Saviano: Napoli come Gaza, territorio di conquista

Napoli come Gaza, territorio di conquista per la più importante organizzazione politica e paramilitare del nazionalismo palestinese. Firmato: Roberto Saviano su la Repubblica

“De Magistris è adesso pronto a vincere un nuovo ballottaggio catalizzando forze che vanno dall'ex rettore democristiano dell'Università di Salerno, Raimondo Pasquino, alle avanguardie di Hamas a Napoli”: avete letto bene. Napoli come Gaza, territorio di conquista per la più importante organizzazione politica e paramilitare del nazionalismo palestinese. Firmato: Roberto Saviano su la Repubblica. Quoque tu, Saviano, che pure hai fatto un’analisi molto lucida della sconfitta del Pd nella capitale del Sud Italia. Quoque tu, che non hai risparmiato i tuoi strali nemmeno al Movimento 5 Stelle per la quisquilia di Quarto e della sindaca Rosa Capuozzo.

Ora, il Giornale non è mai stato e mai sarà un sostenitore del sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Ma affermare che la sua vittoria al primo turno delle elezioni comunali abbia a che fare con la questione israelo-palestinese appare quantomeno esagerato. Ora: non ci piove che ci sia una sinistra antagonista, estrema, movimentista che ha trovato nel sindaco uscente un suo campione. Che ci siano gli orfani di Super Bassolino che non saprebbero a quale Santo (politico) votarsi, pure questo ci sta. Soprattutto quando vedono il Pd che abbraccia Denis Verdini e che vende i voti per le primarie un tanto al chilo fuori dai seggi, come ha documentato il video di FanPage.it. E certamente c’è un mondo di centri sociali a Napoli molto attivo, ma meno dell’epoca d’oro degli anni Novanta, quando Officina 99 e il Tien’a Ment erano luoghi di ritrovo di massa per molti giovani napoletani (il fenomeno musicale dei 99 Posse nasce proprio in quegli anni). C’è anche l’elemento di una distorsione ideologica per cui l’onestà personale è assurta a posizione politica di per se stessa, da valore individuale e da tassello chiave dell’etica della responsabilità che era e che dovrebbe restare.

A questo si aggiunga una città che di solito “tiene in canna”, cioè non può sopportare i presidenti del Consiglio, si chiamino Romano, Silvio, Mario, Enrico o Matteo. E ci si metta pure un atteggiamento mentale, lo “sputtanapoletanismo”, per cui qualsiasi critica alla città diventa per molti suoi abitanti come una bestemmia in chiesa; per cui acceleratore pigiato su “Napoli capitale”, “Napoli rivoluzionaria” e così via. Con la leggenda nera delle “mani sulla città” per non meglio identificate manovre opache da parte governativa su Bagnoli, leggenda alla quale molti elettori hanno creduto e credono. Questi sono alcuni degli elementi del consenso di cui gode de Magistris a Napoli. Allora come nasce l’intemerata di Saviano su Hamas a sostegno di de Magistris? Perché una candidata della lista Democrazia Autonomia (tra quelle in appoggio al sindaco uscente), Rosa Schiano, si fece ritrarre qualche tempo fa a Gaza in una foto con alcuni militanti del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina armati fino ai denti, con kalashnikov e bazooka. Il Fronte è un’organizzazione considerata terroristica da Unione Europea, Stati Uniti e Canada, e a ragione dal momento che il FPLP si è reso protagonista di attentati terroristici contro gli israeliani e, tra l’altro, del dirottamento della nave Achille Lauro nel 1985. La Schiano è una studentessa universitaria, attivista filo-palestinese a Gaza, volontaria di Emergency di Gino Strada, insomma una militante di sinistra radicale.

Alle elezioni comunali del 5 giugno Rosa Schiano ha ottenuto 470 voti, non esattamente un plebiscito “bulgaro”. Ora, lungi da noi (figuriamoci!) difendere la Schiano, le sue posizioni e le sue frequentazioni politiche, ma è sufficiente una candidata con posizioni radicali pur assolutamente discutibili a qualificare il risultato di de Magistris e, in definitiva, la città di Napoli come preda delle avanguardie di Hamas? Per Roberto Saviano evidentemente sì. Insomma nelle urne di domenica, più che il lungomare pedonalizzato di Napoli, potè il lungomare di Gaza… e al ballottaggio tra una quindicina di giorni chi sarà decisivo? Non fosse che Osama bin Laden e il mullah Omar sono defunti, avremmo pensato a un tour elettorale pirotecnico sul Golfo…

Commenti
Ritratto di pediculus

pediculus

Mar, 07/06/2016 - 13:40

Non proprio,...ma quasi !

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 07/06/2016 - 13:42

tutti i torti non ha... mo' perché parla Saviano ha sempre torto?

Vera_Destra

Mar, 07/06/2016 - 14:07

Non è vero che Napoli è come Gaza! E' molto peggio...

honhil

Mar, 07/06/2016 - 14:08

Saviano forse della scorta ne ha fatto un motivo di prestigio. Del resto, in Italia, se non si ha la scorta, si è meno di zero. Tuttavia, ha le sue ragione quando dice che Napoli possa essere terra di conquista per l ‘organizzazione politica e paramilitare del nazionalismo palestinese’. E non sarebbe la prima volta che l’estrema sinistra amoreggi con questa o con quella organizzazione dal sapore terroristico. Né e solo Napoli a cercare di stringere un’amicizia con gli amanti del Kalashnikov. Pure a Milano, quella sinistra, ha portato in consiglio comunale una candidata che si diceva simpatizzasse apertamente per la causa dei fratelli mussulmani. E allora è lo Stivale ad essere terra di conquista, o no?

Ritratto di hermes29

hermes29

Mar, 07/06/2016 - 14:14

AMMINISTRADA DA DECENNI DAL CENTROSINISTRA, non è terra di conquista ma di DOMINIO POLITICO, al par simile dei capi terroristi di Hamas, che sottomettono il popolo palestinese da decenni: gli uni con il ricatto e promesse di lavoro o favoritismi e clientelismi vari, gli altri con condanne a morte immediate. Saviano come anima sensibile, ha compreso le analogie e colpe politiche che stanno affogando ed imprigionando tutta la Campania. L'arrivismo fatto poesia, cosi si espresse in figura non immacolata ne pia. SINCERTA' come un filo sottile ma udibile arriva da una radio molto distante. "ascoltarla non nuoce" Una sola controindicazione: impara a camminare da solo.

Ritratto di armandoesse

armandoesse

Mar, 07/06/2016 - 14:21

Non prendetele sottogamba o come fossero delle sciocchezze le cose dette da Saviano ,il problema islam radicale ( Hamas ) non è una cazzata ma una realtà .

cicocichetti

Mar, 07/06/2016 - 14:30

Insieme alla Schiano troviamo Eleonora de Majo, candidata come consigliere comunale con DEMA ( De Magistris ) che ultimamente ha fatto un'uscita molto fuoriluogo su Isarele e Palestina. Senza contare la cittadinanza onoraria ad Abu Mazen, ed il supporto dato alla millantata FREEDOM FLOTTILLA. Cmq credo che l'intervento di Saviano si riferisca più alla malavita organizzata che utilizza metodi molto simili ai combattenti di Hamas o ai gruppi salafiti. Dire che Napoli è come Gaza significa dire che Napoli è ostaggio di forze malavitose che da una parte affossano la città con la criminalità, il racket e la droga. Dall'altra si presenta come una forza apartitica e antigovernativa, che conta sulla connivenza dei cittadini ghettizzati nei quartieri più arretrati. Ma ovviamente il firmatario del pezzo, tale Simone Savoia cosa ne può sapere ? Lui la camorra non la nomina neanche, il che porta a pensare che oltre ad essere un pennivendolo, è anche un grosso fazioso.

pasquinomaicontento

Mar, 07/06/2016 - 14:42

Er giudio, perchè è giudio,Saviano,che parla di Gaza e dei Palestinesi, come dei terroristi,come se i rapinatori di terre Palestinesi e Siriane (vedi le alture del Golan) fossero venuti da Marte.Fosse pe' me la scorta se la dovrebbe pagà da se...quelli si che sò sordi rubati alla collettività.Ma poi me domanno e me risponno :-Vale la pena parlà ancora de 'sta nullità...No.

agosvac

Mar, 07/06/2016 - 14:56

Ma come? Saviano non era l'esperto della camorra? Ora è diventato esperto del terrorismo in Palestina! Se non ho capito male dice che de Magistris ha vinto per l'appoggio di hamas. A parte che non si capisce bene cosa abbia hamas a che fare con Napoli, non si capisce neanche bene il perché un sinistroide se la possa prendere contro hamas. I terroristi palestinesi sono sempre stati beniamini dei sinistroidi italiani. Resta sempre da dimostrare che saviano sia in grado d'intendere e voler oppure se sia completamente fuori di testa.

forbot

Mar, 07/06/2016 - 14:59

Cara mia Napoli ! Il primeggiare in ogni campo, nel bene e nel male è nel tuo DNA - Visto che stavolta hai intrapreso a percorrere quella china; ci aspettiamo di vedere da te cose da pazzi. Ma non pensare di durare così ! Il mio cuore, come quello di moltissimi napoletani come me, sono certo, soffre ! Gli occhi mi si riempiono di lacrime, vedono riflesso ancora quel ragazzo che andava nel negozio di De Magistris, molto quotato, ai Quattro Palazzi, poco distante dal Ponte di S.Severino, in Corso Umberto Primo, ad acquistare matite e penne cavallotto, con tanta gioia nel cuore e tanto amore per la mia città. Ora un De Magistris, governa la Città. Ma è tutta un altra storia. Si dice che la fiducia deve essere l'ultima a morire. Speriamo bene !

giovauriem

Mar, 07/06/2016 - 16:35

forbot , che fai , dai credito a questa accozzaglia di stitici mentali(compreso saviano che per 30 denari ed è in attesa di vendersi a chi ne offre 31) nel tuo post hai scritto che napoli primeggia , nel bene e nel male e questa oltre ad essere storia è filosofia , non fruibile da chi per secoli ha mangiato granaglie macinate .chi stabilisce quale è il bene e il male ? certamente non questo pugno di pecoroni , compreso saviano .

tzilighelta

Mar, 07/06/2016 - 17:12

Leggendo l'articolo Savoia sembra dare ragione a Saviano, forse la voglia di attaccarlo sempre e comunque ha prevalso, del resto anche i bananas danno del comunista a Saviano che, semmai, è sempre stato simpatizzante di destra! Stasera c'è "gomorra" buona visione!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 08/06/2016 - 08:02

Beh....non è vero forse?

Ritratto di armandoesse

armandoesse

Mer, 08/06/2016 - 10:01

E' un fatto che a Napoli più di ogni altra città d'Italia l'islam abbia fatto molte conversioni e questo vuol dire che De Magistris governa e governerà la città anche grazie a fondamentalisti islamici ovviamente anche antisemiti oltre che volere la distruzione di Israele , bella gente ti ha votato Gigino , complimenti . PS per il Giornale, qualche sera fa sul canale tv Iris (mediaset ) sono andati in onda in prima e in seconda serata due film dichiaratamente e schifosamente anti israeliani , dando l'immagine di Israele non di uno stato democratico aggredito per due volte dagli stati arabi e palestinesi da 60 anni dal terrorismo palestinese . Sallusti , lo faccia presente ai responsabili di Mediaset che tanta propaganda contro Israele non è una bella cosa.

LaGaviota

Lun, 07/11/2016 - 14:51

Ho acceso la tv e stò ascoltando Bocelli cantare in inglese, in spagnolo ed in italiano. Il pubblico è incantato e commosso. Adesso sono tutti in piedi ad applaudirlo mentre lui si scusa per il suo inglese........ mi manchi, te extraño, l'appuntamento, besame mucho, una vez nada mas....... questi sono gli italiani che mi piacerebbe vedere sempre in tv, Bocelli, Saviano, persone che ancora mi fanno sentire orgogliosa di essere italiana.