Negli Stati Uniti la casa è inviolabile ma le leggi variano

Il domicilio è sacro, la reazione violenta però non è ammessa ovunque. In Texas si può sparare anche in ufficio. A New York si rischia il carcere

Negli Stati Uniti la chiamano «Castle Doctrine». È un'espressione che deriva dalla common law inglese e dalla frase: «La casa di un inglese è il suo castello». È alla base dell'approccio legale in caso di legittima difesa all'interno di un'abitazione.

In breve, la «Castle Doctrine» garantisce ai cittadini americani all'interno delle proprie case il diritto di proteggere loro stessi e gli altri anche attraverso l'utilizzo della forza, in alcuni casi letale. Non si tratta di una legge ma in alcuni Stati dell'Unione rappresenta un principio spesso incorporato nelle leggi stesse. L'uso della forza per legittima difesa all'interno della propria abitazione, quindi, è giustificato o no a seconda degli Stati, e segue comunque la norma generale per la quale la forza utilizzata deve essere proporzionata alla situazione, ai fatti, al tipo di assalto.

Un articolo del 2011 della rivista della South University degli Stati Uniti entra bene nel dettaglio di una questione dibattuta, spiegando come «quello che può essere considerato legittima difesa in uno Stato, può portare in un altro a una condanna a omicidio o strage». La Castle Doctrine è legata a un altro concetto legale importante negli Stati Uniti, il duty to retreat , applicato da molti tribunali locali. La persona aggredita, prima di reagire con l'utilizzo della forza, anche se si sente minacciata e a rischio della vita, deve fare di tutto per evitare il confronto, tentare di ritirarsi dalla situazione. È il contrario di un'altro concetto legale, lo stand your ground , che non richiede invece a un individuo che si sente aggredito o minacciato di evitare a ogni costo lo scontro. Di questo approccio si è parlato molto nel 2012, quando il diciassettenne disarmato Trayvon Martin in Florida, uno Stato che secondo il sito di inchieste americano Pro Publica «ha allargato in maniera esplicita il diritto di usare la forza letale per difesa personale», è stato ucciso da un colpo di pistola da George Zimmerman durante un litigio. L'uomo non fu condannato perché disse di essersi sentito minacciato e di aver agito per difesa personale, in uno Stato in cui vige lo stand your ground .

Per quanto riguarda case e abitazioni, spiega la rivista della South University, ci sono Stati in cui la Castle Doctrine è applicata in maniera più «forte»: in alcuni casi al padrone di casa non è richiesto di tentare di «ritirarsi» dal confronto prima di usare la forza. In Texas per esempio la Castle Doctrine si applica perfino alle automobili e ai luoghi di lavoro. Non è richiesto un tentativo di defilarsi dalla situazione ed è giustificato l'uso immediato della forza anche letale quando qualcuno tenta di entrare illegalmente usando la forza, in caso di tentativi di stupro, omicidio e furto. Altri Stati con leggi simili sono Georgia, Alabama, Arizona, Louisiana, Montana, Nevada, Oklahoma, Tennessee, Utah, Washington, Kentucky.

Non accade lo stesso nello Stato di New York, dove la forza è giustificata soltanto se si ha la certezza di non poter spingere un intruso a lasciare la proprietà senza andare allo scontro. Lo stesso in California, dove non si sarà condannati per l'uso della forza nel proteggere la propria abitazione soltanto se si prova di essere stati in estremo pericolo di vita. Il tentativo di furto non è una giustificazione per l'uso della forza in difesa personale per tutti i tribunali locali. Leggi simili sono adottate da Pennsylvania, New Hampshire, New Mexico, Virginia, Vermont, District of Columbia.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Dom, 25/10/2015 - 09:20

In italia invece c'e' la death dotrine, fatti derubare e amazzare ma non muovere un dito. Guai se tocchi caino.

steacanessa

Dom, 25/10/2015 - 09:38

Le leggi confuse, come le nostre, che lasciano mano libera ai giudici si stanno evidentemente diffondendo negli USA. Forse loro si possono salvare perché i magistrati sono in parte elettivi e prendono sul serio la difesa del cittadino contro l'ingiusto aggressore. Noi siamo nudi alla mercé di chi delinque.

VittorioMar

Dom, 25/10/2015 - 09:52

...incominciano i distinguo e le variazioni sul tema....la "PROPRITA? PRIVATA" si estende anche al giardino di pertinenza..o NO? Senza recinzione...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 25/10/2015 - 10:53

lo sparatore in casa dovrebbe essere innocente a prescindere, poi sarà la magistratura a scoprire se era o non era una rapina. Poi se è una rapina io posso sparare anche se scappano, quindi alle spalle, perchè è gente che non merita di vivere, perchè fanno vivere noi sempre con la paura e spendere soldi per proteggerci. Basta ragionare che sono povera gente.

Zizzigo

Dom, 25/10/2015 - 12:19

Le leggi, nei Paesi bene governati, seguono le necessità locali. Se le leggi diventano troppo garantiste, nei confronti della malavita, non è segno di "buon governo", ma di "confusione mentale", talvolta "eccessiva", come da noi.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 25/10/2015 - 12:43

MA; ANCHE GLI ANIMALI SE VENGONO AGGREDITI SI DIFENDONO FINO AD UCCIDERE CHI LI MINACCIA! É SE QUESTO É NORMALE PER GLI ANIMALI; PERCHE IO NON DEVO AVERE LO STESSO DIRITTO?;É CHE GLI ANIMALI SONO FORSE MIGLIORI DI ME OPPURE DELLA MIA FAMIGLIA?!.

routier

Dom, 25/10/2015 - 14:17

In Italia le leggi sono soggette a "interpretazione" (anacronistica facoltà concessa ai magistrati) pertanto avere giustizia è spesso un terno al lotto! Tra noi e lo "ius" anglosassone ci sono di mezzo circa otto secoli di democrazia (da re Giovanni Senzaterra, dei Plantageneti, fino ai giorni nostri).

alox

Dom, 25/10/2015 - 15:04

Condivido con Zizzigo: In Italia abbiamo ex-terroristi con incarichi e consulenze governative, Mafiosi, Camorristi che dirigono, Schettino che da' lezioni alle Univerista'...DOVE VOGLIAMO ANDARE?

Il giusto

Dom, 25/10/2015 - 15:14

Uff...giorni a dire che bisogna fare come negli usa e adesso si scopre che da loro è come da noi!Anche loro,nella maggior parte degli stati,se spari ad un uomo disarmato rischi la condanna!

alox

Dom, 25/10/2015 - 15:23

Inoltre in USA quando si digita il 911 (la Polizia) questi celermente arrivano e ci pensano loro ad usare la FORZA! L'uso delle armi, il possesso delle armi in Usa e' protetto dalla costituzione (art.2) per difendersi contro un'eventuale tirannia del governo!

maricap

Dom, 25/10/2015 - 18:03

Provate ad entrare nella tana di un orso, oppure ad avvicinarvi minacciosi a un gruppo di elefanti, che hanno cuccioli. Solo tal Librandi non reagirebbe, e si farebbe fare di tutto e di più. E si, lui è di Sciolta Civica