:16

Si va bene,i soldi contano,sodli,soldi, altrochè avvocato.Siete la razza peggiore sotto certi aspetti, celandovi con le vostre buone maniere borghesi, se vogliamo, parliamo dellle vostre parcelle avvocato!!E poi questi dovrebbero essere giudicati da un tribunale militare perchè siamo in guerra, una guerra dichiarata e questi sono i soldati, i nostri nemici.

bruno.amoroso

Ven, 25/03/2016 - 11:50

vi ricordate dell'avvocato della Franzoni? Divenne un personaggio mediatico

michele lascaro

Ven, 25/03/2016 - 12:13

Questo "avvocato" mi ricorda moltissimo gli avvocaticchi che difendevano i mafiosi una sessantina d'anni fa (e che spesso finivano, anche loro, in galera). Ora no so se siano cambiati.